Servizio Informazione Religiosa
Prima Pagina
 
Venerdì 30 Agosto 2013
GIORNALI FISC
L'opinione del territorio
L'attualità politica, la crisi siriana, il 50° del discorso di Martin Luther King, la Giornata per la custodia del creato, i fatti di cronaca, la vita delle Chiese locali: gli editoriali delle testate cattoliche

L'attualità socio-politica, la crisi siriana, il 50° del discorso di Martin Luther King, la Giornata per la custodia del creato, la cronaca locale e i principali appuntamenti delle diocesi italiane... Sono alcuni degli argomenti di cui parlano gli editoriali dei giornali aderenti alla Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici) in uscita in questi giorni. Ne proponiamo una rassegna tra quelli giunti in redazione.

L'attualità socio-politica. "Un agosto da patemi d'animo". È il commento che accomuna molti editoriali dedicati all'attualità socio-politica italiana, contraddistinta "in modo quasi esclusivo dal destino politico di Silvio Berlusconi, dopo la condanna definitiva per frode da parte della Corte di Cassazione". Agosto, scrive Amanzio Possenti, direttore del Popolo Cattolico (Treviglio), "si conclude fra mille interrogativi e non indifferenti patemi d'animo: si apre un settembre tutto da decifrare". Un settembre che avrà a tema, nei primi giorni, la cosiddetta "agibilità politica" di Berlusconi. A tal proposito, Vincenzo Rini, direttore della Vita Cattolica (Cremona), sottolinea che "non è necessario essere né buonisti, né forcaioli, ma responsabili. I principi a cui con onestà tutti dovrebbero attenersi sono due. Anzitutto: le sentenze vanno accettate, specialmente quando giungono alla decisione definitiva della Cassazione. Inoltre: se la legge e la Costituzione ammettono la possibilità di ricorso alla Consulta o alla Corte di Strasburgo, non lo si deve negare a Berlusconi. Il 9 settembre, quando il Senato dovrà esprimersi sulla decadenza del Cavaliere, si avvicina. Chiediamo ai partiti di fare in modo che quel giorno non segni la 'decadenza' del governo Letta e dell'Italia". In questo periodo, nota Francesco Zanotti, direttore del Corriere Cesenate (Cesena-Sarsina), "da più parti si è invocato il bene del Paese sopra ogni altro interesse. Si è trattato di dichiarazioni apprezzabili e condivisibili. Poi è cambiato qualcosa, ma il bene comune conserva un valore superiore alla somma dei beni dei singoli. È un bene molto più grande. È un sentire comune per un destino insieme. È proprio quello che stiamo smarrendo da un po' di tempo. Va assolutamente ritrovato. Prima di tutto". Concorda Ezio Bernardi, direttore della Guida (Cuneo), che aggiunge: "Il destino del Paese è in mano a una classe politica in cui, salvo poche eccezioni, non si vede molta propensione al bene comune. La speranza, si sa, è l'ultima a morire, ma la situazione presente non autorizza ottimismo". Soprattutto, rimarca Gianpiero Moret, direttore dell'Azione (Vittorio Veneto), "se si pensa al fatto che si vuole far cadere il governo per motivi che con il bene del Paese hanno ben poco da vedere. Si spera che il popolo italiano abbia la lucidità sufficiente per capire dove sta il vero bene del Paese". Quella stessa lucidità che Guglielmo Frezza, direttore della Difesa del Popolo (Padova), invoca commentando la decisione del governo di abolire l'Imu. "Conti alla mano - rileva Frezza - l'abolizione dell'Imu sulla prima casa ha più un valore simbolico che di reale aiuto ai bilanci familiari. Non solo: in proporzione a guadagnarci sono i ceti più abbienti (...). Poi, certo, ogni risparmio è ben accetto. Ma se il contrappasso è quello di vedersi alzare ancora le tariffe comunali - o peggio di veder ridotti i servizi che l'Imu contribuisce a pagare - per la maggior parte di noi il gioco non vale la candela". Sull'abolizione dell'Imu, collegata alla tenuta del governo, interviene Luca Sogno, direttore del Corriere Eusebiano (Vercelli), puntualizzando che "se la soluzione alternativa proposta è quella di far saltare il banco e tornare al voto ben vengano Letta e i suoi compromessi".

