Doppio regalo per Madrid

Iniziata la campagna di Natale per la Gmg2011

È iniziata la campagna di Natale della Giornata mondiale della gioventù con l’obiettivo che genitori e nonni regalino a figli e nipoti l’iscrizione alla Gmg di Madrid, alla quale si spera accorreranno giovani da tutto il mondo.Iscrizioni e solidarietà. La campagna, che sarà su internet, stampa, radio e tv, ha tra i testimonial Vicente Del Bosque, selezionatore nazionale di calcio, Inma Shara, direttore di orchestra, e lo scrittore Leopoldo Abadía. I tre inviteranno a regalare le iscrizioni per l’impatto che avrà un evento come la Gmg per la vita di tanti. Secondo Gabriel González-Andrío, direttore del Marketing della Gmg “il messaggio di questa campagna serve per far capire che si tratta di un doppio regalo giacché le persone che s’iscrivono possono collaborare con un Fondo di solidarietà che permette di partecipare a giovani senza mezzi dei Paesi più poveri, che stanno in guerra o hanno sofferto il flagello di catastrofi naturali”. D’altra parte, chi prima completa l’iscrizione alla Gmg, effettuando anche il pagamento, avrà un posto nei settori più vicini all’area in cui si troverà il Papa, nella Veglia del sabato e nella Messa conclusiva della domenica nell’aerodromo di Cuatro Vientos. L’assegnazione delle zone seguirà i seguenti criteri: la Zona O sarà l’area riservata alle persone con disabilità fisiche o mentali, ai giovani vincitori dei concorsi dei social network, alle autorità e agli sponsor; la Zona A quella assegnata a coloro che si iscrivono per primi, secondo lo slogan “Quanto prima ti iscrivi, tanto più vicino sarai al Papa”. Per quanto riguarda le Zone B e C, anche queste aree saranno via via assegnate in base all’ordine di iscrizione. Ma, dicono gli organizzatori, bisogna affrettarsi ad iscriversi: ogni area misura approssimativamente un ettaro.A Madrid scout da 17 nazioni. Gli scout stanno preparandosi già da mesi alla Giornata mondiale della gioventù di Madrid, che offrirà l’occasione a migliaia di loro di visitare la Spagna nell’agosto 2011; per questo verranno chiamati come volontari 1.200 scout per far parte dell’organizzazione. La partecipazione di questi giovani è frutto dell’accordo tra l’organizzazione della Gmg e l’Unione internazionale delle guide e scout d’Europa. È la prima volta che la Giornata mondiale della gioventù firma un accordo con questa associazione affinché i suoi membri collaborino nell’organizzazione. Nei giorni della Gmg i giovani volontari scout aiuteranno nelle funzioni di gestione e alloggiamento dei pellegrini, nei luoghi scelti per la loro accoglienza e durante gli eventi principali. Questi scout, che verranno da 17 nazioni diverse del mondo, lavoreranno in gruppi di sei persone. L’Unione internazionale delle guide e scout d’Europa è l’insieme di 17 associazioni nazionali di scout costituita da 55.000 giovani cattolici distribuiti in tutta Europa, da Russia, Repubblica Ceca, Ucraina a Francia, Italia e Spagna. Oltre ai volontati, molti gli scout che parteciperanno alla Gmg e al programma “Giorni nelle diocesi”, dall’11 al 15 agosto 2011, alloggiati nelle diverse diocesi di Spagna per essere in contatto con gli scout locali e di altre nazioni.“Solidarietà e carità fraterna”. Lo stesso Giovanni Paolo II lanciava già un messaggio ai giovani scout nel 1994 affermando che essi sono chiamati a “partecipare con tutto l’ardore della giovinezza alla costruzione dell’Europa dei popoli, affinché sia edificata una società fondata sulla solidarietà e sulla carità fraterna”. Queste sono le basi dei principi delle guide e degli scout d’Europa, che sono impegnati in uno stile di vita fondato nel sentirsi al servizio di Dio, uno stile che favorisce la formazione del carattere, l’acquisizione di abilità manuali e la promozione della salute. Come afferma il responsabile delle guide e scout d’Europa in Spagna, Juan Pedro Sánchez-Horneros, “sono uno strumento di pastorale per le Chiese, un motore di educazione nella fede dei loro membri e una fonte di vocazioni alla leadership, alla vita sociale e alla vocazione personale, tanto religiosa come laicale”. Inoltre, sacerdoti e religiosi guidano il cammino dei gruppi e le attività portate avanti nelle parrocchie.Come vivono i preparativi i giovani salesiani. Dagli scout al Movimento giovanile salesiano (Mgs). La delegazione per la comunicazione sociale salesiana della Spagna, impegnata già da tempo nella preparazione della Gmg di Madrid, è interessata a conoscere i preparativi per quanto concerne la partecipazione salesiana. “C’interessa sapere quello che il Mgs sta organizzando in ogni Paese, le iniziative, le attività, come state preparando il viaggio a Madrid… tutto ciò che pensate possa interessare alla Famiglia salesiana e ai media”, dice don Javier Valiente, delegato nazionale per la comunicazione sociale. A tal scopo è stata attivata una apposta e-mail alla quale inviare fotografie e notizie collegate al Mgs e alla Gmg. Il materiale pervenuto sarà opportunamente indirizzato ai media spagnoli che possono essere interessati a conoscerle.

Altri articoli in Archivio

Archivio

Informativa sulla Privacy