Servizio Informazione Religiosa
Prima Pagina
 
Venerdì 30 Agosto 2013
GIORNALI FISC
L'opinione del territorio
L'attualità politica, la crisi siriana, il 50° del discorso di Martin Luther King, la Giornata per la custodia del creato, i fatti di cronaca, la vita delle Chiese locali: gli editoriali delle testate cattoliche

L'attualità socio-politica, la crisi siriana, il 50° del discorso di Martin Luther King, la Giornata per la custodia del creato, la cronaca locale e i principali appuntamenti delle diocesi italiane... Sono alcuni degli argomenti di cui parlano gli editoriali dei giornali aderenti alla Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici) in uscita in questi giorni. Ne proponiamo una rassegna tra quelli giunti in redazione.

L'attualità socio-politica. "Un agosto da patemi d'animo". È il commento che accomuna molti editoriali dedicati all'attualità socio-politica italiana, contraddistinta "in modo quasi esclusivo dal destino politico di Silvio Berlusconi, dopo la condanna definitiva per frode da parte della Corte di Cassazione". Agosto, scrive Amanzio Possenti, direttore del Popolo Cattolico (Treviglio), "si conclude fra mille interrogativi e non indifferenti patemi d'animo: si apre un settembre tutto da decifrare". Un settembre che avrà a tema, nei primi giorni, la cosiddetta "agibilità politica" di Berlusconi. A tal proposito, Vincenzo Rini, direttore della Vita Cattolica (Cremona), sottolinea che "non è necessario essere né buonisti, né forcaioli, ma responsabili. I principi a cui con onestà tutti dovrebbero attenersi sono due. Anzitutto: le sentenze vanno accettate, specialmente quando giungono alla decisione definitiva della Cassazione. Inoltre: se la legge e la Costituzione ammettono la possibilità di ricorso alla Consulta o alla Corte di Strasburgo, non lo si deve negare a Berlusconi. Il 9 settembre, quando il Senato dovrà esprimersi sulla decadenza del Cavaliere, si avvicina. Chiediamo ai partiti di fare in modo che quel giorno non segni la 'decadenza' del governo Letta e dell'Italia". In questo periodo, nota Francesco Zanotti, direttore del Corriere Cesenate (Cesena-Sarsina), "da più parti si è invocato il bene del Paese sopra ogni altro interesse. Si è trattato di dichiarazioni apprezzabili e condivisibili. Poi è cambiato qualcosa, ma il bene comune conserva un valore superiore alla somma dei beni dei singoli. È un bene molto più grande. È un sentire comune per un destino insieme. È proprio quello che stiamo smarrendo da un po' di tempo. Va assolutamente ritrovato. Prima di tutto". Concorda Ezio Bernardi, direttore della Guida (Cuneo), che aggiunge: "Il destino del Paese è in mano a una classe politica in cui, salvo poche eccezioni, non si vede molta propensione al bene comune. La speranza, si sa, è l'ultima a morire, ma la situazione presente non autorizza ottimismo". Soprattutto, rimarca Gianpiero Moret, direttore dell'Azione (Vittorio Veneto), "se si pensa al fatto che si vuole far cadere il governo per motivi che con il bene del Paese hanno ben poco da vedere. Si spera che il popolo italiano abbia la lucidità sufficiente per capire dove sta il vero bene del Paese". Quella stessa lucidità che Guglielmo Frezza, direttore della Difesa del Popolo (Padova), invoca commentando la decisione del governo di abolire l'Imu. "Conti alla mano - rileva Frezza - l'abolizione dell'Imu sulla prima casa ha più un valore simbolico che di reale aiuto ai bilanci familiari. Non solo: in proporzione a guadagnarci sono i ceti più abbienti (...). Poi, certo, ogni risparmio è ben accetto. Ma se il contrappasso è quello di vedersi alzare ancora le tariffe comunali - o peggio di veder ridotti i servizi che l'Imu contribuisce a pagare - per la maggior parte di noi il gioco non vale la candela". Sull'abolizione dell'Imu, collegata alla tenuta del governo, interviene Luca Sogno, direttore del Corriere Eusebiano (Vercelli), puntualizzando che "se la soluzione alternativa proposta è quella di far saltare il banco e tornare al voto ben vengano Letta e i suoi compromessi".