Questioni internazionali. La crisi siriana e il 50° del discorso "I Have a Dream" di Martin Luther King sono i due fatti di cronaca internazionale al centro dei settimanali diocesani. Anzitutto la crisi siriana: Voce della Vallesina (Jesi) riporta alcuni racconti della giornalista italo-siriana Asmae Dachan, che si trova in Siria dove ha scelto di trascorrere due settimane per raccontare il dramma delle famiglie che vivono la tragedia della guerra. "Forse - dice Dachan - dall'altra parte del mare, con quel distacco che la distanza geografica in qualche modo impone, non arriva davvero la proporzione di questo dramma. Per quanto uno si sforzi, non riuscirà mai a comprendere cosa accade". In questi giorni, annota Elio Bromuri, direttore della Voce (Umbria), "ritornano alla memoria ammonimenti divenuti tristemente famosi. Tristemente perché non ascoltati: 'Guerra: inutile strage' (Benedetto XV), 'Tutto è perduto con la guerra, tutto può essere salvato con la Pace' (Pio XII), 'Mai più la guerra', tre volte ripetuto all'Onu (Paolo VI). Solo per citare poche frasi. Voci nel deserto, profeti inascoltati". Roberto Pensa, direttore della Vita Cattolica (Udine), ricorda che "mai le bombe lanciate sono servite a debellare il terrorismo (anzi, lo hanno drammaticamente alimentato)". Al discorso pronunciato a Washington il 28 agosto 1963 da Martin Luther King dedica, invece, l'editoriale Marco Bonatti, direttore della Voce del Popolo (Torino). Tracciando un bilancio su quanto "il sogno" del pastore King si sia realizzato in questi 50 anni e guardando all'oggi, Bonatti conclude: "Nelle società occidentali fatte di minoranze incapaci di comprendere e accettare la propria responsabilità politica globale, oggi forse Martin Luther King dovrebbe fare un discorso leggermente diverso: partendo dalla realtà che il vero, primo problema è trovare il modo di condividere i sogni, di spezzare la gabbia degli individualismi ed egoismi dentro cui ci siamo - 'liberamente' - rinchiusi".

Giornata del creato. Dalla cronaca internazionale a un appuntamento che riguarda la vita della Chiesa italiana. Domenica 1° settembre, infatti, viene celebrata l'8ª Giornata per la custodia del creato, sul tema "La famiglia educa alla custodia del creato". E le testate Fisc dedicano ampi spazi al tema in questione. "Custodire il creato - spiega Vincenzo Tosello, direttore di Nuova Scintilla (Chioggia) - vuol dire riconoscere e rispettare prima di tutto il Creatore, vuol dire apprezzare quanto ci è stato donato come 'casa' da abitare e, quindi, averne cura attenta e operosa; ma a un'ecologia meramente ambientale deve affiancarsi anche un'ecologia umana e sociale perché all'armonia dell'abitato corrisponda anche l'armonia tra gli abitanti". Per Lauro Paoletto, direttore della Voce dei Berici (Vicenza), "questa Giornata rappresenta una vera e propria urgenza che dovrebbe interpellare ogni cittadino e ogni credente". Vincenzo Finocchio, direttore dell'Appennino Camerte (Camerino-San Severino Marche), illustra i motivi che hanno portato alla scelta del tema di quest'anno ("La famiglia educa alla custodia del creato"): "In primo luogo perché prossimamente, dal 12 al 15 settembre, a Torino si terrà la 47ª Settimana Sociale dei cattolici italiani che studierà 'La famiglia, speranza e futuro per la società italiana'. In secondo luogo perché in questo anno ricorre il 50° dell'apertura del Concilio Vaticano II, il quale, nella costituzione pastorale 'Gaudium et spes', riconosce la famiglia come 'una scuola di umanità più completa e più ricca'". Tra le tante iniziative in programma per domenica nelle diverse diocesi, Giulio Donati, vicedirettore del Piccolo (Faenza-Modigliana), segnala "quella di Pieve Thò, cui concorrono la nostra diocesi e quella di Ravenna-Cervia, oltre alla Coldiretti. E che avrà la collaborazione del Corpo forestale dello Stato provinciale e dell'Ufficio territoriale per le biodiversità di Punta Marina. A guidare l'incontro, il nostro vescovo Claudio Stagni".

