Servizio Informazione Religiosa
Prima Pagina
 
Venerdì 30 Agosto 2013
GIORNALI FISC
L'opinione del territorio
L'attualità politica, la crisi siriana, il 50° del discorso di Martin Luther King, la Giornata per la custodia del creato, i fatti di cronaca, la vita delle Chiese locali: gli editoriali delle testate cattoliche

L'attualità socio-politica, la crisi siriana, il 50° del discorso di Martin Luther King, la Giornata per la custodia del creato, la cronaca locale e i principali appuntamenti delle diocesi italiane... Sono alcuni degli argomenti di cui parlano gli editoriali dei giornali aderenti alla Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici) in uscita in questi giorni. Ne proponiamo una rassegna tra quelli giunti in redazione.

L'attualità socio-politica. "Un agosto da patemi d'animo". È il commento che accomuna molti editoriali dedicati all'attualità socio-politica italiana, contraddistinta "in modo quasi esclusivo dal destino politico di Silvio Berlusconi, dopo la condanna definitiva per frode da parte della Corte di Cassazione". Agosto, scrive Amanzio Possenti, direttore del Popolo Cattolico (Treviglio), "si conclude fra mille interrogativi e non indifferenti patemi d'animo: si apre un settembre tutto da decifrare". Un settembre che avrà a tema, nei primi giorni, la cosiddetta "agibilità politica" di Berlusconi. A tal proposito, Vincenzo Rini, direttore della Vita Cattolica (Cremona), sottolinea che "non è necessario essere né buonisti, né forcaioli, ma responsabili. I principi a cui con onestà tutti dovrebbero attenersi sono due. Anzitutto: le sentenze vanno accettate, specialmente quando giungono alla decisione definitiva della Cassazione. Inoltre: se la legge e la Costituzione ammettono la possibilità di ricorso alla Consulta o alla Corte di Strasburgo, non lo si deve negare a Berlusconi. Il 9 settembre, quando il Senato dovrà esprimersi sulla decadenza del Cavaliere, si avvicina. Chiediamo ai partiti di fare in modo che quel giorno non segni la 'decadenza' del governo Letta e dell'Italia". In questo periodo, nota Francesco Zanotti, direttore del Corriere Cesenate (Cesena-Sarsina), "da più parti si è invocato il bene del Paese sopra ogni altro interesse. Si è trattato di dichiarazioni apprezzabili e condivisibili. Poi è cambiato qualcosa, ma il bene comune conserva un valore superiore alla somma dei beni dei singoli. È un bene molto più grande. È un sentire comune per un destino insieme. È proprio quello che stiamo smarrendo da un po' di tempo. Va assolutamente ritrovato. Prima di tutto". Concorda Ezio Bernardi, direttore della Guida (Cuneo), che aggiunge: "Il destino del Paese è in mano a una classe politica in cui, salvo poche eccezioni, non si vede molta propensione al bene comune. La speranza, si sa, è l'ultima a morire, ma la situazione presente non autorizza ottimismo". Soprattutto, rimarca Gianpiero Moret, direttore dell'Azione (Vittorio Veneto), "se si pensa al fatto che si vuole far cadere il governo per motivi che con il bene del Paese hanno ben poco da vedere. Si spera che il popolo italiano abbia la lucidità sufficiente per capire dove sta il vero bene del Paese". Quella stessa lucidità che Guglielmo Frezza, direttore della Difesa del Popolo (Padova), invoca commentando la decisione del governo di abolire l'Imu. "Conti alla mano - rileva Frezza - l'abolizione dell'Imu sulla prima casa ha più un valore simbolico che di reale aiuto ai bilanci familiari. Non solo: in proporzione a guadagnarci sono i ceti più abbienti (...). Poi, certo, ogni risparmio è ben accetto. Ma se il contrappasso è quello di vedersi alzare ancora le tariffe comunali - o peggio di veder ridotti i servizi che l'Imu contribuisce a pagare - per la maggior parte di noi il gioco non vale la candela". Sull'abolizione dell'Imu, collegata alla tenuta del governo, interviene Luca Sogno, direttore del Corriere Eusebiano (Vercelli), puntualizzando che "se la soluzione alternativa proposta è quella di far saltare il banco e tornare al voto ben vengano Letta e i suoi compromessi".