Questioni internazionali. La crisi siriana e il 50° del discorso "I Have a Dream" di Martin Luther King sono i due fatti di cronaca internazionale al centro dei settimanali diocesani. Anzitutto la crisi siriana: Voce della Vallesina (Jesi) riporta alcuni racconti della giornalista italo-siriana Asmae Dachan, che si trova in Siria dove ha scelto di trascorrere due settimane per raccontare il dramma delle famiglie che vivono la tragedia della guerra. "Forse - dice Dachan - dall'altra parte del mare, con quel distacco che la distanza geografica in qualche modo impone, non arriva davvero la proporzione di questo dramma. Per quanto uno si sforzi, non riuscirà mai a comprendere cosa accade". In questi giorni, annota Elio Bromuri, direttore della Voce (Umbria), "ritornano alla memoria ammonimenti divenuti tristemente famosi. Tristemente perché non ascoltati: 'Guerra: inutile strage' (Benedetto XV), 'Tutto è perduto con la guerra, tutto può essere salvato con la Pace' (Pio XII), 'Mai più la guerra', tre volte ripetuto all'Onu (Paolo VI). Solo per citare poche frasi. Voci nel deserto, profeti inascoltati". Roberto Pensa, direttore della Vita Cattolica (Udine), ricorda che "mai le bombe lanciate sono servite a debellare il terrorismo (anzi, lo hanno drammaticamente alimentato)". Al discorso pronunciato a Washington il 28 agosto 1963 da Martin Luther King dedica, invece, l'editoriale Marco Bonatti, direttore della Voce del Popolo (Torino). Tracciando un bilancio su quanto "il sogno" del pastore King si sia realizzato in questi 50 anni e guardando all'oggi, Bonatti conclude: "Nelle società occidentali fatte di minoranze incapaci di comprendere e accettare la propria responsabilità politica globale, oggi forse Martin Luther King dovrebbe fare un discorso leggermente diverso: partendo dalla realtà che il vero, primo problema è trovare il modo di condividere i sogni, di spezzare la gabbia degli individualismi ed egoismi dentro cui ci siamo - 'liberamente' - rinchiusi".

Giornata del creato. Dalla cronaca internazionale a un appuntamento che riguarda la vita della Chiesa italiana. Domenica 1° settembre, infatti, viene celebrata l'8ª Giornata per la custodia del creato, sul tema "La famiglia educa alla custodia del creato". E le testate Fisc dedicano ampi spazi al tema in questione. "Custodire il creato - spiega Vincenzo Tosello, direttore di Nuova Scintilla (Chioggia) - vuol dire riconoscere e rispettare prima di tutto il Creatore, vuol dire apprezzare quanto ci è stato donato come 'casa' da abitare e, quindi, averne cura attenta e operosa; ma a un'ecologia meramente ambientale deve affiancarsi anche un'ecologia umana e sociale perché all'armonia dell'abitato corrisponda anche l'armonia tra gli abitanti". Per Lauro Paoletto, direttore della Voce dei Berici (Vicenza), "questa Giornata rappresenta una vera e propria urgenza che dovrebbe interpellare ogni cittadino e ogni credente". Vincenzo Finocchio, direttore dell'Appennino Camerte (Camerino-San Severino Marche), illustra i motivi che hanno portato alla scelta del tema di quest'anno ("La famiglia educa alla custodia del creato"): "In primo luogo perché prossimamente, dal 12 al 15 settembre, a Torino si terrà la 47ª Settimana Sociale dei cattolici italiani che studierà 'La famiglia, speranza e futuro per la società italiana'. In secondo luogo perché in questo anno ricorre il 50° dell'apertura del Concilio Vaticano II, il quale, nella costituzione pastorale 'Gaudium et spes', riconosce la famiglia come 'una scuola di umanità più completa e più ricca'". Tra le tante iniziative in programma per domenica nelle diverse diocesi, Giulio Donati, vicedirettore del Piccolo (Faenza-Modigliana), segnala "quella di Pieve Thò, cui concorrono la nostra diocesi e quella di Ravenna-Cervia, oltre alla Coldiretti. E che avrà la collaborazione del Corpo forestale dello Stato provinciale e dell'Ufficio territoriale per le biodiversità di Punta Marina. A guidare l'incontro, il nostro vescovo Claudio Stagni".