Papa Francesco. Sui settimanali spazio anche ad alcune riflessioni sul Pontefice, che continua a stupire per i suoi gesti e le sue parole. "Papa Francesco - evidenzia Luciano Sedioli, direttore del Momento (Forlì-Bertinoro) - cerca di portare il Vangelo nelle case degli uomini". Nel mese di luglio "ha prima incontrato i migranti che sbarcano a Lampedusa e poi in Brasile i giovani in cerca di futuro, due volti di un mondo ingiusto. A tutti ha ricordato che l'indifferenza è il vero peccato di oggi". Sergio Nuvoli, direttore del Portico (Cagliari), guarda alla visita del Papa in Sardegna prevista per il 22 settembre. "Più che agli aspetti esterni - suggerisce Nuvoli - da qui al 22 settembre dovremo aiutarci a fare attenzione e a meglio guardare all'umanità del Pontefice, all'umanità di Cristo". Sandro Vigani, direttore di Gente Veneta (Venezia), riflette sul legame tra Giovanni Paolo I e Papa Francesco. "Papa Luciani - nota Vigani - cercò di portare, nei pochi giorni del suo pontificato, l'ordinario della vita della Chiesa nel ministero del Sommo Pontefice, che per secoli aveva avuto un volto sempre 'straordinario'. Volle, come oggi papa Bergoglio, rimanere se stesso, non solo nella sostanza, ma anche nel modo d'interpretare il ministero petrino". La Cittadella (Mantova) ritorna alla Gmg di Rio (23-28 luglio): durante quelle intense giornate "il Papa ha voluto parlare al cuore dei giovani. Ci è riuscito. Lo ha fatto con l'autenticità della sua persona (...). Papa Francesco ha osato il rischio della tenerezza, il rischio del dialogo, il rischio della fiducia, il rischio della misericordia".