Questioni internazionali. La crisi siriana e il 50° del discorso "I Have a Dream" di Martin Luther King sono i due fatti di cronaca internazionale al centro dei settimanali diocesani. Anzitutto la crisi siriana: Voce della Vallesina (Jesi) riporta alcuni racconti della giornalista italo-siriana Asmae Dachan, che si trova in Siria dove ha scelto di trascorrere due settimane per raccontare il dramma delle famiglie che vivono la tragedia della guerra. "Forse - dice Dachan - dall'altra parte del mare, con quel distacco che la distanza geografica in qualche modo impone, non arriva davvero la proporzione di questo dramma. Per quanto uno si sforzi, non riuscirà mai a comprendere cosa accade". In questi giorni, annota Elio Bromuri, direttore della Voce (Umbria), "ritornano alla memoria ammonimenti divenuti tristemente famosi. Tristemente perché non ascoltati: 'Guerra: inutile strage' (Benedetto XV), 'Tutto è perduto con la guerra, tutto può essere salvato con la Pace' (Pio XII), 'Mai più la guerra', tre volte ripetuto all'Onu (Paolo VI). Solo per citare poche frasi. Voci nel deserto, profeti inascoltati". Roberto Pensa, direttore della Vita Cattolica (Udine), ricorda che "mai le bombe lanciate sono servite a debellare il terrorismo (anzi, lo hanno drammaticamente alimentato)". Al discorso pronunciato a Washington il 28 agosto 1963 da Martin Luther King dedica, invece, l'editoriale Marco Bonatti, direttore della Voce del Popolo (Torino). Tracciando un bilancio su quanto "il sogno" del pastore King si sia realizzato in questi 50 anni e guardando all'oggi, Bonatti conclude: "Nelle società occidentali fatte di minoranze incapaci di comprendere e accettare la propria responsabilità politica globale, oggi forse Martin Luther King dovrebbe fare un discorso leggermente diverso: partendo dalla realtà che il vero, primo problema è trovare il modo di condividere i sogni, di spezzare la gabbia degli individualismi ed egoismi dentro cui ci siamo - 'liberamente' - rinchiusi".

Giornata del creato. Dalla cronaca internazionale a un appuntamento che riguarda la vita della Chiesa italiana. Domenica 1° settembre, infatti, viene celebrata l'8ª Giornata per la custodia del creato, sul tema "La famiglia educa alla custodia del creato". E le testate Fisc dedicano ampi spazi al tema in questione. "Custodire il creato - spiega Vincenzo Tosello, direttore di Nuova Scintilla (Chioggia) - vuol dire riconoscere e rispettare prima di tutto il Creatore, vuol dire apprezzare quanto ci è stato donato come 'casa' da abitare e, quindi, averne cura attenta e operosa; ma a un'ecologia meramente ambientale deve affiancarsi anche un'ecologia umana e sociale perché all'armonia dell'abitato corrisponda anche l'armonia tra gli abitanti". Per Lauro Paoletto, direttore della Voce dei Berici (Vicenza), "questa Giornata rappresenta una vera e propria urgenza che dovrebbe interpellare ogni cittadino e ogni credente". Vincenzo Finocchio, direttore dell'Appennino Camerte (Camerino-San Severino Marche), illustra i motivi che hanno portato alla scelta del tema di quest'anno ("La famiglia educa alla custodia del creato"): "In primo luogo perché prossimamente, dal 12 al 15 settembre, a Torino si terrà la 47ª Settimana Sociale dei cattolici italiani che studierà 'La famiglia, speranza e futuro per la società italiana'. In secondo luogo perché in questo anno ricorre il 50° dell'apertura del Concilio Vaticano II, il quale, nella costituzione pastorale 'Gaudium et spes', riconosce la famiglia come 'una scuola di umanità più completa e più ricca'". Tra le tante iniziative in programma per domenica nelle diverse diocesi, Giulio Donati, vicedirettore del Piccolo (Faenza-Modigliana), segnala "quella di Pieve Thò, cui concorrono la nostra diocesi e quella di Ravenna-Cervia, oltre alla Coldiretti. E che avrà la collaborazione del Corpo forestale dello Stato provinciale e dell'Ufficio territoriale per le biodiversità di Punta Marina. A guidare l'incontro, il nostro vescovo Claudio Stagni".