Papa Francesco. Sui settimanali spazio anche ad alcune riflessioni sul Pontefice, che continua a stupire per i suoi gesti e le sue parole. "Papa Francesco - evidenzia Luciano Sedioli, direttore del Momento (Forlì-Bertinoro) - cerca di portare il Vangelo nelle case degli uomini". Nel mese di luglio "ha prima incontrato i migranti che sbarcano a Lampedusa e poi in Brasile i giovani in cerca di futuro, due volti di un mondo ingiusto. A tutti ha ricordato che l'indifferenza è il vero peccato di oggi". Sergio Nuvoli, direttore del Portico (Cagliari), guarda alla visita del Papa in Sardegna prevista per il 22 settembre. "Più che agli aspetti esterni - suggerisce Nuvoli - da qui al 22 settembre dovremo aiutarci a fare attenzione e a meglio guardare all'umanità del Pontefice, all'umanità di Cristo". Sandro Vigani, direttore di Gente Veneta (Venezia), riflette sul legame tra Giovanni Paolo I e Papa Francesco. "Papa Luciani - nota Vigani - cercò di portare, nei pochi giorni del suo pontificato, l'ordinario della vita della Chiesa nel ministero del Sommo Pontefice, che per secoli aveva avuto un volto sempre 'straordinario'. Volle, come oggi papa Bergoglio, rimanere se stesso, non solo nella sostanza, ma anche nel modo d'interpretare il ministero petrino". La Cittadella (Mantova) ritorna alla Gmg di Rio (23-28 luglio): durante quelle intense giornate "il Papa ha voluto parlare al cuore dei giovani. Ci è riuscito. Lo ha fatto con l'autenticità della sua persona (...). Papa Francesco ha osato il rischio della tenerezza, il rischio del dialogo, il rischio della fiducia, il rischio della misericordia".

Cronaca locale. I giornali diocesani non tralasciano la cronaca locale. E così Giorgio Bardaglio, direttore del Cittadino (Monza e Brianza), continua a invocare "chiarezza" sulla realizzazione del nuovo ospedale San Gerardo, perché "è un patrimonio troppo grande da esser dato in appalto a scatola chiusa, senza confronto". L'Ora del Salento (Lecce) si occupa, invece, dell'iniziativa del prefetto di Lecce, Giuliana Perrotta, che pone uno stop agli happy hour pomeridiani e alle notti da sballo sulle spiagge di Gallipoli. "I comportamenti che hanno fatto notizia - secondo il giornale salentino - non sono peculiari delle spiagge gallipoline, appartengono, purtroppo, a una sempre più ampia fascia di giovani che fanno dello sballo una ragione di vita. Allora il problema si allarga e sollecita all'impegno per la formazione dei giovani, all'incolumità pubblica e all'affermazione della legalità, l'intera società, a partire dalla famiglia, dalla scuola, dalle stesse parrocchie e oratori". Giuseppe Rabita, direttore di Settegiorni dagli Erei al Golfo (Piazza Armerina), dedica l'editoriale al provvedimento di difesa del pubblico decoro nei luoghi istituzionali a Gela. Da qualche giorno, infatti, viene applicato il divieto d'indossare abiti succinti negli uffici comunali. "Nella vita - annota Rabita - un po' di buona educazione non guasta. Sarò vecchio, ma apprezzo ancora il buon gusto e l'educazione". Mario Banchio, direttore del Corriere di Saluzzo, interviene sulla vicenda del "prof" di un liceo locale, accusato in un primo tempo di aver abusato sessualmente di due sue studentesse, all'epoca dei fatti entrambe minorenni, e successivamente anche d'istigazione al suicidio, riferendosi a quello, avvenuto nel 2004, di un'altra studentessa sempre dello stesso liceo. "La città - riferisce Banchio - è sbalestrata, confusa e disorientata". Da Pier Giovanni Trossero, direttore dell'Eco del Chisone (Pinerolo), l'invito a "Cota-Fassino-Saitta ad andare subito a Roma se pensano che il Tribunale di Pinerolo possa e debba essere salvato". Il Nuovo Diario Messaggero (Imola) propone, invece, una riflessione, a firma di Giovanni Bettini, presidente Confcooperative del Circondario imolese, sulle cooperative e sul loro impegno nel "fare cultura". Quello del "fare cultura", si legge, "è un compito nel quale la cooperazione imolese è impegnata per trovare risposte adeguate ai cambiamenti della società e dell'economia".

