Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Slovacchia

Utrecht (Paesi Bassi): forum su volontariato e società
Mezza giornata per riflettere sul ruolo del volontariato nel funzionamento della società: la proposta viene dalla diocesi olandese di Utrecht per l’1 novembre, festa di Ognissanti. “Credi che più volontariato potrebbe cambiare la società?”, è la domanda attorno a cui si snoderanno i lavori, organizzati dalla fondazione Kim, istituzione di ispirazione cattolica che lavora su mandato della diocesi per “identificare le esigenze delle persone vulnerabili e attivare gruppi di volontari che possano contribuire a soddisfare tali esigenze”, spiega il segretario della fondazione Kim, Frans Snijders. “È radicato nella storia dei cristiani impegnarsi per le persone in difficoltà, a partire dal principio che ogni essere umano vale la pena. Questo è coerente anche con il nostro desiderio di un futuro migliore per tutti”, spiega Snijders. Il seminario inquadrerà il tema del volontariato nel contesto della dottrina sociale della Chiesa con un intervento di Fred van Iersel (docente di teologia pratica dell’Università di Tillburg) e della legge olandese per il sostegno sociale (Wmo). Verranno passate in rassegna alcune iniziative concrete della fondazione, con un approfondimento sul progetto “Con e per i giovani in lutto”, un percorso articolato di accompagnamento per bambini, giovani o genitori che soffrono per la morte di una persona cara in giovane età.

Repubblica Ceca: a Brno nuovo consultorio cristiano
Un nuovo consultorio cristiano di psicologia e pedagogia a Brno è stato benedetto da mons. Jiri Mikulášek, vicario generale della diocesi di Brno, il 24 ottobre. Esperti in entrambi i campi inizieranno a lavorarvi il 3 novembre, con l’intenzione di fornire i propri servizi di consulenza “nello spirito delle norme, dei principi e dei valori cristiani”. Il consultorio collaborerà con varie organizzazioni educative ed ecclesiali, oltre che con istituzioni che si occupano dei bambini, dei giovani e della famiglia. “I servizi psicologici e i servizi pedagogici speciali forniti dal consultorio avranno come campo d’azione principalmente bambini, adolescenti, genitori, insegnanti nonché esperti e gruppi di laici che operano nell’area dell’educazione cristiana nella Moravia meridionale”, spiegano i coordinatori del progetto. Gli sforzi degli esperti saranno focalizzati su tematiche quali la gestione delle crisi, i problemi di comunicazione sociale e interpersonale, l’analisi delle prospettive di studio e professionali, la diagnostica di vari disturbi associati al processo educativo. Per ulteriori informazioni è disponibile il sito internet www.kpppb.cz.

Slovacchia: uguaglianza di genere, la posizione dei pro-life
Diverse organizzazioni pro-vita e pro-famiglia hanno espresso la loro preoccupazione per il contenuto della “Strategia nazionale per l’uguaglianza di genere” e per il suo “Piano d’azione” per il quinquennio 2014-2019. “Questi due documenti ignorano le differenze tra le preferenze naturali degli uomini e delle donne che dovrebbero essere rispettate”, afferma Patrik Daniska dell’Istituto per i diritti umani e le politiche familiari. Questa organizzazione non governativa sottolinea che la strategia prevede di investire quantità enormi di denaro in una formazione teorica inutile in materia di uguaglianza di genere, invece di compiere sforzi concreti per migliorare la situazione materiale delle famiglie con bambini, promuovere il diritto delle donne a crescere i loro figli in condizioni adeguate e dignitose o aiutare le famiglie con genitori singoli. “In questo modo, la proposta risulta soltanto un documento ideologico, privo di soluzioni concrete ai problemi reali”, sostiene Maria Raucinova del Forum per la vita, criticando “l’approccio ignorante” del governo nei confronti della questione e rispetto alle proposte e alle obiezioni di organizzazioni non governative che rappresentano centinaia di migliaia di abitanti della Slovacchia.

Altri articoli in Archivio

Archivio

Informativa sulla Privacy