Servizio Informazione Religiosa
Prima Pagina
 
Venerdì 30 Agosto 2013
GIORNALI FISC
L'opinione del territorio
L'attualità politica, la crisi siriana, il 50° del discorso di Martin Luther King, la Giornata per la custodia del creato, i fatti di cronaca, la vita delle Chiese locali: gli editoriali delle testate cattoliche

L'attualità socio-politica, la crisi siriana, il 50° del discorso di Martin Luther King, la Giornata per la custodia del creato, la cronaca locale e i principali appuntamenti delle diocesi italiane... Sono alcuni degli argomenti di cui parlano gli editoriali dei giornali aderenti alla Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici) in uscita in questi giorni. Ne proponiamo una rassegna tra quelli giunti in redazione.

L'attualità socio-politica. "Un agosto da patemi d'animo". È il commento che accomuna molti editoriali dedicati all'attualità socio-politica italiana, contraddistinta "in modo quasi esclusivo dal destino politico di Silvio Berlusconi, dopo la condanna definitiva per frode da parte della Corte di Cassazione". Agosto, scrive Amanzio Possenti, direttore del Popolo Cattolico (Treviglio), "si conclude fra mille interrogativi e non indifferenti patemi d'animo: si apre un settembre tutto da decifrare". Un settembre che avrà a tema, nei primi giorni, la cosiddetta "agibilità politica" di Berlusconi. A tal proposito, Vincenzo Rini, direttore della Vita Cattolica (Cremona), sottolinea che "non è necessario essere né buonisti, né forcaioli, ma responsabili. I principi a cui con onestà tutti dovrebbero attenersi sono due. Anzitutto: le sentenze vanno accettate, specialmente quando giungono alla decisione definitiva della Cassazione. Inoltre: se la legge e la Costituzione ammettono la possibilità di ricorso alla Consulta o alla Corte di Strasburgo, non lo si deve negare a Berlusconi. Il 9 settembre, quando il Senato dovrà esprimersi sulla decadenza del Cavaliere, si avvicina. Chiediamo ai partiti di fare in modo che quel giorno non segni la 'decadenza' del governo Letta e dell'Italia". In questo periodo, nota Francesco Zanotti, direttore del Corriere Cesenate (Cesena-Sarsina), "da più parti si è invocato il bene del Paese sopra ogni altro interesse. Si è trattato di dichiarazioni apprezzabili e condivisibili. Poi è cambiato qualcosa, ma il bene comune conserva un valore superiore alla somma dei beni dei singoli. È un bene molto più grande. È un sentire comune per un destino insieme. È proprio quello che stiamo smarrendo da un po' di tempo. Va assolutamente ritrovato. Prima di tutto". Concorda Ezio Bernardi, direttore della Guida (Cuneo), che aggiunge: "Il destino del Paese è in mano a una classe politica in cui, salvo poche eccezioni, non si vede molta propensione al bene comune. La speranza, si sa, è l'ultima a morire, ma la situazione presente non autorizza ottimismo". Soprattutto, rimarca Gianpiero Moret, direttore dell'Azione (Vittorio Veneto), "se si pensa al fatto che si vuole far cadere il governo per motivi che con il bene del Paese hanno ben poco da vedere. Si spera che il popolo italiano abbia la lucidità sufficiente per capire dove sta il vero bene del Paese". Quella stessa lucidità che Guglielmo Frezza, direttore della Difesa del Popolo (Padova), invoca commentando la decisione del governo di abolire l'Imu. "Conti alla mano - rileva Frezza - l'abolizione dell'Imu sulla prima casa ha più un valore simbolico che di reale aiuto ai bilanci familiari. Non solo: in proporzione a guadagnarci sono i ceti più abbienti (...). Poi, certo, ogni risparmio è ben accetto. Ma se il contrappasso è quello di vedersi alzare ancora le tariffe comunali - o peggio di veder ridotti i servizi che l'Imu contribuisce a pagare - per la maggior parte di noi il gioco non vale la candela". Sull'abolizione dell'Imu, collegata alla tenuta del governo, interviene Luca Sogno, direttore del Corriere Eusebiano (Vercelli), puntualizzando che "se la soluzione alternativa proposta è quella di far saltare il banco e tornare al voto ben vengano Letta e i suoi compromessi".