Cronaca locale. I giornali diocesani non tralasciano la cronaca locale. E così Giorgio Bardaglio, direttore del Cittadino (Monza e Brianza), continua a invocare "chiarezza" sulla realizzazione del nuovo ospedale San Gerardo, perché "è un patrimonio troppo grande da esser dato in appalto a scatola chiusa, senza confronto". L'Ora del Salento (Lecce) si occupa, invece, dell'iniziativa del prefetto di Lecce, Giuliana Perrotta, che pone uno stop agli happy hour pomeridiani e alle notti da sballo sulle spiagge di Gallipoli. "I comportamenti che hanno fatto notizia - secondo il giornale salentino - non sono peculiari delle spiagge gallipoline, appartengono, purtroppo, a una sempre più ampia fascia di giovani che fanno dello sballo una ragione di vita. Allora il problema si allarga e sollecita all'impegno per la formazione dei giovani, all'incolumità pubblica e all'affermazione della legalità, l'intera società, a partire dalla famiglia, dalla scuola, dalle stesse parrocchie e oratori". Giuseppe Rabita, direttore di Settegiorni dagli Erei al Golfo (Piazza Armerina), dedica l'editoriale al provvedimento di difesa del pubblico decoro nei luoghi istituzionali a Gela. Da qualche giorno, infatti, viene applicato il divieto d'indossare abiti succinti negli uffici comunali. "Nella vita - annota Rabita - un po' di buona educazione non guasta. Sarò vecchio, ma apprezzo ancora il buon gusto e l'educazione". Mario Banchio, direttore del Corriere di Saluzzo, interviene sulla vicenda del "prof" di un liceo locale, accusato in un primo tempo di aver abusato sessualmente di due sue studentesse, all'epoca dei fatti entrambe minorenni, e successivamente anche d'istigazione al suicidio, riferendosi a quello, avvenuto nel 2004, di un'altra studentessa sempre dello stesso liceo. "La città - riferisce Banchio - è sbalestrata, confusa e disorientata". Da Pier Giovanni Trossero, direttore dell'Eco del Chisone (Pinerolo), l'invito a "Cota-Fassino-Saitta ad andare subito a Roma se pensano che il Tribunale di Pinerolo possa e debba essere salvato". Il Nuovo Diario Messaggero (Imola) propone, invece, una riflessione, a firma di Giovanni Bettini, presidente Confcooperative del Circondario imolese, sulle cooperative e sul loro impegno nel "fare cultura". Quello del "fare cultura", si legge, "è un compito nel quale la cooperazione imolese è impegnata per trovare risposte adeguate ai cambiamenti della società e dell'economia".

La vita delle Chiese locali e dei settimanali. Non manca, infine, negli editoriali l'attualità ecclesiale. Corrado Avagnina, direttore dell'Unione Monregalese (Mondovì), s'interroga sul dato religioso presente nei diversi appuntamenti estivi che animano le nostre città. "Certo - annota Avagnina - vi si arriva con motivazioni diverse. Gli organizzatori un po' trafelati dalle cose a cui pensare, e gli altri (in particolare), coloro che tornano al paese o gli amici assortiti per una sosta festaiola... con curiosità, forse con attenzione passeggera, chissà se con convinzione profonda... Giusto in pieno agosto, Papa Francesco ha ribadito come la fede non possa essere una panna montata a corredo della torta della vita...". Di "fede oggi" parla anche l'editoriale del Ticino (Pavia): "Papa Francesco, con la sua densissima semplicità profetica, porta al centro della vita e della storia la fede, come dimensione essenziale dell'esistenza, per una Chiesa povera e per i poveri, che serva e non si faccia servire, una Chiesa fatta da fratelli liberi e intelligenti, che gustano l'Amore tenero e misericordioso del Padre e si amano vicendevolmente". Emmaus (Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia) argomenta sul valore dell'ospitalità invitando alla gioia nell'"accogliere chi è diverso da noi". Mentre Stefano Fontana, direttore di Vita Nuova (Trieste), chiarisce, dopo alcune voci polemiche, qual è il senso della collaborazione tra sindaco e vescovo. "Vera collaborazione - spiega - significa ascoltarsi veramente e tenere conto reciprocamente di quanto di vero e giusto viene detto". Adriano Bianchi, direttore della Voce del Popolo (Brescia), anticipa alcuni punti della nuova lettera pastorale del vescovo Luciano Monari, che ha per titolo "Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi" (Gv 20,21) e che sarà diffusa nei prossimi giorni. "Una lettera, la quarta del suo episcopato bresciano - sintetizza Bianchi -, che ribadisce e declina uno stile di evangelizzazione evangelico che abbiamo, ormai, imparato a conoscere e ad apprezzare". Davide Maloberti, direttore del Nuovo Giornale (Piacenza-Bobbio), augura "all'inizio di un nuovo anno pastorale" che "non ci stanchiamo di annunciare la Parola di Dio. Perché, presto o tardi, porterà i suoi frutti". Il nuovo anno pastorale segna anche alcune novità per due testate Fisc: La Fedeltà (Fossano) e Luce e Vita (Molfetta). Entrambe si presentano, infatti, con un nuovo direttore. Il giornale piemontese sarà guidato da Walter Lamberti che, subentrando a Corrado Avagnina, esprime "un grazie e un saluto a chi il giornale lo fa vivere perché lo legge, lo sfoglia, magari con occhio critico, ma comunque con affetto e attenzione". Mentre quello pugliese da Luigi Sparapano, che succede a Nico Tempesta. "Il settimanale - auspica il neo-direttore - con l'intera azione dell'Ufficio comunicazioni sociali, dovrà sempre più respirare la vita della diocesi e connettere le sue diverse componenti, interagire col territorio, per quanto di sua competenza, dialogare con gli altri media, attivare sinergie sul versante educativo".