La vita delle Chiese locali e dei settimanali. Non manca, infine, negli editoriali l'attualità ecclesiale. Corrado Avagnina, direttore dell'Unione Monregalese (Mondovì), s'interroga sul dato religioso presente nei diversi appuntamenti estivi che animano le nostre città. "Certo - annota Avagnina - vi si arriva con motivazioni diverse. Gli organizzatori un po' trafelati dalle cose a cui pensare, e gli altri (in particolare), coloro che tornano al paese o gli amici assortiti per una sosta festaiola... con curiosità, forse con attenzione passeggera, chissà se con convinzione profonda... Giusto in pieno agosto, Papa Francesco ha ribadito come la fede non possa essere una panna montata a corredo della torta della vita...". Di "fede oggi" parla anche l'editoriale del Ticino (Pavia): "Papa Francesco, con la sua densissima semplicità profetica, porta al centro della vita e della storia la fede, come dimensione essenziale dell'esistenza, per una Chiesa povera e per i poveri, che serva e non si faccia servire, una Chiesa fatta da fratelli liberi e intelligenti, che gustano l'Amore tenero e misericordioso del Padre e si amano vicendevolmente". Emmaus (Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia) argomenta sul valore dell'ospitalità invitando alla gioia nell'"accogliere chi è diverso da noi". Mentre Stefano Fontana, direttore di Vita Nuova (Trieste), chiarisce, dopo alcune voci polemiche, qual è il senso della collaborazione tra sindaco e vescovo. "Vera collaborazione - spiega - significa ascoltarsi veramente e tenere conto reciprocamente di quanto di vero e giusto viene detto". Adriano Bianchi, direttore della Voce del Popolo (Brescia), anticipa alcuni punti della nuova lettera pastorale del vescovo Luciano Monari, che ha per titolo "Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi" (Gv 20,21) e che sarà diffusa nei prossimi giorni. "Una lettera, la quarta del suo episcopato bresciano - sintetizza Bianchi -, che ribadisce e declina uno stile di evangelizzazione evangelico che abbiamo, ormai, imparato a conoscere e ad apprezzare". Davide Maloberti, direttore del Nuovo Giornale (Piacenza-Bobbio), augura "all'inizio di un nuovo anno pastorale" che "non ci stanchiamo di annunciare la Parola di Dio. Perché, presto o tardi, porterà i suoi frutti". Il nuovo anno pastorale segna anche alcune novità per due testate Fisc: La Fedeltà (Fossano) e Luce e Vita (Molfetta). Entrambe si presentano, infatti, con un nuovo direttore. Il giornale piemontese sarà guidato da Walter Lamberti che, subentrando a Corrado Avagnina, esprime "un grazie e un saluto a chi il giornale lo fa vivere perché lo legge, lo sfoglia, magari con occhio critico, ma comunque con affetto e attenzione". Mentre quello pugliese da Luigi Sparapano, che succede a Nico Tempesta. "Il settimanale - auspica il neo-direttore - con l'intera azione dell'Ufficio comunicazioni sociali, dovrà sempre più respirare la vita della diocesi e connettere le sue diverse componenti, interagire col territorio, per quanto di sua competenza, dialogare con gli altri media, attivare sinergie sul versante educativo".

a cura di Vincenzo Corrado


Articoli correlati

Venerdì 02/08/2013
GIORNALI FISC
Il cammino e gli impegni dopo la Gmg di Rio, la situazione socio-politica italiana, gli incidenti di Santiago de Compostela e dell'Irpinia, la vita delle Chiese locali: gli editoriali delle testate cattoliche
 


Tutti gli altri articoli della settimana

Sabato 25/04
TERREMOTO IN NEPAL
"Si scava con le mani
tra le macerie
Ora il mondo ci aiuti..."