Questioni internazionali. La crisi siriana e il 50° del discorso "I Have a Dream" di Martin Luther King sono i due fatti di cronaca internazionale al centro dei settimanali diocesani. Anzitutto la crisi siriana: Voce della Vallesina (Jesi) riporta alcuni racconti della giornalista italo-siriana Asmae Dachan, che si trova in Siria dove ha scelto di trascorrere due settimane per raccontare il dramma delle famiglie che vivono la tragedia della guerra. "Forse - dice Dachan - dall'altra parte del mare, con quel distacco che la distanza geografica in qualche modo impone, non arriva davvero la proporzione di questo dramma. Per quanto uno si sforzi, non riuscirà mai a comprendere cosa accade". In questi giorni, annota Elio Bromuri, direttore della Voce (Umbria), "ritornano alla memoria ammonimenti divenuti tristemente famosi. Tristemente perché non ascoltati: 'Guerra: inutile strage' (Benedetto XV), 'Tutto è perduto con la guerra, tutto può essere salvato con la Pace' (Pio XII), 'Mai più la guerra', tre volte ripetuto all'Onu (Paolo VI). Solo per citare poche frasi. Voci nel deserto, profeti inascoltati". Roberto Pensa, direttore della Vita Cattolica (Udine), ricorda che "mai le bombe lanciate sono servite a debellare il terrorismo (anzi, lo hanno drammaticamente alimentato)". Al discorso pronunciato a Washington il 28 agosto 1963 da Martin Luther King dedica, invece, l'editoriale Marco Bonatti, direttore della Voce del Popolo (Torino). Tracciando un bilancio su quanto "il sogno" del pastore King si sia realizzato in questi 50 anni e guardando all'oggi, Bonatti conclude: "Nelle società occidentali fatte di minoranze incapaci di comprendere e accettare la propria responsabilità politica globale, oggi forse Martin Luther King dovrebbe fare un discorso leggermente diverso: partendo dalla realtà che il vero, primo problema è trovare il modo di condividere i sogni, di spezzare la gabbia degli individualismi ed egoismi dentro cui ci siamo - 'liberamente' - rinchiusi".

Giornata del creato. Dalla cronaca internazionale a un appuntamento che riguarda la vita della Chiesa italiana. Domenica 1° settembre, infatti, viene celebrata l'8ª Giornata per la custodia del creato, sul tema "La famiglia educa alla custodia del creato". E le testate Fisc dedicano ampi spazi al tema in questione. "Custodire il creato - spiega Vincenzo Tosello, direttore di Nuova Scintilla (Chioggia) - vuol dire riconoscere e rispettare prima di tutto il Creatore, vuol dire apprezzare quanto ci è stato donato come 'casa' da abitare e, quindi, averne cura attenta e operosa; ma a un'ecologia meramente ambientale deve affiancarsi anche un'ecologia umana e sociale perché all'armonia dell'abitato corrisponda anche l'armonia tra gli abitanti". Per Lauro Paoletto, direttore della Voce dei Berici (Vicenza), "questa Giornata rappresenta una vera e propria urgenza che dovrebbe interpellare ogni cittadino e ogni credente". Vincenzo Finocchio, direttore dell'Appennino Camerte (Camerino-San Severino Marche), illustra i motivi che hanno portato alla scelta del tema di quest'anno ("La famiglia educa alla custodia del creato"): "In primo luogo perché prossimamente, dal 12 al 15 settembre, a Torino si terrà la 47ª Settimana Sociale dei cattolici italiani che studierà 'La famiglia, speranza e futuro per la società italiana'. In secondo luogo perché in questo anno ricorre il 50° dell'apertura del Concilio Vaticano II, il quale, nella costituzione pastorale 'Gaudium et spes', riconosce la famiglia come 'una scuola di umanità più completa e più ricca'". Tra le tante iniziative in programma per domenica nelle diverse diocesi, Giulio Donati, vicedirettore del Piccolo (Faenza-Modigliana), segnala "quella di Pieve Thò, cui concorrono la nostra diocesi e quella di Ravenna-Cervia, oltre alla Coldiretti. E che avrà la collaborazione del Corpo forestale dello Stato provinciale e dell'Ufficio territoriale per le biodiversità di Punta Marina. A guidare l'incontro, il nostro vescovo Claudio Stagni".