a cura di Vincenzo Corrado


Articoli correlati

Venerdì 02/08/2013
GIORNALI FISC
Il cammino e gli impegni dopo la Gmg di Rio, la situazione socio-politica italiana, gli incidenti di Santiago de Compostela e dell'Irpinia, la vita delle Chiese locali: gli editoriali delle testate cattoliche
 


Tutti gli altri articoli della settimana

Venerdì 27/02
NEGOZIATO FATICOSO
L'Iran di Khamenei
in bilico fra nucleare
e diritti umani
Le violazioni proseguono, ma lo sguardo dell'Occidente è dirottato sulle violenze del Califfato. L'impressione che si ricava dai negoziati in corso sul nucleare è che, al di là delle denunce d'Israele, gli Stati Uniti considerino essenziale la disponibilità di Teheran a fronteggiare i miliziani dell'Isis
Venerdì 27/02
ACCOGLIENZA DIFFICILE
Il vescovo cerca casa
per i profughi?
Mondovì in subbuglio
Immediate proteste da parte di cittadini e credenti all'appello lanciato dal presule attraverso il settimanale diocesano "L'Unione Monregalese". In arrivo 300 nuovi rifugiati. Una decina di famiglie hanno già manifestato la disponibilità ad accogliere. Il direttore del settimanale, Corrado Avagnina, ha spiegato la scelta della diocesi, fatta sull'onda di Papa Francesco
Venerdì 27/02
ACCADE A FAVARA
L'imam e il francescano
si scambiano le vesti
La paura può attendere
Accanto ai due uomini di religione che si abbracciano al termine della marcia della pace, c'è il cardinale Francesco Montenegro. Elargisce sorrisi bonari, canta e fa festa con il popolo. Fra di loro tanti senegalesi, marocchini e i "linticchieddi", forse eredi di un'antica etnia rom. Anche loro hanno risposto all'invito di fra Giuseppe Maggiore che con i suoi confratelli ospita i migranti in comunità
Giovedì 26/02
LA CHIESA IN CAMPO
Prestito della Speranza
a microimprese
e famiglie in difficoltà
Il presidente della Cei, Angelo Bagnasco, ha presentato l'iniziativa di microcredito che consentirà l'erogazione di 100 milioni di finanziamenti grazie a un fondo di garanzia della Cei di 25 milioni provenienti dall'8x1000. Il cardinale: "Il Paese è in affanno, fatica ad interpretare la ripresa e a costruire il suo domani". L'impegno della Caritas Italiana ribadito dal presidente, Luigi Bressan
Giovedì 26/02
IL PAESE CHE ARRANCA
Sempre più gli italiani
che bussano alle porte
degli ambulatori sociali
È un fiorire d'iniziative in tutta Italia, nei grandi centri come Milano e Roma, ma anche nella provincia italiana (vedi Frosinone e Marghera). Dappertutto un autentico boom di richieste sanitarie di ogni genere, dalle visite specialistiche alla concessione di medicinali. Per non parlare di un servizio richiestissimo: le cure odontoiatriche, diventate ormai un vero lusso
Giovedì 26/02
ROVESCIAMENTO DI FINI
Divorare se stessi
Il rischio nei social
L'esempio di due multinazionali che hanno tentato la strada della comunicazione sociale positiva nella Rete e si sono ritrovate a dover fare i conti con una storpiatura dei loro messaggi. Purtroppo i social sembrano essere diventati il luogo della negatività sociale: il paradosso di una nuova applicazione che permette di sapere dove sono i nostri "amici", ma per evitare d'incontrarli
Giovedì 26/02
EX JUGOSLAVIA
Fra Serbia e Croazia
solo l'Europa
può mettere il dito