La testimonianza di padre Pius Perimana, vicario per il Nepal e direttore Caritas: "L’aeroporto internazionale Tribhuvan è rimasto danneggiato ma è stato riaperto per consentire l’arrivo dei soccorsi. Dall’India il governo ha inviato i primi aiuti". E ancora: "In queste ore con molti fedeli stiamo cercando di organizzarci per prestare i primi aiuti e portare tende e generi di prima necessità nelle zone più colpite"
Sabato 25/04
DAL FESTIVAL DI LUCCA
Altro che disimpegnati!
Un giovane su dieci
in Italia fa il volontario
Nel messaggio del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, la consapevolezza che "l’azione volontaria, e quell’insieme di iniziative e imprese che compongono il Terzo Settore, sono assolutamente indispensabili non solo per la qualità della nostra vita sociale, ma anche per la qualità della democrazia". Edoardo Patriarca (Cnv): "Sempre più una risorsa strategica per il futuro dell’intero Paese"
Sabato 25/04
L’OPINIONE DEL TERRITORIO
La tragedia dei migranti
Le prime pagine
dei giornali diocesani
I settimanali cattolici, in uscita in questi giorni, disapprovano l’immobilismo che si registra di fronte al dramma dei barconi. "Chissà se l’ultima grande tragedia nel Mediterraneo - rilevano le testate Fisc - scuoterà le coscienze"
Sabato 25/04
MERCATO TELEVISIVO
La guerra di Netflix
alla tv tradizionale
La posta è il mondo
La previsione: nei prossimi 20 anni la internet tv andrà a sostituire la tv lineare. Internet è il modo in cui la gente consumerà il video in futuro. In Italia i problemi di connettività (la banda larga, necessaria per lo streaming video, è ancora un miraggio) stanno ritardando l’arrivo della nuova forma di televisione su Internet, ma c’è grande movimento fra gli operatori
Sabato 25/04
GIORNATA VOCAZIONI
Il pellegrino ha sempre
una meta da raggiungere
Il messaggio che Papa Francesco invia a tutta la Chiesa, per la prossima 52ª Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni (domenica 26 aprile), ha come "focus" di riferimento l’immagine di una "Chiesa in esodo". Il Santo Padre disegna l’identikit di una Chiesa dal volto missionario, che si scrolla di dosso le proprie sicurezze e i propri ruoli, per incontrare l’uomo d’oggi
Venerdì 24/04
L'EXPO INTERROGA L'EUROPA
Senza diritto al cibo
la pace è in pericolo
Riflettere su un tema "laico" come il diritto al cibo pone l'Unione europea al bivio tra la "europeizzazione" dell'indifferenza e la "europeizzazione" della solidarietà. Ed è a questo bivio che il percorso comunitario gioca il suo futuro. Quella solidarietà di fatto che nella "Dichiarazione Schuman" è scritta a caratteri cubitali
Venerdì 24/04
ARRESTI SORPRENDENTI
Un brutto risveglio
per la Sardegna:
Al Qaeda è in casa
In carcere gli affiliati dell'organizzazione di stampo terroristico che aveva la base operativa ad Olbia. Per l'arcivescovo di Cagliari, monsignor Arrigo Miglio, "se da un lato occorre una grande vigilanza, specie in questo delicato momento, è necessario che non venga meno lo spirito di accoglienza che da sempre contraddistingue la Sardegna, regione al centro del Mediterraneo e crocevia dei popoli"
Venerdì 24/04
NEL VERCELLESE
Cittadini sporcaccioni?