Papa Francesco. Sui settimanali spazio anche ad alcune riflessioni sul Pontefice, che continua a stupire per i suoi gesti e le sue parole. "Papa Francesco - evidenzia Luciano Sedioli, direttore del Momento (Forlì-Bertinoro) - cerca di portare il Vangelo nelle case degli uomini". Nel mese di luglio "ha prima incontrato i migranti che sbarcano a Lampedusa e poi in Brasile i giovani in cerca di futuro, due volti di un mondo ingiusto. A tutti ha ricordato che l'indifferenza è il vero peccato di oggi". Sergio Nuvoli, direttore del Portico (Cagliari), guarda alla visita del Papa in Sardegna prevista per il 22 settembre. "Più che agli aspetti esterni - suggerisce Nuvoli - da qui al 22 settembre dovremo aiutarci a fare attenzione e a meglio guardare all'umanità del Pontefice, all'umanità di Cristo". Sandro Vigani, direttore di Gente Veneta (Venezia), riflette sul legame tra Giovanni Paolo I e Papa Francesco. "Papa Luciani - nota Vigani - cercò di portare, nei pochi giorni del suo pontificato, l'ordinario della vita della Chiesa nel ministero del Sommo Pontefice, che per secoli aveva avuto un volto sempre 'straordinario'. Volle, come oggi papa Bergoglio, rimanere se stesso, non solo nella sostanza, ma anche nel modo d'interpretare il ministero petrino". La Cittadella (Mantova) ritorna alla Gmg di Rio (23-28 luglio): durante quelle intense giornate "il Papa ha voluto parlare al cuore dei giovani. Ci è riuscito. Lo ha fatto con l'autenticità della sua persona (...). Papa Francesco ha osato il rischio della tenerezza, il rischio del dialogo, il rischio della fiducia, il rischio della misericordia".

Cronaca locale. I giornali diocesani non tralasciano la cronaca locale. E così Giorgio Bardaglio, direttore del Cittadino (Monza e Brianza), continua a invocare "chiarezza" sulla realizzazione del nuovo ospedale San Gerardo, perché "è un patrimonio troppo grande da esser dato in appalto a scatola chiusa, senza confronto". L'Ora del Salento (Lecce) si occupa, invece, dell'iniziativa del prefetto di Lecce, Giuliana Perrotta, che pone uno stop agli happy hour pomeridiani e alle notti da sballo sulle spiagge di Gallipoli. "I comportamenti che hanno fatto notizia - secondo il giornale salentino - non sono peculiari delle spiagge gallipoline, appartengono, purtroppo, a una sempre più ampia fascia di giovani che fanno dello sballo una ragione di vita. Allora il problema si allarga e sollecita all'impegno per la formazione dei giovani, all'incolumità pubblica e all'affermazione della legalità, l'intera società, a partire dalla famiglia, dalla scuola, dalle stesse parrocchie e oratori". Giuseppe Rabita, direttore di Settegiorni dagli Erei al Golfo (Piazza Armerina), dedica l'editoriale al provvedimento di difesa del pubblico decoro nei luoghi istituzionali a Gela. Da qualche giorno, infatti, viene applicato il divieto d'indossare abiti succinti negli uffici comunali. "Nella vita - annota Rabita - un po' di buona educazione non guasta. Sarò vecchio, ma apprezzo ancora il buon gusto e l'educazione". Mario Banchio, direttore del Corriere di Saluzzo, interviene sulla vicenda del "prof" di un liceo locale, accusato in un primo tempo di aver abusato sessualmente di due sue studentesse, all'epoca dei fatti entrambe minorenni, e successivamente anche d'istigazione al suicidio, riferendosi a quello, avvenuto nel 2004, di un'altra studentessa sempre dello stesso liceo. "La città - riferisce Banchio - è sbalestrata, confusa e disorientata". Da Pier Giovanni Trossero, direttore dell'Eco del Chisone (Pinerolo), l'invito a "Cota-Fassino-Saitta ad andare subito a Roma se pensano che il Tribunale di Pinerolo possa e debba essere salvato". Il Nuovo Diario Messaggero (Imola) propone, invece, una riflessione, a firma di Giovanni Bettini, presidente Confcooperative del Circondario imolese, sulle cooperative e sul loro impegno nel "fare cultura". Quello del "fare cultura", si legge, "è un compito nel quale la cooperazione imolese è impegnata per trovare risposte adeguate ai cambiamenti della società e dell'economia".

