Educare nella verità

Un impegno che cresce nelle parrocchie e sul territorio

"Educati alla carità nella verità. Animare parrocchie e territori attraverso l’accompagnamento educativo": è il tema del 34° convegno nazionale delle Caritas diocesane, in corso dal 26 al 29 aprile a San Benedetto del Tronto (Ap). Vi partecipano oltre 600 direttori e operatori da 220 Caritas diocesane di tutta Italia.

Ridurre i consumi voluttuari. Un invito a promuovere l’accesso al credito e la microfinanza, la sobrietà e gli stili di vita, "senza timore di ridurre i consumi voluttuari, perché la minor spesa, in qualche campo di non primaria necessità, può essere ben compensata da maggiori investimenti per esigenze più necessarie a difesa dell’occupazione": lo ha rivolto mons. Giuseppe Merisi, vescovo di Lodi e presidente della Commissione episcopale per il servizio della carità e la salute e presidente di Caritas italiana, nella sua prolusione in apertura di convegno. Mons. Merisi ha toccato vari temi, tra i quali la crisi economica, le iniziative per l’Anno europeo della lotta alla povertà, il volontariato, l’educazione alla pace, alla mondialità, all’intercultura, la Chiesa e il Mezzogiorno, l’immigrazione.

A Trapani il Migramed Forum 2010. Il tema dell’immigrazione, ad esempio, può essere collocato, secondo il vescovo, "nell’impegno educativo per le giovani generazioni" perché "parlare di rapporto corretto con i fenomeni dell’immigrazione, dei rifugiati e dei richiedenti asilo significa parlare di accoglienza e di legalità, di integrazione, di diritti e doveri, da tutti rispettati e attuati". Perciò, in sintonia con Caritas Europa e Caritas internationalis, mons. Merisi ha annunciato la nuova iniziativa promossa da Caritas italiana, il Migramed Forum 2010, che coinvolgerà anche i rappresentanti delle Caritas dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo. Si svolgerà a Trapani dal 16 al 18 giugno 2010.

"Non appropriarsi delle emergenze". Sul fronte "emergenze" sono stati tanti "i banchi di prova" in cui Caritas si è trovata ad intervenire: Abruzzo, Sicilia (Messina-San Fratello), Calabria (Maierato), Haiti, Cile. Il presidente di Caritas italiana ha denunciato "la tentazione di appropriarsi dell’emergenza, pur motivata dalle più nobili intenzioni verso le persone coinvolte", con "il rischio concreto di lasciare il deserto dietro di sé". "Gestire l’emergenza ‘a parte’ – ha affermato –, staccandola dal contesto in cui si è manifestata, significa lasciare le persone isolate dalla comunità di appartenenza, prive di riferimenti concreti e immediatamente disponibili, sempre in condizioni di diversità e distanza". Al contrario "il servizio più prezioso che si deve a una comunità colpita" è "di restituirle fiducia valorizzandone il quotidiano".

"L’aiuto non è un optional". "La relazione di aiuto rappresenta un’attenzione essenziale della vita cristiana e della vita delle parrocchie, non è un optional da collocare a lato di annuncio e celebrazione, perché l’appello dei poveri rappresenta l’antidoto essenziale contro ogni forma di narcisismo dell’annuncio e della celebrazione". Lo ha detto mons. Franco Giulio Brambilla, vescovo ausiliare di Milano e presidente del Comitato per gli studi superiori di teologia e di scienze religiose. "La carità alleggerisce la nostra vita dal potere salvifico del consumismo – ha detto mons. Brambilla –, ci dice che lo cose ci servono e devono essere messe a servizio degli altri, ci suggerisce che non dobbiamo farcene schiavi, ma sono strumenti della libertà". "La missione della carità – ha proseguito – è di sciogliere i legami di una Chiesa potente per farla serva, di essere rimprovero vivente a una società dell’arrivismo e della concorrenza, del consumismo e dello spreco". Mons. Brambilla ha invitato i convegnisti "ad un’opera di revisione profonda dei nostri percorsi formativi pratici, dei corsi, delle relazioni, delle conferenze, delle iniziative pratiche proposte con valenza pedagogica". "Sarebbe bello – ha suggerito il vescovo – che i responsabili Caritas di parrocchia e diocesani offrissero nei prossimi anni in cui è a tema l’educare nella Chiesa e nel mondo la possibilità di iniziative mirate per i ragazzi, i giovani e le famiglie".

Altri articoli in Archivio

Archivio

Informativa sulla Privacy