Il sindaco avvocato
li mette alla gogna 2.0
Succede a Gattinara (Vercelli): il sindaco Daniele Baglione, avvocato di 36 anni, ha deciso di esporre nella piazza principale del paese la foto di chi verrà sorpreso dalle telecamere della videosorveglianza comunale a sporcare il paese. Evidenti i rischi: innescare una sorta di "caccia all’uomo", alimentata da un vortice di commenti sempre più pesanti
Venerdì 24/04
BILANCIO DEL SUMMIT
"L’Europa dà i soldi
ma non vuole
essere disturbata"
Giudizio molto severo del cardinale Antonio Maria Vegliò, presidente del Pontificio Consiglio per la pastorale dei migranti e degli itineranti: "Non siamo soddisfatti di questo accordo. Qualcosa è stato fatto, come il finanziamento dell’operazione Triton… Servirebbe un programma a lungo termine, una politica delle migrazioni seria". Bocciatura dei bombardamenti, anche se mirati
Venerdì 24/04
BICENTENARIO DELLA NASCITA
Con i suoi ragazzi
don Bosco
partì dalla periferia
Ancora oggi è così per i 15mila salesiani presenti nei cinque continenti e in oltre 130 Paesi con attività educative, tra i bambini di strada, nei processi di alfabetizzazione, nelle scuole, nei centri di formazione professionale. Ne parla don Ángel Fernández Artime, decimo successore di don Bosco, nel libro-intervista "Don Bosco oggi" (Lev) pubblicato in occasione del Bicentenario
Venerdì 24/04
DOPO 70 ANNI, LA CONSAPEVOLEZZA
Resistenza, il ruolo
dei "ribelli per amore"
Fu lotta di popolo spontanea contro un'invasione nemica. Un generale tedesco, durante i nove mesi dell'occupazione nazista della capitale, esclamò irosamente: "Mezza Roma nasconde l'altra mezza". Niente a che fare con le analisi marxiste unilaterali e ristrettamente ideologiche. Basti pensare all'alto numero di sacerdoti uccisi, oltre 300 (191 dei quali per mano dei fascisti repubblichini)
Venerdì 24/04
IL SUMMIT DI BRUXELLES
Almeno l'Europa
s'impegna a salvare
le vite dei migranti
È il risultato più concreto del vertice che registra il rifinanziamento di Triton (triplicate le risorse finanziarie). Il punto dolente resta quello dell'accoglienza dei rifugiati che avverrà solo su base volontaria dei singoli Stati. Sarà intensificata la lotta contro i trafficanti, anche in territorio libico, ma sotto l'egida dell’Onu. In programma un vertice Ue-Unione africana a Malta
Giovedì 23/04
DON PRIMO MAZZOLARI
"Portò il Vangelo
nel fuoco
della modernità"
L'annuncio in diocesi dei processi di beatificazione per tre figure della Chiesa cremonese: il vescovo Giovanni Cazzani (1867-1952), l'arciprete di Bozzolo don Primo Mazzolari (1890-1959) e il missionario padre Silvio Pasquali (1864-1923). Il teologo don Bruno Bignami sarà il postulatore: "Don Primo rappresenta, anzitutto, il volto di un cristianesimo incarnato nella storia"
Giovedì 23/04
TERZO FESTIVAL DEI DIRITTI
"Fateci spazio!"
È la richiesta
dei ragazzi di Nola
Un'occasione per riflettere e confrontarsi sullo "spazio", non solo fisico, di cui necessitano i ragazzi, in famiglia, a scuola, in città e in parrocchia. A questa edizione partecipano 21 scuole di ogni ordine e grado e 24 associazioni ed enti no-profit. La novità è il coinvolgimento degli allenatori che avviano alla pratica sportiva: una quindicina di realtà hanno firmato un patto educativo
Giovedì 23/04
A FAVORE DEI DISABILI
Presto a Venezia
le gondole
"senza barriere"
Nel 2012 è nato il progetto Gondolas4all, "per rendere la gondola accessibile in modo autonomo e sicuro a tutti, anche alle persone che utilizzano la carrozzina". Già raccolti 25mila dollari sui 56mila necessari per la realizzazione del progetto. Il primo pontile completo di pedana sarà inaugurato a settembre in piazzale Roma. Il sogno sta diventando realtà. Una trentina i gondolieri che hanno aderito
Giovedì 23/04
IL DIVORZIO BREVE È LEGGE
"Lo Stato rinuncia
alla famiglia
come capitale sociale"
Francesco Belletti, presidente del Forum delle associazioni familiari: "È come se il legislatore dicesse: fare famiglia è un 'affare privato', quindi nel bene e nel male, cari cittadini dovete arrangiarvi. Non aspettatevi niente dall’intervento pubblico". E ancora: "Lentamente ma inesorabilmente si vanno togliendo i sostegni a una idea forte di matrimonio come valore costituzionale"
Giovedì 23/04
PAESI DI TRANSITO IN CRISI
''Egitto, Libia e Sudan
non possono far nulla
per i profughi, quindi...''