La vita delle Chiese locali e dei settimanali. Non manca, infine, negli editoriali l'attualità ecclesiale. Corrado Avagnina, direttore dell'Unione Monregalese (Mondovì), s'interroga sul dato religioso presente nei diversi appuntamenti estivi che animano le nostre città. "Certo - annota Avagnina - vi si arriva con motivazioni diverse. Gli organizzatori un po' trafelati dalle cose a cui pensare, e gli altri (in particolare), coloro che tornano al paese o gli amici assortiti per una sosta festaiola... con curiosità, forse con attenzione passeggera, chissà se con convinzione profonda... Giusto in pieno agosto, Papa Francesco ha ribadito come la fede non possa essere una panna montata a corredo della torta della vita...". Di "fede oggi" parla anche l'editoriale del Ticino (Pavia): "Papa Francesco, con la sua densissima semplicità profetica, porta al centro della vita e della storia la fede, come dimensione essenziale dell'esistenza, per una Chiesa povera e per i poveri, che serva e non si faccia servire, una Chiesa fatta da fratelli liberi e intelligenti, che gustano l'Amore tenero e misericordioso del Padre e si amano vicendevolmente". Emmaus (Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia) argomenta sul valore dell'ospitalità invitando alla gioia nell'"accogliere chi è diverso da noi". Mentre Stefano Fontana, direttore di Vita Nuova (Trieste), chiarisce, dopo alcune voci polemiche, qual è il senso della collaborazione tra sindaco e vescovo. "Vera collaborazione - spiega - significa ascoltarsi veramente e tenere conto reciprocamente di quanto di vero e giusto viene detto". Adriano Bianchi, direttore della Voce del Popolo (Brescia), anticipa alcuni punti della nuova lettera pastorale del vescovo Luciano Monari, che ha per titolo "Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi" (Gv 20,21) e che sarà diffusa nei prossimi giorni. "Una lettera, la quarta del suo episcopato bresciano - sintetizza Bianchi -, che ribadisce e declina uno stile di evangelizzazione evangelico che abbiamo, ormai, imparato a conoscere e ad apprezzare". Davide Maloberti, direttore del Nuovo Giornale (Piacenza-Bobbio), augura "all'inizio di un nuovo anno pastorale" che "non ci stanchiamo di annunciare la Parola di Dio. Perché, presto o tardi, porterà i suoi frutti". Il nuovo anno pastorale segna anche alcune novità per due testate Fisc: La Fedeltà (Fossano) e Luce e Vita (Molfetta). Entrambe si presentano, infatti, con un nuovo direttore. Il giornale piemontese sarà guidato da Walter Lamberti che, subentrando a Corrado Avagnina, esprime "un grazie e un saluto a chi il giornale lo fa vivere perché lo legge, lo sfoglia, magari con occhio critico, ma comunque con affetto e attenzione". Mentre quello pugliese da Luigi Sparapano, che succede a Nico Tempesta. "Il settimanale - auspica il neo-direttore - con l'intera azione dell'Ufficio comunicazioni sociali, dovrà sempre più respirare la vita della diocesi e connettere le sue diverse componenti, interagire col territorio, per quanto di sua competenza, dialogare con gli altri media, attivare sinergie sul versante educativo".

a cura di Vincenzo Corrado


Articoli correlati

Venerdì 02/08/2013
GIORNALI FISC
Il cammino e gli impegni dopo la Gmg di Rio, la situazione socio-politica italiana, gli incidenti di Santiago de Compostela e dell'Irpinia, la vita delle Chiese locali: gli editoriali delle testate cattoliche
 