L'analista politico serbo Dragan Janjic valuta lo stato delle relazioni: "L'Europa rimane l'unica via possibile di stabilità nei Balcani occidentali, e anche per l'Ue quest'area è importante, a causa dell'influenza crescente della Russia". Pesa la memoria della guerra con la mancanza di verità storica. Attesa per la visita di Bergoglio: "Abbiamo bisogno di parole di pace e di tolleranza"
Giovedì 26/02
LE DOMANDE DEI BAMBINI/2
Un grande antidoto
alla violenza
è il racconto del bene
Lo psicologo Antonio Zuliani analizza le grandi paure legate all'esposizione mediatica dell'Isis: "Evitiamo di dire 'Io di questi non ho paura', mostriamo timore ma anche consapevolezza che esistono contromisure alle paure. Ripartiamo dal bene se non vogliamo essere sconfitti dalla paura". E ancora: "Facciamo conoscere mondi e culture diverse, sfruttando le occasioni che scuola e associazionismo offrono"
Mercoledì 25/02
VOCE DALLA CITTÀ MARTIRE
Aleppo urla di dolore:
"Per i poveri cristiani
non si spendono parole"
Monsignor Jean-Clement Jeanbart, arcivescovo greco-melkita di Aleppo (Siria): "Quando accadono fatti come decapitazioni, crocifissioni, esecuzioni sommarie, voi in Europa siete soliti dormire per non vederli". E denuncia: "Lo Stato islamico fa soldi con la disperazione di tanti poveri che vengono pagati profumatamente, anche in anticipo di mesi, per combattere"
Mercoledì 25/02
CONVEGNO DEGLI ECONOMI
La valutazione pastorale
precede e governa
la valutazione economica
Questo il criterio indicato da don Bassiano Uggè, sottosegretario Cei, in sede di bilancio del convegno nazionale che ha affrontato un tema delicatissimo: "L'amministrazione dei beni immobili". Preoccupa l'aumento della tassazione: "Molte attività socialmente rilevanti promosse da enti ecclesiastici rischiano di chiudere a fronte di un incremento della tassazione per loro insostenibile"
Mercoledì 25/02
COSTA D'AVORIO
Uniti dal calcio
ma ancora divisi
dai brutti ricordi
Quest'anno si torna al voto per la presidenza della Repubblica. L'appello dei vescovi: "Dopo un decennio di crisi grave che ha danneggiato la coesione sociale, eccoci arrivati al momento della riconciliazione e della ricostruzione del nostro Paese su tutti i piani". I mali denunciati: microcriminalità, bande armate ancora attive e voglia di arricchimento facile
Mercoledì 25/02
DOPO L'INCONTRO AL VIMINALE
Ripartire dalle carceri
per sostenere
l'Islam più moderato
Il professor Paolo Branca denuncia la logica emergenziale che guida chi affronta i temi legati alla presenza islamica in Italia. In particolare, a suo avviso, non si tiene sufficientemente conto della litigiosità dei musulmani: "Ci sono varie anime dell'Islam italiano. Speriamo che riescano a lavorare insieme". La necessità d'incontrare i musulmani in carcere per prevenirne la radicalizzazione
Mercoledì 25/02
CITTADINI INTERPELLATI
Europei nella morsa
di violenze globali
e fatti criminali locali
È il quadro che emerge dall'VIII Rapporto sulla sicurezza e l'insicurezza sociale in Italia e in Europa realizzato per Fondazione Unipolis da Demos&Pi e Osservatorio di Pavia. Monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, mette l'accento sui "drammi dell'economia, l'inefficienza e la corruzione politica". E ricorda: "La disoccupazione o la non occupazione è il primo problema"
Mercoledì 25/02