Papa Francesco. Sui settimanali spazio anche ad alcune riflessioni sul Pontefice, che continua a stupire per i suoi gesti e le sue parole. "Papa Francesco - evidenzia Luciano Sedioli, direttore del Momento (Forlì-Bertinoro) - cerca di portare il Vangelo nelle case degli uomini". Nel mese di luglio "ha prima incontrato i migranti che sbarcano a Lampedusa e poi in Brasile i giovani in cerca di futuro, due volti di un mondo ingiusto. A tutti ha ricordato che l'indifferenza è il vero peccato di oggi". Sergio Nuvoli, direttore del Portico (Cagliari), guarda alla visita del Papa in Sardegna prevista per il 22 settembre. "Più che agli aspetti esterni - suggerisce Nuvoli - da qui al 22 settembre dovremo aiutarci a fare attenzione e a meglio guardare all'umanità del Pontefice, all'umanità di Cristo". Sandro Vigani, direttore di Gente Veneta (Venezia), riflette sul legame tra Giovanni Paolo I e Papa Francesco. "Papa Luciani - nota Vigani - cercò di portare, nei pochi giorni del suo pontificato, l'ordinario della vita della Chiesa nel ministero del Sommo Pontefice, che per secoli aveva avuto un volto sempre 'straordinario'. Volle, come oggi papa Bergoglio, rimanere se stesso, non solo nella sostanza, ma anche nel modo d'interpretare il ministero petrino". La Cittadella (Mantova) ritorna alla Gmg di Rio (23-28 luglio): durante quelle intense giornate "il Papa ha voluto parlare al cuore dei giovani. Ci è riuscito. Lo ha fatto con l'autenticità della sua persona (...). Papa Francesco ha osato il rischio della tenerezza, il rischio del dialogo, il rischio della fiducia, il rischio della misericordia".

Cronaca locale. I giornali diocesani non tralasciano la cronaca locale. E così Giorgio Bardaglio, direttore del Cittadino (Monza e Brianza), continua a invocare "chiarezza" sulla realizzazione del nuovo ospedale San Gerardo, perché "è un patrimonio troppo grande da esser dato in appalto a scatola chiusa, senza confronto". L'Ora del Salento (Lecce) si occupa, invece, dell'iniziativa del prefetto di Lecce, Giuliana Perrotta, che pone uno stop agli happy hour pomeridiani e alle notti da sballo sulle spiagge di Gallipoli. "I comportamenti che hanno fatto notizia - secondo il giornale salentino - non sono peculiari delle spiagge gallipoline, appartengono, purtroppo, a una sempre più ampia fascia di giovani che fanno dello sballo una ragione di vita. Allora il problema si allarga e sollecita all'impegno per la formazione dei giovani, all'incolumità pubblica e all'affermazione della legalità, l'intera società, a partire dalla famiglia, dalla scuola, dalle stesse parrocchie e oratori". Giuseppe Rabita, direttore di Settegiorni dagli Erei al Golfo (Piazza Armerina), dedica l'editoriale al provvedimento di difesa del pubblico decoro nei luoghi istituzionali a Gela. Da qualche giorno, infatti, viene applicato il divieto d'indossare abiti succinti negli uffici comunali. "Nella vita - annota Rabita - un po' di buona educazione non guasta. Sarò vecchio, ma apprezzo ancora il buon gusto e l'educazione". Mario Banchio, direttore del Corriere di Saluzzo, interviene sulla vicenda del "prof" di un liceo locale, accusato in un primo tempo di aver abusato sessualmente di due sue studentesse, all'epoca dei fatti entrambe minorenni, e successivamente anche d'istigazione al suicidio, riferendosi a quello, avvenuto nel 2004, di un'altra studentessa sempre dello stesso liceo. "La città - riferisce Banchio - è sbalestrata, confusa e disorientata". Da Pier Giovanni Trossero, direttore dell'Eco del Chisone (Pinerolo), l'invito a "Cota-Fassino-Saitta ad andare subito a Roma se pensano che il Tribunale di Pinerolo possa e debba essere salvato". Il Nuovo Diario Messaggero (Imola) propone, invece, una riflessione, a firma di Giovanni Bettini, presidente Confcooperative del Circondario imolese, sulle cooperative e sul loro impegno nel "fare cultura". Quello del "fare cultura", si legge, "è un compito nel quale la cooperazione imolese è impegnata per trovare risposte adeguate ai cambiamenti della società e dell'economia".