Tutti gli altri articoli della settimana

Sabato 01/11
VOLONTARIATO SENZA FRONTIERE
Da Prato a Tokyo
La "Misericordia"
parla giapponese
Un centinaio di volontari, all'inizio, per l’80% giapponesi e per il resto italiani lì residenti, si occupano soprattutto di aiuti ai senza tetto e sono intervenuti concretamente per sostenere la popolazione in difficoltà, come in occasione dell'incidente della centrale nucleare di Fukushima
Sabato 01/11
LA FESTA DI ''TUTTI I SANTI''
Che la vita eterna
sia desiderabile
"Eterno" suscita l'idea dell'interminabile, del ripetitivo che annoia. Invece, deve tornare a essere un annuncio, capace di orientare l'esistenza terrena, la vita quotidiana. L'eternità sarà il momento "dell'immergersi nell’oceano dell'infinito amore, nel quale il tempo - il prima e il dopo - non esiste più". Un tuffarsi in Dio, così da essere sopraffatti dalla gioia
Sabato 01/11
DOPO LA VITTORIA AL FOTOFINISH
Brasile, serve il dialogo
"Dilma lo cerchi
anche con la Chiesa"
È l’invito di Luciano Bergamin, vescovo di Nova Iguaçu, città satellite di Rio. Mario Pasqualotto, vescovo emerito di Manaus, capitale dell'Amazzonia: "Mi ha dato fastidio l’approccio della presidente anche sui valori cristiani. Io a Manaus lavoro da anni con i tossicodipendenti e il Governo stava per varare una legge nella quale si proibiva di usare il vangelo, il nome di Dio, nelle comunità terapeutiche"
Venerdì 31/10
CONFERENZA ASIATICA
Riparte dalle Filippine
la campagna
contro la pena di morte
Si è voluto offrire una piattaforma di dialogo per i Paesi interessati a una moratoria sulle esecuzioni capitali (alla quale hanno aderito finora 114 nazioni). Il tutto nel contesto di un continente che detiene il primato dell’uso della pena capitale, con un dato complessivo del 2013 di almeno 4.010 esecuzioni - oltre 3mila nella sola Cina - contro le 3.879 del 2012
Venerdì 31/10
PRETI DI STRADA/5
Con lui spezzano il pane
Quello eucaristico
e quello quotidiano
Don Mario Zacchini, 68 anni, un decennio trascorso come ''fidei donum'' in Tanzania, dal 1995 è l'anima della comunità bolognese di Sant'Antonio di Savena. Qui ha lasciato il segno il cardinale Giacomo Lercaro. Prima è nata l'unità di strada - con l’accompagnamento di don Benzi - ''per andare incontro alle prostituite'' (occhio all'accento sulla seconda ''i''). Poi l'apertura al territorio e all'Africa
Venerdì 31/10
CHIACCHIERE IN LIBERTÀ
Parli di Halloween?
Sberle assicurate
Ecco come può svilupparsi e persino degenerare una semplice conversazione fra amici sulla moda del momento. Il che la dice lunga sulla capacità di ascoltare la Chiesa, senza pregiudizi, quando suggerisce di non prendere alla leggera un fenomeno culturale d'importazione
Venerdì 31/10
L'OPINIONE DEL TERRITORIO
La festa di Tutti i Santi
Le prime pagine
dei giornali diocesani
I settimanali cattolici, in uscita in questi giorni, si soffermano sulla festa di Ognissanti e sulla commemorazione dei defunti. "I credenti hanno ricevuto su questo una parola certa - rilevano le testate Fisc -, cui guardare con fiducia"
Venerdì 31/10
FRA LE RIGHE
Amare i poveri
non è comunismo
La lotta millenaria di molti cristiani a favore dei miseri e degli abbandonati risale a milleottocentoquaranta anni prima delle teorizzazioni marxiste. E prende le mosse da quattro testi nati nella Palestina del primo secolo dell'era volgare. Poi verranno Francesco d'Assisi e Chiara. E altri credenti e non credenti: Péguy e Baudelaire, Hugo, Hesse e Weil. Non sorprendono, quindi, le parole del Papa
Venerdì 31/10
RICORDIAMO I MIGRANTI
C'è un cimitero