Padre Jemil Araya, missionario comboniano eritreo, impegnato al Cairo nell’assistenza a migranti e rifugiati. Spiega l’impossibilità per i Paesi di transito di offrire un futuro ai disperati del sub-sahara. L’unica alternativa: i barconi per l’Europa. Da Gibuti il vescovo Giorgio Bertin ricorda i 200mila somali rifugiati in Yemen e che ora devono rientrare. Saranno tentati dalla fuga verso l’Occidente
Giovedì 23/04
TRENTA ORE PER LA VITA
Per i genitori dei bimbi
malati di tumore
una casa lontano da casa
L’edizione 2015 punta sul "Progetto Home": finanziare iniziative volte a ridurre i pesanti disagi logistici che le famiglie dei bambini malati di tumore devono affrontare, a causa delle distanze che spesso separano la propria casa dai luoghi di cura dei figli. L’esempio di "La Casa di Alice", promossa dell’associazione onlus "Carmine Gallo" di Napoli
Mercoledì 22/04
GIORNATA DELLA TERRA
Il cibo non è merce
Scelte coraggiose
per combattere la fame
A Roma un seminario promosso dalla Caritas insieme a oltre 100 organizzazioni. Per mons. Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, "il vero spreco è quello di chi vive condizionato dalla fame di possesso fino a perdere totalmente i legami umani e sociali". Ogni giorno vengono buttate più di 4mila tonnellate di cibo, e ogni anno finiscono nella pattumiera 584 euro a persona
Mercoledì 22/04
PAESE DA RIFORMARE
Lotta alla corruzione
crocevia obbligato
per l’Albania moderna
Da vescovi cattolici ed Europarlamento due richiami forti per rilanciare la "buona politica". Dall’Europa la richiesta di creare "un’amministrazione pubblica professionale e depoliticizzata". Nella lettera dei vescovi in vista delle elezioni amministrative del 21 giugno la richiesta alle forze politiche di "dimostrare una volontà irreversibile per la decriminalizzazione della politica"
Mercoledì 22/04
CAMBIA LA NARRAZIONE
Il Pulitzer? Vetrina
del selfie giornalismo
Nessun riconoscimento è stato assegnato a una "buona" notizia, a un'informazione che fosse in grado di cambiare in meglio la vita e le opinioni dei lettori. La prevalenza dello scandalismo, dello shock e dell'emozione forte. È un segno rivelatore dei tempi
Mercoledì 22/04
INNALZARE LA GUARDIA
Gli schiavisti del sesso
si preparano
a sfruttare l'Expo?
Marco Baiardo, dell'associazione Lule: "Abbiamo notato un incremento della presenza di donne in strada e un controllo sempre più esasperato del territorio da parte dei clan". Suor Claudia Biondi, della Caritas, è dubbiosa: "È più facile che la disponibilità aumenti negli alberghi... In strada credo che non ci saranno le 15mila prostitute di cui si parla tanto"
Mercoledì 22/04
IL RAPPORTO PARLA CHIARO
Sussidiarietà in affanno
Tira aria di centralismo
È anche l'esito delle cattive prove date dalle realtà territoriali, Regioni in primis. Ma anche tantissimi Comuni, grandi e piccoli, sono stati mal gestiti. A fronte di questo scenario, la Fondazione per la Sussidiarietà propone la formula del "decentramento differenziato", cioè una legislazione e una prassi che premino le realtà intermedie più virtuose
Mercoledì 22/04
LE RISPOSTE PER IL SINODO
Dai cattolici tedeschi
marcate le distanze
con il vissuto di famiglia
Sottolineata la mancata attenzione alla società sempre più multireligiosa e multiculturale. La criticità dei matrimoni misti cattolici-evangelici. Constatata la difficoltà a tematizzare una pastorale per la vita di persone di orientamento omosessuale, come anche una valutazione serena che guardi alle famiglie mono-parentali e alle coppie unite civilmente, con situazioni di crisi, e ai divorziati risposati
Martedì 21/04
CETI MEDI CRESCONO
È cinese e giovane
il viaggiatore del futuro
Italia sempre preferita
Nel 2000, la spesa dei cinesi per viaggi all'estero era di 13 miliardi di dollari, mentre nel 2013 ha superato i 128 miliardi di dollari. Crescita assicurata. Italia favorita dalla debolezza dell'euro rispetto al dollaro: un turista cinese - la cui valuta è legata al dollaro - che viene oggi in vacanza nel Belpaese, spende il 25% in meno di un anno fa. Autentico boom delle crociere asiatiche
Martedì 21/04
TEMPI MODERNI?