RAPPORTO AMNESTY INTERNATIONAL
Tattiche barbariche
e sfruttamento
dei social media
Le richieste: ai cinque Paesi membri del Consiglio di sicurezza dell'Onu di "rinunciare al diritto di veto nei casi di genocidio o altre atrocità di massa". Alla comunità internazionale: "Non rispondere al terrore dei gruppi armati con misure controproducenti". Ai Paesi ricchi: "Fornire aiuti a chi fugge, perché è inaccettabile volgersi dall'altra parte". Critiche all'Italia per Triton
Martedì 24/02
CALABRIA, LIBERA NEL MIRINO
"Dietro ogni minaccia
dei capi bastone
il controllo del territorio"
Preso di mira Mimmo Nasone, il coordinatore per la Calabria dell'associazione Libera. L'intimidazione, contenuta in una lettera anonima di tre facciate, scritta a mano e in dialetto calabrese, è giunta al sindaco di Palizzi (Rc), Walter Scerbo, che nelle settimane passate gli aveva conferito la cittadinanza onoraria
Martedì 24/02
UNA CRISI CHE MORDE
Ferma all'adolescenza
Parma non si riconosce
In principio fu il crac della Parmalat, poi un continuo rilancio al ribasso, con scandali e inchieste giudiziarie. E poi ancora e sempre crisi, che sfilaccia il tessuto della città e pone domande. La difficoltà di ascoltare le voci più attente e preoccupate, come quella del vescovo Solmi. Se questa non è più l'isola felice in cui ci si era illusi di vivere, occorre un nuovo inizio
Martedì 24/02
STAMPA DIOCESANA
"Informazione cattolica
il futuro ci porta
verso l’integrazione"
Don Giorgio Zucchelli, direttore dal 1989 del "Nuovo Torrazzo", settimanale della diocesi di Crema, e presidente dal 2005 al 2010 della Fisc, ha pubblicato il libro "Il settimanale diocesano, questo sconosciuto…". Anche nella collaborazione con i media nazionali l’invito ad "anticipare il futuro e non esserne travolti". L’impegno a "diffondere opinioni pubbliche informate ai valori del Vangelo"
Martedì 24/02
NON SOLO JOBS ACT
Alibi finiti, ora tocca
agli imprenditori
Le misure messe in campo dal governo vanno nella direzione giusta: liberare risorse per le aziende e rendere più fluidi i meccanismi di entrata e uscita dal lavoro. Senza parlare dei tagli all'Irap e delle facilitazioni fiscali per assumere i giovani. Tutto il Paese attende lo scatto del mondo industriale che prevede 150mila nuovi posti di lavoro
Martedì 24/02
AUDIZIONE PUBBLICA
Dopo la bocciatura
di "Uno di Noi"
l'Europa si confronta
All'Europarlamento una tappa del lavoro che la commissione affari costituzionali, assieme alla commissione petizioni, sta svolgendo per fornire alla Commissione Juncker un parere sulla revisione dell'Eci, l'Iniziativa dei cittadini europei. Non ci si nasconde la delusione dei cittadini che non trovano riscontro al proprio impegno di partecipazione
Martedì 24/02
DIOCESI IN CAMPO DAL 4 OTTOBRE
Attesi a Cracovia
100mila giovani italiani
Prepararsi bene
Don Michele Falabretti, responsabile del Servizio nazionale per la Pastorale giovanile, è ben consapevole che occorre un cammino di preparazione per evitare il rischio che la Gmg del 2016 rimanga solo un grande evento posto ai margini della pastorale ordinaria. Già pronto il primo dei sussidi che accompagnerà le azioni diocesane. Un fitto calendario di appuntamenti, già a partire dalla Domenica delle Palme
Lunedì 23/02
IL PARERE DELLA COMECE
Maternità surrogata