La vita delle Chiese locali e dei settimanali. Non manca, infine, negli editoriali l'attualità ecclesiale. Corrado Avagnina, direttore dell'Unione Monregalese (Mondovì), s'interroga sul dato religioso presente nei diversi appuntamenti estivi che animano le nostre città. "Certo - annota Avagnina - vi si arriva con motivazioni diverse. Gli organizzatori un po' trafelati dalle cose a cui pensare, e gli altri (in particolare), coloro che tornano al paese o gli amici assortiti per una sosta festaiola... con curiosità, forse con attenzione passeggera, chissà se con convinzione profonda... Giusto in pieno agosto, Papa Francesco ha ribadito come la fede non possa essere una panna montata a corredo della torta della vita...". Di "fede oggi" parla anche l'editoriale del Ticino (Pavia): "Papa Francesco, con la sua densissima semplicità profetica, porta al centro della vita e della storia la fede, come dimensione essenziale dell'esistenza, per una Chiesa povera e per i poveri, che serva e non si faccia servire, una Chiesa fatta da fratelli liberi e intelligenti, che gustano l'Amore tenero e misericordioso del Padre e si amano vicendevolmente". Emmaus (Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia) argomenta sul valore dell'ospitalità invitando alla gioia nell'"accogliere chi è diverso da noi". Mentre Stefano Fontana, direttore di Vita Nuova (Trieste), chiarisce, dopo alcune voci polemiche, qual è il senso della collaborazione tra sindaco e vescovo. "Vera collaborazione - spiega - significa ascoltarsi veramente e tenere conto reciprocamente di quanto di vero e giusto viene detto". Adriano Bianchi, direttore della Voce del Popolo (Brescia), anticipa alcuni punti della nuova lettera pastorale del vescovo Luciano Monari, che ha per titolo "Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi" (Gv 20,21) e che sarà diffusa nei prossimi giorni. "Una lettera, la quarta del suo episcopato bresciano - sintetizza Bianchi -, che ribadisce e declina uno stile di evangelizzazione evangelico che abbiamo, ormai, imparato a conoscere e ad apprezzare". Davide Maloberti, direttore del Nuovo Giornale (Piacenza-Bobbio), augura "all'inizio di un nuovo anno pastorale" che "non ci stanchiamo di annunciare la Parola di Dio. Perché, presto o tardi, porterà i suoi frutti". Il nuovo anno pastorale segna anche alcune novità per due testate Fisc: La Fedeltà (Fossano) e Luce e Vita (Molfetta). Entrambe si presentano, infatti, con un nuovo direttore. Il giornale piemontese sarà guidato da Walter Lamberti che, subentrando a Corrado Avagnina, esprime "un grazie e un saluto a chi il giornale lo fa vivere perché lo legge, lo sfoglia, magari con occhio critico, ma comunque con affetto e attenzione". Mentre quello pugliese da Luigi Sparapano, che succede a Nico Tempesta. "Il settimanale - auspica il neo-direttore - con l'intera azione dell'Ufficio comunicazioni sociali, dovrà sempre più respirare la vita della diocesi e connettere le sue diverse componenti, interagire col territorio, per quanto di sua competenza, dialogare con gli altri media, attivare sinergie sul versante educativo".