in fondo al mare
Il 2 novembre, ogni famiglia si appresta a ricordare i "suoi" morti e a onorarli con una visita al camposanto e un'invocazione più intima, più profonda. Un rito di amore per non dimenticare chi non c'è più ma non cessa di essere presente. E allora, proviamo ad "adottare" un defunto ignoto: un pensiero, una preghiera. Come il piatto in più che su tante tavole si mette per l'angelo, per l'ospite inatteso
Giovedì 30/10
SCHULZ IN VATICANO
Dall'aula di Strasburgo
"il Papa parlerà
a tutti i popoli d’Europa"
Il presidente dell'Europarlamento ha incontrato sia Papa Francesco sia il Segretario di Stato, cardinale Pietro Parolin. Molte cose sono cambiate dal 1988, dalla visita di Giovanni Paolo II, a cominciare dalla caduta del Muro di Berlino e dell'allargamento ad Est. Grande attesa per i temi che verranno affrontati dal Pontefice. Nel segno del dialogo - aperto, trasparente e regolare - sancito dal Trattato di Lisbona
Giovedì 30/10
TENSIONE ALTISSIMA
Ma nessun pericolo
per i pellegrini
a Gerusalemme
Dopo l'agguato ad un rabbino, le rassicurazioni di padre Pietro Felet, segretario generale dell'Assemblea degli Ordinari cattolici di Terra Santa (Aocts): "I Santuari della città sono in queste ore visitati da tantissimi pellegrini e in tutta sicurezza". Tuttavia "prudenza impone di evitare le zone circostanti il Muro del Pianto e quindi la Spianata delle Moschee, il cui ingresso è chiuso"
Giovedì 30/10
NEL CUORE DI CHISINAU
Una casa famiglia
apre le sue porte
alle giovani moldave
Il progetto è il risultato della collaborazione tra la Fondazione Regina Pacis (Moldova) e l’Associazione Strada Facendo (Italia) ed ha come obiettivo l’accoglienza di giovani ragazze moldave che, raggiunto il diciottesimo anno di età, devono lasciare gli istituti o le case famiglie presso le quali per lungo tempo hanno soggiornato, affrontando l’incertezza del loro futuro
Giovedì 30/10
CAMPAGNA INTERNAZIONALE
Quanti minerali
"insanguinati"
nei nostri telefonini
Per promuovere un consumo davvero responsabile è importante sapere che, nascosti nei chip e nei componenti dei cellulari, vi sono minerali dai nomi pressoché sconosciuti come il coltan, la cassiterite, il tantalio, la wolframite. Tutti provenienti da zone di guerra. E che spesso costano la vita anche ai bambini minatori. Iniziativa di sensibilizzazione del Cipsi e di Chiama l’Africa
Giovedì 30/10
RACCONTO DI VITA
I curdi in Italia
giorno dopo giorno
col cuore laggiù
Vi raccontiamo la storia di Irem (nome di fantasia) e di suo fratello sequestrato e ucciso durante un viaggio ad Aleppo. "I terroristi chiamavano per chiedere il pagamento del riscatto e mia madre stava raccogliendo i soldi, poi siamo stati avvisati della fossa comune". Ad Afrin, enclave curda dove la sua famiglia si è riparata, si vive sempre nella paura
Mercoledì 29/10
RILEGGIAMO IL SINODO/3
''Ora la sinodalità
della Chiesa
non è più un optional''
Lo storico Alberto Melloni: ''Non serve a ridurre i conflitti ma a farli emergere e trasformarli in ingredienti di una maggiore comunione''. E ancora: ''Mettere in pratica l'ascolto reciproco che aiuti a capire di più le esigenze del vangelo e non di dire delle cose più appetibili al gusto moderno o che rispondano alle esigenze di qualche 'intellettuale dei miei stivali', come diceva Bettino Craxi''
Mercoledì 29/10
PREZZO IN DISCESA
Il petrolio non corre
Chi gioisce e chi no
