Verso l’Ue? L’isola si divide

I negoziati per l'adesione sono arenati. Forze politiche schierate su fronti opposti

L’Islanda oscilla tra timore e desiderio di Ue. L’isola del nord Europa aveva avviato nel giugno 2010 i negoziati di adesione: 27 capitoli erano stati aperti, 11 chiusi in via provvisoria, perché già conformi alle direttive comunitarie. Il capitolo più spinoso è quello della pesca, attorno a cui ruota il 50% dell’economia islandese. Ma il nuovo governo di destra, eletto nel maggio 2013, espressamente contrario all’adesione, ma che in campagna elettorale aveva promesso di sottoporre la questione a referendum popolare, ha deciso di mettere in stand-by i negoziati senza consultare i cittadini. Il 20 febbraio, il primo ministro e leader del Partito progressista (euroscettico), Sigmundur David Gunnlaugsson, ha dichiarato che avrebbe rimesso la questione al voto del parlamento, contraddicendo la promessa pre-elettorale e sollevando perciò una serie di proteste di piazza che hanno attratto migliaia di cittadini e una petizione di 55mila firme per chiedere al governo di indire il referendum sulla continuazione dei colloqui prima di prendere una decisione. Intanto l’Islanda è già membro dello Spazio economico europeo, dell’area Schengen, dell’Associazione europea di libero scambio, della Nato e, da maggio insieme alla Norvegia, primo Paese non Ue ad associarsi a Horizon2020, il programma di ricerca e innovazione dell’Unione. Secondo un sondaggio condotto a maggio, il 37,3% degli aventi diritto al voto vorrebbe l’Islanda nell’Ue (ad aprile la percentuale era del 33,5%), contrari il 49,5%. Sarah Numico, per Sir Europa, ha intervistato Birgir Guðmundsson, docente presso la facoltà di Scienze sociali dell’Università di Akureyri.

Professore, l’Islanda ha interesse a entrare nell’Ue?
“La vicenda tra Unione europea e Islanda può essere divisa in due parti. Anzitutto si vorrebbe portare a termine il processo di adesione a suo tempo avviato avviato per verificare che tipo di ‘contratto d’ingresso’ verrebbe offerto all’Islanda. Su questo l’opinione pubblica è favorevole e propensa a capire soprattutto le ripercussioni per la pesca e le sue politiche. Per altro verso, però, l’atteggiamento generale e l’orientamento dell’opinione pubblica verso l’idea dell’Islanda membro dell’Ue sembra essere abbastanza critico. Sotto certi aspetti è una contraddizione, poiché la maggioranza dei cittadini vuole vedere che cosa l’Ue ha da offrire, senza però essere disponibile a entrare nell’Unione. Non penso che sia il segno di un crescente pro-europeismo, ma forse c’è alla base una critica verso il governo attuale e la sua politica europea”.

Allora perché le manifestazioni di piazza pro-Ue a febbraio e marzo? O l’annunciata nascita di un nuovo partito europeista, Viðreisn (“ricostruzione”)?
“I partiti al governo, soprattutto il Partito indipendentista (alleato del Partito progressista – ndr), avevano promesso in campagna elettorale che avrebbero dato la possibilità ai cittadini di andare alle urne per un referendum che stabilisse se continuare o meno il processo di adesione, sebbene il partito stesso avesse dichiarato di essere fortemente anti-Ue. L’intenzione dei partiti di maggioranza di presentare una mozione in parlamento per concludere il processo con l’Unione senza referendum è stata accolta male, come un atto di arroganza, un tradimento delle promesse. Le manifestazioni hanno riguardato più il modo in cui la vicenda è stata condotta politicamente e la conclusione dei negoziati con l’Ue, che la questione dell’ingresso o meno nella ‘casa comune’. Questo nuovo partito, che non si è ancora costituito, sembra essere una forza di centro-destra europeista. I sondaggi mostrano che prenderebbe voti sia dal Partito indipendentista, ma anche dai socialdemocratici e dai liberali del Partito Bright future, i più ardenti pro-Ue”.

Una paura dell’Islanda verso l’integrazione europea era legata alle eventuali conseguenze negative per il settore ittico; sembrava per altro che l’Ue non fosse disposta a mettere in questione la propria politica comune della pesca. Si è mosso qualcosa?
“Nelle trattative tra Islanda e Ue i capitoli su pesca e agricoltura non sono mai stati aperti e resta completamente oscuro che cosa l’Unione sarebbe stata pronta ad accordare e quali sarebbero state le politiche in questo settore. Ciò ha contribuito a generare irritazione nell’opinione pubblica verso la decisione del governo di concludere le trattative, prima di sapere qualcosa su questo punto. Ora però è stato deciso che la mozione in parlamento sarà affrontata dopo l’estate. La discussione è stata quindi congelata”.

Che cosa si attendono dall’Europa i pro-Ue?
“Gli europeisti vedono l’Unione come uno strumento per dare stabilità monetaria all’Islanda. Se entrasse nell’Ue, l’Islanda diventerebbe membro dell’unione monetaria il più in fretta possibile”.

Altri articoli in Archivio

Archivio

Informativa sulla Privacy