a cura di Vincenzo Corrado


Articoli correlati

Venerdì 02/08/2013
GIORNALI FISC
Il cammino e gli impegni dopo la Gmg di Rio, la situazione socio-politica italiana, gli incidenti di Santiago de Compostela e dell'Irpinia, la vita delle Chiese locali: gli editoriali delle testate cattoliche
 


Tutti gli altri articoli della settimana

Venerdì 22/05
PROGETTO POLICORO
Gragnano, sei giovani
s'inventano il lavoro:
un pastificio artigianale
Decisivo il contributo della comunità ecclesiale: prestati dai parrocchiani 100mila dei 400mila euro necessari a metter su l'impresa. Garanti il parroco e il responsabile del Progetto Policoro. Ora i giovani stanno imparando il mestiere e accanto a loro c'è un anziano pastaio che metterà a disposizione la sua esperienza. La soddisfazione dell'arcivescovo, Francesco Alfano
Venerdì 22/05
ALLARME PER PALMIRA
"Monuments men"
per salvare
l’arte della Siria
Isber Sabrine, trentenne archeologo siriano, ha fondato l'ong "Heritage for Peace" con sede a Girona (Spagna): "Siamo impegnati a dialogare con tutti, dal Regime all’Opposizione". E ancora: "Abbiamo censito 1.200 siti artistici. Questo elenco, con tanto di coordinate, è ora in mano anche degli Usa, che guidano la coalizione anti Isis perché non bombardino i monumenti". Lotta al contrabbando di reperti
Venerdì 22/05
CERTEZZE INCRINATE
Una minoranza turca
in Germania: verità
sul genocidio armeno
La maggioranza dei turchi all’estero si attiene alla versione ufficiale: solo episodi. Ma i giovani si fanno tante domande. Un deputato di origini turche, Cem Oezdemir, vice presidente del partito dei verdi, con un altro politico, Cenzig Landar, ha sollecitato una commissione per far luce su quelle lontane vicende e stabilire la verità e, con essa, riconciliare i popoli turco e armeno
Venerdì 22/05
DOPO L'ULTIMO SCANDALO
Corruzione nello sport
La via d'uscita
è l'alleanza educativa
Le voci: Vito Campanelli, presidente Anspi (Associazione nazionale San Paolo Italia); Massimo Achini, presidente del Centro sportivo italiano (Csi); Edio Costantini, presidente della Fondazione Giovanni Paolo II per lo sport. Indignazione per l'ennesima puntata del Calcioscommesse, ma occorre puntare sulla responsabilità di chi sta accanto ai ragazzi e alle famiglie, anche nel denunciare la corruzione
Venerdì 22/05
ACCORDO DI ALGERI
Mali, pace fragile
minacciata
anche dagli jihadisti
Non tutti i gruppi armati hanno firmato la pace col governo. Secondo l’abbé Timothée Diallo, curato della cattedrale e responsabile della comunicazione dell’arcidiocesi di Bamako, "se questi gruppi non hanno firmato, significa che sperano di trovare sostegno altrove". Quindi si teme il rischio di nuovi scontri sanguinosi. Il ruolo dei caschi blu che contano già 79 vittime
Giovedì 21/05
BILANCIO DELL’ASSEMBLEA CEI
"Attenti a farci capire
Non da élite e lobby
ma dal popolo di Dio"
Il cardinale Angelo Bagnasco ha tracciato le conclusioni della 68esima Assemblea generale della Cei, partendo dal suo centro: l’incontro con Papa Francesco. Ha protetto con tenace riservatezza i contenuti del confronto, ma ha sottolineato l’impegno assunto dall’episcopato contro la corruzione e la "colonizzazione ideologica". Maggiori fondi dall'Otto per mille a favore degli interventi caritativi
Giovedì 21/05
ACCADE A PARIGI
Squilibri ambientali
Hollande chiede aiuto
ai leader religiosi
