Cinque anni

Scheda

Il 19 aprile 2005, secondo giorno del Conclave, venne annunciata l’elezione al pontificato del card. Joseph Ratzinger, che assunse il nome di Benedetto XVI e si insediò il 24 aprile. Da quel giorno sono trascorsi cinque anni. Proponiamo una sintetica scheda degli eventi più significativi di questo pontificato.

L’annuncio. “Annuntio vobis gaudium magnum; habemus Papam: Eminentissimum ac Reverendissimum Dominum, Dominum Josephum Sanctae Romanae Ecclesiae Cardinalem Ratzinger qui sibi nomen imposuit Benedictum XVI”.

Le sue prime parole. “Cari fratelli e sorelle, dopo il grande papa Giovanni Paolo II, i signori cardinali hanno eletto me, un semplice e umile lavoratore nella vigna del Signore. Mi consola il fatto che il Signore sa lavorare e agire anche con strumenti insufficienti, e soprattutto mi affido alle vostre preghiere. Nella gioia del Signore risorto, fiduciosi nel suo aiuto permanente, andiamo avanti. Il Signore ci aiuterà e Maria, sua Santissima Madre, starà dalla nostra parte”.

Le tre encicliche. Deus caritas est (Dio è amore) è la prima lettera enciclica pubblicata da Benedetto XVI. Annunciata durante l’udienza generale del 18 gennaio 2006, la pubblicazione è avvenuta il 25 gennaio successivo. L’enciclica porta la data del 25 dicembre 2005, giorno in cui è stata firmata. Questo l’incipit: “‘Dio è amore; chi sta nell’amore dimora in Dio e Dio dimora in lui’ (1 Gv 4, 16). Queste parole della Prima Lettera di Giovanni esprimono con singolare chiarezza il centro della fede cristiana: l’immagine cristiana di Dio e anche la conseguente immagine dell’uomo e del suo cammino”.
Spe salvi (Salvati nella speranza) è la seconda, pubblicata il 30 novembre 2007, ricorrenza di sant’Andrea Apostolo. L’enciclica si apre così: “‘SPE SALVI facti sumus’ – nella speranza siamo stati salvati, dice san Paolo ai Romani e anche a noi (Rm 8,24). La ‘redenzione’, la salvezza, secondo la fede cristiana, non è un semplice dato di fatto. La redenzione ci è offerta nel senso che ci è stata donata la speranza, una speranza affidabile, in virtù della quale noi possiamo affrontare il nostro presente”.
Caritas in veritate (La carità nella verità) è stata firmata da papa Benedetto XVI il 29 giugno 2009, solennità dei SS. Apostoli Pietro e Paolo. Questo l’inizio: “La carità nella verità, di cui Gesù Cristo s’è fatto testimone con la sua vita terrena e, soprattutto, con la sua morte e risurrezione, è la principale forza propulsiva per il vero sviluppo di ogni persona e dell’umanità intera”.

Viaggi apostolici. Benedetto XVI ha compiuto 17 viaggi apostolici in Italia, il primo dei quali a Bari, il 29 maggio 2005, per la conclusione del XIV Congresso eucaristico. L’ultimo risale all’8 novembre dell’anno scorso ed ha avuto come meta Brescia e Concesio. I viaggi fuori Italia sono stati 13: il primo a Colonia in occasione della Gmg (18-21 agosto 2005); il più recente nella Repubblica ceca (26-28 settembre 2009). Di questi sono cinque i viaggi intercontinentali: in Brasile, negli Stati Uniti d’America, in Australia, in Africa ed in Terra Santa. Prossima meta, il 17 e 18 aprile, sarà Malta.

Giornate mondiali gioventù. Il Pontefice ha partecipato alla XX Gmg a Colonia (18-21 agosto 2005), e alla XXIII a Sydney (15-20 luglio 2008), oltre che alle altre edizioni svoltesi ogni anno a livello locale, suscitando costantemente l’entusiasmo dei giovani.

Concistori. Benedetto XVI ha presieduto due Concistori ordinari pubblici per la creazione di nuovi cardinali: 15 il 24 marzo 2006, e 23 il 24 novembre 2007, per un totale di 38, dei quali 36 viventi, di cui 30 elettori.

Anno Paolino. Giubileo speciale dedicato a san Paolo, indetto da papa Benedetto XVI in occasione del bimillenario della nascita dell’Apostolo delle genti (28 giugno 2008 – 29 giugno 2009).

Anno sacerdotale. Indetto dal Pontefice in occasione del 150° anniversario del “dies natalis” di San Giovanni Maria Vianney, patrono di tutti i parroci del mondo (19 giugno 2009 – 19 giugno 2010).

Altri articoli in Archivio

Archivio

Informativa sulla Privacy