L’ingiusta misura

Detenzione nei centri: uno studio del Jesuit refugee service-Europe

La detenzione dei migranti nei centri di 23 Paesi europei provoca “danni alla salute fisica e mentale”, soprattutto tra le categorie più vulnerabili come donne e minori. Richiedenti asilo e immigrati irregolari soffrono di “ansia, depressione, emigrazione, perdita di peso, insonnia” dovute allo stress psico-fisico di trovarsi privati della libertà “senza aver commesso nessuno reato”, inattivi, senza contatti con l’esterno, in condizioni igieniche precarie, nell’incertezza del futuro. L’80% dei richiedenti asilo non sa quando potrà uscire dal centro. Molti equiparano il loro centro di detenzione ad una “prigione” e in molti centri sono stati registrati abusi fisici e verbali. È quanto emerge, in sintesi, da uno studio di 400 pagine realizzato dal Jesuit refugee service-Europe, il servizio dei gesuiti che ha sede a Bruxelles, che ha coinvolto organizzazioni non governative di 23 Paesi europei. L’Italia ha collaborato tramite il Centro Astalli, ma né in Italia né nel Regno Unito (che non ha dato il permesso di condurre ricerche nei centri) sono stati intervistati migranti. Il progetto “Diventare vulnerabili durante la detenzione”, presentato l’8 giugno a Bruxelles, è cofinanziato dalla Commissione europea tramite il Fondo europeo per i rifugiati. Detenzioni lunghe, peggiora la salute. Dal rapporto emerge che “più è lunga la detenzione più le condizioni dei migranti peggiorano”. La durata media della detenzione è di circa 3 mesi, ma si va da 1 giorno a 31 mesi. Molti migranti – si legge nello studio – si lamentano delle condizioni dei centri: toilette e docce “poco pulite, scarsa qualità e igiene del cibo, “sovraffollamento”. Le regole dei centri (orari stabiliti dei pasti, della ricreazione, coprifuoco notturni) fanno sentire i migranti “come se fossero in prigione”, in una situazione di grande “isolamento e inattività”. “Abusi fisici sono stati registrati in tre quarti dei Paesi europei – denuncia il rapporto -, e abusi verbali in 19 Stati membri. I minori, le donne dai 18 ai 24 anni e i richiedenti asilo riferiscono di essere stati vittime di abusi fisici e verbali”. Cure mediche insufficienti. Anche le cure mediche vengono giudicate insufficienti: “Mancano specialisti come psicologi, ginecologi e dentisti. L’87% dice di non aver usufruito di terapie psicologiche” e il 90% delle donne tra i 18 e i 24 anni chiede migliori cure sanitarie. “La salute fisica – osserva lo studio – peggiora con la durata della detenzione”: il 72% di chi che è detenuto dai 4 ai 5 mesi lamenta problemi di salute. La maggior parte dei disturbi sono di natura mentale, e molti si dicono “scioccati”, “impauriti” e “depressi”: soffre di problemi psicologici il 71% dei migranti che trascorre dai 4 ai 5 mesi nei centri. Qui nascono anche conflitti a causa delle differenti culture e della difficoltà di comunicare in lingue diverse. L’80% dei richiedenti asilo non riceve visite di familiari e amici.Le raccomandazioni agli Stati membri. La ricerca dei gesuiti europei conclude affermando che “il costo umano della detenzione è troppo alto”, quindi “bisogna ricorrervi solo come ultima risorsa”. Per questo vengono suggerite una serie di raccomandazioni ai decisori europei e agli Stati membri: la richiesta che “i richiedenti asilo non siano detenuti durante la procedura”; l’attuazione, per i richiedenti asilo, di “misure alternative alla detenzione che rispettino la dignità umana e i diritti fondamentali”; un sistema di identificazione dei bisogni dei richiedenti asilo e delle categorie più vulnerabili attivo “nei luoghi di ingresso” (terra, mare o aria); e nel caso non si possa evitare la detenzione, “che sia usata per il minor tempo possibile”, con il “supporto di aiuto legale e/o assistenza fin dal primo giorno di detenzione”. Si chiede, inoltre, che vengano date ai richiedenti asilo “tutte le informazioni necessarie, in forma scritta ed orale, nella lingua che comprendono, per poter avviare la domanda di asilo”, ma anche la possibilità di svolgere attività “fisiche ed intellettuali”, di “avere contatti con il mondo esterno”, e “adeguate cure mediche, comprese quelle psicologiche”. Il testo completo della ricerca è disponibile su: www.jrseurope.org.

Altri articoli in Archivio

Archivio

Informativa sulla Privacy