Nella sede del Senato della Repubblica, al Palais du Luxembourg i leader di tutte le religioni presenti nel Paese: cattolici, protestanti, ortodossi, ebrei, musulmani, buddisti. Nella consapevolezza che i politici e gli scienziati possono fare davvero poco se non si riescono a mobilitare le anime e le menti. Obiettivo: non fallire l’appuntamento della Conferenza internazionale su cambiamenti climatici
Giovedì 21/05
PRINCIPATO DI MONACO
Dietro il rombo del Gp
e la favola dei reali
anche poveri e anziani
Michèle Michel è la presidente dell'associazione di volontariato "Opera di suor Maria" che si occupa principalmente di assistenza agli anziani. Tutto ciò che viene distribuito è il frutto delle raccolte, anche attraverso una fiera di beneficenza. Praticamente impossibile conoscere le cifre che lo Stato e il Comune destinano ai meno abbienti
Giovedì 21/05
AL CONFINE TRA LE COREE
Marcia per la pace
di trenta donne
sul 38° parallelo
Il 24 maggio - Giornata internazionale delle donne per il disarmo - l'iniziativa promossa da alcune donne a cui è stato assegnato il premio Nobel per la pace. La marcia, annunciata l'11 marzo alle Nazioni Unite, ha l'obiettivo di ottenere, a distanza di settant'anni, un trattato di pace permanente. Il sostegno del cardinale di Seul, Andrew Yeom Soo-jung
Giovedì 21/05
UNDICESIMA EDIZIONE
Festival Biblico
per i giovani
c'è l'Esplorificio
La rassegna inizia a Rovigo, Padova, Verona e Trento, per terminare a Vicenza, città-madre dell'iniziativa, con grandi eventi nel fine settimana del 2 giugno. Nel titolo "Custodire il Creato, coltivare l'Umano" c'è tutta la ricchezza e la forza di una proposta che trova il suo orizzonte e la sua radice proprio nella Bibbia. L'Acec propone, in 14 sale del Veneto e a biglietto ridotto, pellicole sul tema
Giovedì 21/05
23 MAGGIO, VEGLIA PER I MARTIRI
Noi, quelli della croce
Dono gratuito e amore
In vista della Veglia di Pentecoste dedicata per volontà della Cei ai "martiri contemporanei", abbiamo chiesto al custode di Terra Santa, padre Pierbattista Pizzaballa, di offrirci uno spunto di riflessione dal suo osservatorio privilegiato. Preghiera nelle comunità italiane, e non solo
Mercoledì 20/05
DOPO IL NUCLEARE IRANIANO
Corsa all’atomica
nel Golfo Persico
Ora l’Arabia Saudita
L’ipotesi, avvalorata da fonti dell’intelligence è che i sauditi acquistino dai pachistani un ordigno atomico per contrastare l’ascesa nucleare dell’Iran sciita. Riccardo Redaelli, dell’università Cattolica del S. Cuore di Milano: "In tutto il Medio Oriente, oramai da tempo, vi è una forte spinta verso la proliferazione nucleare". Ma la deterrenza richiede ben altro sul piano tecnologico
Mercoledì 20/05
NON SOLO DISLESSIA
Un esercito di bimbi
con problemi
di apprendimento
Si tratta di oltre 570mila bambini italiani, cui si aggiunge un "sommerso" difficilmente quantificabile di piccoli stranieri e/o immigrati, che devono fronteggiare la dislessia, la disortografia, la discalculia e la disgrafia. Riconoscere il disturbo e intervenire precocemente. Le responsabilità della scuola e la collaborazione con le famiglie. I limiti del sistema sanitario nazionale
Mercoledì 20/05
FESTIVAL A PISTOIA
La casa dice tutto
dell'uomo
e del suo tempo
Giulia Cogoli, esperta in comunicazione culturale, ideatrice e direttrice dei "Dialoghi sull'uomo. Festival di antropologia contemporanea". Le voci: gli antropologi Francesco Remoti e Marco Aime, l'ex calciatore Lilliam Thuram, padre Renato Kizito Sesana, il designer Alessandro Mendini
Mercoledì 20/05
24 MAGGIO 1915
Cento anni fa la guerra