Un vantaggio certo per i consumatori, automobilisti in testa, ma anche per le famiglie e le imprese energivore. Ma lo Stato vedrà calare , e non di poco, le sue entrate fiscali. Già si calcola un introito inferiore per un importo di 2 miliardi di euro. Per una cifra di poco superiore (che dovremmo pagare) stiamo facendo a botte con l’Unione europea… E poi c’è lo spettro deflazione
Mercoledì 29/10
NELLA CASA DI FORLÌ
Torneo di calcetto
in carcere
con gli arbitri del Csi
Per il miglioramento delle condizioni carcerarie si batte l’associazione San Vincenzo de’ Paoli di Cesena. La popolazione carceraria è molto giovane e anche per questa ragione è nata un’iniziativa sportiva che si è affiancata ai colloqui settimanali, alla consegna di materiale, alle catechesi (col vescovo di Cesena-Sarsina, Douglas Regattieri) e alle attività formative sulla Costituzione italiana
Mercoledì 29/10
PIÙ MORTI CHE NATI
Mai la speranza
così svilita nel Sud
Un pezzo importante d’Italia rischia di "dissolversi". È un dato impressionante, e inaccettabile. E sì, perché una simile prospettiva sarebbe per il Paese intero una perdita gravissima, forse una ferita mortale. Un simile campanello d’allarme deve ridestare l’attenzione di tutti e di ciascuno, nella misura del proprio ruolo e delle proprie responsabilità specifiche
Mercoledì 29/10
L’EUROPA CI PROVA
L’interdipendenza
esige governance
Si profila un rafforzamento della dimensione "comunitaria" rispetto a quella "intergovernativa". Scontentando qualche premier "europrudente" e una certa parte dell’opinione pubblica europea, ma riportando l’Ue nella visione e nel solco tracciato dai Padri fondatori
Martedì 28/10
LA COLOMBIA CHE NON T'ASPETTI
Nell'ospedale cattolico
di Medellin
porte aperte a tutti
La Clinica universitaria della Upb (Pontificia università bolivoriana) è un gioiello di tecnologia ospedaliera e di cura alla persona, grazie anche all'aiuto della Conferenza episcopale italiana. Qualche cifra: 38mila parti negli ultimi dieci anni su un totale di 250mila ricoveri. Si punta al raddoppio della capacità ricettiva. Agli italiani: "State pronti: continueremo a bussare alla vostra porta"
Martedì 28/10
NESSUN CONTRASTO
Genesi, una pagina
di fisica teorica
Le sollecitazioni pastorali di Papa Francesco sul Big Bang ci consentono di rileggere le prime pagine della Genesi non solo in maniera confessionale, ma come il pellegrinaggio spirituale che ha fatto l'uomo della Bibbia, che hanno fatto ricercatori, credenti e non, filosofi e saggi, per rispondere alle grandi ed eterne domande sulla creazione
Martedì 28/10
RILEGGIAMO IL SINODO/2
"Molto dipenderà
dalla sinodalità vissuta
nelle Chiese locali"
Lo storico Massimo Faggioli: "Le due celebrazioni del Sinodo a un anno di distanza ricordano per dinamica le intersessioni conciliari, ovvero il periodo gennaio-agosto che intercorse tra le quattro sessioni del Concilio Vaticano II: in quelle intersessioni i documenti discussi dai vescovi a Roma ricevettero contributi essenziali per la loro maturazione"
Martedì 28/10
RAPPORTO CENSIS
Italiani più insoddisfatti
nei confronti
della sanità pubblica
Le punte di maggiore soddisfazione sono al Nord-Est con il solo 27,5% di pareri negativi; quelle al contrario più critiche sono al Sud dove il 72% formula giudizi tutt'altro che lusinghieri sul Sistema sanitario nazionale. Le liste d'attesa determinano i giudizi più negativi. I ticket sono percepiti come una tassa iniqua. Si profila una crescita delle polizze assicurative sanitarie private
Martedì 28/10
CITTÀ METROPOLITANE/2
Il quartetto
delle meraviglie
sta al Nord