ultima frontiera
dello sfruttamento
Il Gruppo di lavoro sull'etica nella ricerca e nella cura della salute della Commissione degli episcopati della comunità europea non ha dubbi: "Costituisce una pratica che attenta gravemente alla dignità umana". Le vittime non sono solo le madri surrogate ma anche i neonati, considerati come "prodotti". La necessità di regole a livello europeo e internazionale
Lunedì 23/02
I VESCOVI A ROMA
"La Chiesa ucraina
è diventata
ospedale da campo"
Sua Beatitudine Sviatoslav Shevchuk, arcivescovo maggiore della Chiesa greco-cattolica, dopo la visita ad limina e le parole di conforto del Papa, ha illustrato l’enorme lavoro di Caritas e parrocchie per aiutare la popolazione. Appello alla comunità internazionale per un’azione umanitaria a favore dei rifugiati. Libertà religiosa a rischio anche per ebrei di Donetsk e musulmani tartari della Crimea
Lunedì 23/02
IN DUEMILA A MACERATA
Come ribellarsi
all’antropologia
capovolta del gender
L’incontro, promosso dalla diocesi e da numerose associazioni impegnate sul fronte della bioetica, è stato introdotto dal vescovo Nazareno Marconi: "Perché di certi temi non si deve ragionare, ma vanno accolti come verità indiscutibili? Questo è un fideismo laico che io non accetto". Relatore l’avvocato Gianfranco Amato dei Giuristi per la vita: ha analizzato le contraddizioni del ddl Scalfarotto
Lunedì 23/02
IL CALENDARIO DEGLI EVENTI
Santa Sede all'Expo
"per dialogare
con tutti gli Stati"
Il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della cultura, illustra - con tre mesi di anticipo - il calendario degli eventi "sotto l'ombrello" della Santa Sede, organizzati in collaborazione con la Conferenza episcopale italiana, l'arcidiocesi di Milano e l'ospedale pediatrico Bambin Gesù. L'auspicio: "Speriamo che ci sia già l'enciclica del Papa sull'ecologia"
Lunedì 23/02
LE DOMANDE DEI BAMBINI
"Io, mamma musulmana
spiego il male dell'Isis
ai miei figli spaventati"
Asmae Dachan è una giornalista italo-siriana, madre di due ragazzi: "Cerco di rassicurarli, di dire loro che stiamo effettivamente vivendo un brutto periodo, che questi uomini vocati alla morte e alla distruzione sono una piaga per l’umanità, ma che le Forze dell'ordine sono vigili e attente". E ancora: "Ai miei figli ho raccontato la sofferenza e le paure dei loro coetanei, le privazioni a cui sono costretti"
Lunedì 23/02
PREMIATO ''BIRDMAN''
L'Oscar a un trattato
sulle debolezze umane
La pellicola diretta dal messicano Alejandro Gonzalez Inarritu, narra la storia di un attore diventato famoso grazie all'interpretazione di un supereroe. Dimenticato e caduto in disgrazia, tenta di rilanciare la sua carriera sulla scena teatrale di Broadway. Un film totalmente distante dai blockbuster fantascientifici e tratti dai fumetti. Italia premiata per i migliori costumi con Milena Canonero
Lunedì 23/02
OLTRE IL BRACCIO DI FERRO
Tifare per la Grecia
fa bene all’Europa
La crisi, che ha messo in ginocchio mezzo Continente, provocando ricadute sociali pesantissime, sta sortendo l’effetto di rilanciare il principio di solidarietà, un caposaldo della “casa comune” europea. E sono tante le sfide che incombono e richiedono protagonismo




Come Abbonarsi ?


Note e commenti
Photonotizie
Infografiche
Ultima Settimana
Commento al Vangelo