E poi il filo spinato...
Fu la fine dei sogni di una generazione d'italiani e austro-ungarici, cattolici e ortodossi, musulmani ed ebrei: la brama di potere dei governanti e l'ambizione dei generali avrebbe impedito all'oggi di quei giovani di divenire domani. Oggi occorre ripartire da Papa Francesco: "La pace è un lavoro, non è uno stare tranquilli"
Mercoledì 20/05
UNA RICERCA RIVELA
Usa, se il 71 %
di cristiani
vi sembran pochi...
Jeff Cavins, noto autore cattolico, si dice sorpreso dai dati, ma in positivo: "La tenuta del cristianesimo in America è straordinaria se si considera che le voci cattoliche e protestanti sono praticamente inesistenti nei telegiornali e nei mezzi di comunicazione generalisti". Preoccupano l'assenza nel dibattito pubblico e lo scarso slancio missionario, soprattutto degli adulti
Mercoledì 20/05
DIARIO FIORENTINO/5
Nell'andare "oltre"
riconoscere l'altro
È la traccia lasciata dal "Festival delle religioni". La famiglia umana che ci proporrà l'assise di novembre non sarà segnata dall'omologazione e dall'uniformità, ma dalla bellezza e dalla "convivialità delle differenze", come diceva Tonino Bello: differenze di generazioni e di popoli, che esprimono legami di figliolanza e fratellanza
Martedì 19/05
CARITAS DAY EXPO
"L'Assemblea Onu
si esprima
sul diritto al cibo"
La proposta è stata lanciata con l'invito, a tutte le Caritas del mondo, di mandare cartoline alle Nazioni Unite per chiedere che i governi facciano il punto sulla situazione alimentare globale. I delegati Caritas hanno percorso in corteo il Decumano, via centrale dell'Expo, dietro lo striscione "One human family. Food for all", titolo della campagna lanciata da Papa Francesco a dicembre 2013
Martedì 19/05
FENOMENO DA MONITORARE
Niente indulgenze
con il "Web Oscuro"
Questi vicoli nascosti della Rete vengono utilizzati dai peggiori criminali della terra per i loro traffici sporchi (droga, armi, pedopornografia) e sono pieni di insidie, da non sottovalutare, per i minori o i navigatori sprovveduti
Martedì 19/05
ASSEMBLEA CEI/LA PROLUSIONE
Basta arrangiarsi!
Gli italiani
aspettano il lavoro
Il presidente Angelo Bagnasco portavoce delle attese del popolo: "La preoccupazione fondamentale della gente resta l’occupazione". No alla scuola "dell’indottrinamento e della colonizzazione ideologica". Preoccupazioni sul fronte delle unioni civili, del "divorzio lampo" e dell’utero in affitto. L’annuncio: il 3 ottobre, vigilia del Sinodo sulla famiglia, una Veglia alla presenza del Papa
Martedì 19/05
PROGETTI FARAONICI
La Cina alla conquista
dell’America Latina
Nel 2014, il volume di interscambio tra Cina e America Latina ha raggiunto i 263,6 miliardi di dollari e fino alla fine del 2014 gli investimenti hanno superato i 100 miliardi di dollari. Ora l’annuncio: il Governo cinese investirà 250mila milioni di dollari nei Paesi dell’America Latina e dei Caraibi nei prossimi dieci anni, particolarmente in progetti minerari e nella costruzione di infrastrutture
Martedì 19/05
INTERVENTO NAVALE
L’Europa dichiara
la sua "guerra"
alla tratta di migranti
Mentre segna un passo in avanti la "militarizzazione" delle iniziative contro i trafficanti di esseri umani, si registra una brusca frenata sul fronte delicatissimo della ripartizione dei profughi. Dopo il "no" di Regno Unito, Irlanda e Danimarca i dubbi e le indisponibilità di Francia e Spagna, che si aggiungono a quelli di Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Repubbliche baltiche