Il 28 settembre sono andati al voto gli amministratori locali di Milano e Genova, il 12 ottobre quelli di Torino. Già convocata la prima seduta dei consigli metropolitani lombardo e ligure, chiamati a redigere gli statuti delle neonate città metropolitane. Per Venezia, invece, bisogna attendere le elezioni comunali fissate nella primavera del 2015
Martedì 28/10
LA RIELEZIONE DI DILMA
Brasile, raccolto
l'invito dei vescovi
a recarsi alle urne
Diffusi dei video, realizzati dall'arcidiocesi di Belo Horizonte, per spiegare alla popolazione (i livelli di scolarizzazione sono molto bassi) il sistema della delega e della rappresentanza democratica: la percentuale dei votanti è stata del 78,9%, quella degli astenuti il 21,1%. Claudio Pighin, missionario del Pime: "La gente semplice e umile è piena di speranza per un futuro migliore"
Lunedì 27/10
RILEGGIAMO IL SINODO/1
Penalizzate le famiglie
a più alto tasso
di responsabilità
Lo statistico Roberto Volpi esorta a non cadere nell'errore di credere che l'aumento delle coppie di fatto compensi il calo vertiginoso dei matrimoni, sia civili che religiosi. E avverte: se continua a crescere il fenomeno delle "coppie di fatto non conviventi", nel giro di tre o quattro decenni la famiglia formata da un uomo e una donna con figli è destinata a sparire
Lunedì 27/10
CONVEGNO ECCLESIALE
Chiese di Sardegna:
energie in moto
per creare il lavoro
La comunità cristiana ha il dovere di chiedere conto ai rappresentanti politici su diversi fronti: innovazione, sostenibilità ambientale, sobrietà come stile di vita, attenzione alle marginalità, rifiuto della cultura della fortuna e dell'azzardo e rilancio dell'educazione scolastica. Valutazione dei beni improduttivi della Chiesa per una loro valorizzazione attraverso il Progetto Policoro
Lunedì 27/10
LEGGE ELETTORALE
Bipolarismo imperfetto
Convergenze improvvise
Il premio di maggioranza al partito e non alla coalizione conviene a molti. Conviene al premier, che si è posto esplicitamente e con l'ormai nota sicurezza l'obiettivo di altri due mandati di legislatura, e forse conviene allo stesso Berlusconi, alla ricerca di tutele personali e patrimoniali, oltre che di spazio politico ancillare. Può giovare financo all'appannato Grillo
Lunedì 27/10
ELEZIONI PRESIDENZIALI
Uruguay, non basta
l'effetto Mujica
per vincere facile
Vanno al ballottaggio del 30 novembre il ''Frente Amplio'' e il ''Partito Nazionale''. Josè ''Pepe'' Mujica, presidente uscente, lascia il potere con altissimi livelli di popolarità. Gli si riconoscono i progressi fatti in economia e sul fronte della giustizia sociale. Molto ha giocato l’insicurezza legata all'aumento degli omicidi e dei furti. Un deficit anche sul fronte dell'istruzione
Lunedì 27/10
REYHANEH IMPICCATA
Alla forca opponiamo
il cuore in ascolto
La preghiera è la nostra risposta, non intesa come esorcismo, talismano, o ottundimento della ragione a favore di una giustizia celeste che salderebbe in parità i conti, ma come una postura profonda che imprime al vivere un moto altro. Una giovane vita è stata brutalmente spenta ma la battaglia contro la pena di morte deve farne un trampolino di lancio, deve arrivare a conquistare tutti
Lunedì 27/10
IL CONVEGNO DI SALERNO
Dai cattolici italiani
una spinta è possibile
al lavoro nuovo
Le comunità e il variegato mondo dell'associazionismo hanno spazio per operare, grazie alla propria creatività. Il caso buono del Progetto Policoro. Gli interventi finali dei vescovi: monsignor Giancarlo Maria Bregantini e Domenico Sigalini. Un bagno di realtà dal quale ripartire per offrire una speranza ai giovani, superare la precarietà e fare famiglia




Come Abbonarsi ?


Note e commenti
Photonotizie
Infografiche
Ultima Settimana
Commento al Vangelo