Martedì 19/05
INVESTIMENTI MORTALI
Troppi al volante
sotto l’effetto
di alcol e droghe
In quindici anni si è registrato un calo del 50% dei morti causati da incidenti stradali, ma le cronache di questi giorni portano alla ribalta un fenomeno in aumento, quello dei conducenti che guidano dopo aver assunto dosi massicce di bevande alcoliche e di stupefacenti. Resta altissimo il fenomeno del mancato soccorso. Si riaccende il dibattito sul reato di assassinio stradale
Lunedì 18/05
IL PAPA AI VESCOVI ITALIANI
"Con sensibilità
ecclesiale
contro corrente"
Francesco ha aperto i lavori della 68esima assemblea generale della Cei. Il grazie per la scelta del tema: l'Esortazione apostolica "Evangelii Gaudium". Dopo di che ha enumerato i punti cardine della "sensibilità ecclesiale", senza trascurare i limiti da superare per meglio conformarsi alla vocazione di "consolare il popolo". Forte invito a sconfessare e sconfiggere "la mentalità di corruzione pubblica e privata"
Lunedì 18/05
LA CARITAS IN AZIONE
Nigeriani in fuga
da Boko Haram
Priorità: cibo e acqua
Cifre impressionanti: 5mila dei 125mila fedeli cattolici sono stati uccisi dagli estremisti e 100mila sono dovuti fuggire. Monsignor Lucius Ugorji, vescovo di Umuahia e presidente di Caritas Nigeria, spiega che la povertà e la mancanza di educazione sono "terreno fertile per un indottrinamento di massa all'Islam radicale, per poi mandare i giovani a combattere contro il resto del Paese"
Lunedì 18/05
IL TEOLOGO FERNANDEZ
In missione:
''Motivare
uscire e inviare''
Il rettore della Pontificia Università Cattolica Argentina offre una lettura della "Evangelii gaudium" come condizione permanente della Chiesa e dei singoli credenti: "La maggior parte del tempo dovrebbe essere speso per portare il Vangelo a ognuno personalmente. Il Papa stesso ci dà l’esempio". La denuncia: "Alcuni preferiscono non cambiare nulla o semplicemente aspettare la morte del Papa". Invito a raggiungere i lontani con la fantasia evangelizzatrice del popolo
Lunedì 18/05
DA ANIMALE A UOMO
Xenotrapianti
frontiera medica
promettente
Emanuele Cozzi, uno dei massimi esperti del settore: "Quelli di organi solidi (cuore, rene ecc.) sono impediti. Sono invece permessi gli xenotrapianti di cellule, sia dall’animale all’uomo che viceversa. Questo è un punto cruciale, perché consente di portare avanti sia studi di ricerca oncologica che sperimentazioni di medicina rigenerativa (cellule staminali), che si sta facendo anche in Italia"
Lunedì 18/05
DOVE SI FERMÒ IL PAPA
Pax Christi prega
lungo il muro
in Terra Santa
L’organizzazione ha celebrato così il suo 70esimo anniversario in un luogo simbolo della divisione fra gli uomini. Marie Dennis, co-presidente di Pax Christi International: "In Terra Santa non c’è pace ma è proprio da qui che intendiamo ribadire solidarietà a coloro che vivono nel conflitto e nell’ingiustizia… e che in ogni parte del mondo non godono di piena dignità a causa delle guerre"
Lunedì 18/05
PALESTINA-ISRAELE
La pace più duratura
nella libertà religiosa
Papa Francesco ha canonizzato due sante "palestinesi". Due religiose di un tempo antico, tra Otto e Novecento, prima dei confini degli Stati di oggi. Una suggestione di pace per il Medio Oriente dilaniato dalle guerre e soprattutto per Israele e Palestina, due Stati e due popoli chiamati dal destino a convivere




Come Abbonarsi ?


Note e commenti
Photonotizie
Infografiche
Ultima Settimana
Commento al Vangelo