Dalla moda Unisex
a quella Agender
È una gratuita concessione al politicamente corretto che vuole far prevalere il concetto di neutralità. Sino ad oggi, però, abbiamo assistito a una decisa inclinazione maschile dell'abbigliamento femminile e non viceversa. Per quanto riproposta più o meno a ogni stagione su tutte le passerelle, la gonna da uomo non ha avuto grande fortuna. E anche Re Giorgio...
Martedì 21/04
STORIE D’IMMIGRAZIONE
Volti di profughi
che ce l’hanno fatta
Ma quante ferite...
Tareke Brhane, eritreo, presidente del Comitato 3 ottobre, chiede canali umanitari nei Paesi di transito, il cosiddetto "resettlement" che già esiste da anni. Hooshmand Galati Soodabeh, "Suli" per gli amici, 32 anni, rifugiata iraniana in Italia. Aws Alabayati, giovane ingegnere informatico iracheno, ora vive in Belgio. Suleman Diara viene dal Mali e ci ha messo quattro anni per arrivare in Italia
Martedì 21/04
POLITICHE PER LA DISABILITÀ
No a tagli di spesa
Le prestazioni sanitarie
non legate al reddito
Parla Vincenzo Falabella, presidente della Fish: "Per essere considerato civile, uno Stato deve garantire una quotidianità di vita migliore a quanti vivono in difficoltà". L’indennità di accompagnamento continui ad essere indipendente dal reddito: "La presenza di una persona con disabilità all’interno del nucleo familiare è una delle maggiori cause di impoverimento sociale". Inserire il costo della disabilità e dei caregiver familiari nell’Isee
Martedì 21/04
LA RASSEGNA DI VICENZA
Liturgia, a Koiné
per ricercare
la "nobile semplicità"
Il vescovo Beniamino Pizziol si è augurato che questa edizione "stimoli frutti buoni, che sappiano interpretare al meglio le esigenze di una liturgia conciliare". Presentato lo stato di avanzamento della ricerca sulla manutenzione programmata delle chiese e dei complessi parrocchiali, condotta dal Politecnico di Milano, per conto del Servizio nazionale per l’edilizia di culto della Cei
Martedì 21/04
TESORETTO & DINTORNI
La lotta alla povertà
oltre l’assistenzialismo
Il caso buono dei "Social Impact Bonds", diffusi nel mondo anglosassone. Se si destinassero risorse pubbliche alla creazione di un fondo di garanzia per permettere l’accesso al credito di specifici progetti sociali, concordati con il pubblico e coordinati dal terzo settore in alleanza con il "for profit", si potrebbero ottenere risultati migliori rispetto a qualsiasi politica assistenziale
Lunedì 20/04
DINANZI ALLA TRAGEDIA DEL MARE
Liberiamoci dalla lordura
dello sterco del diavolo
Gli schiavisti odierni ripropongono, senza essere fermati in tempi di gps, droni e satelliti, la tratta dei neri tanto deplorata. Non basta scuotere i grandi, i potenti, le comunità internazionali o locali. Non basta neppure dare una mano (magari ci fosse qualche volta!), è necessario dare il cuore, cioè tutto se stessi, sprecarsi senza misura
Lunedì 20/04
I RABBINI D'EUROPA COL PAPA
Antisemitismo
e violenze sui cristiani
condanna unanime
"Ogni cristiano - ha detto Francesco - non può che essere fermo nel deplorare ogni forma di antisemitismo, manifestando al popolo ebraico la propria solidarietà". Il rabbino francese Moché Lewin sui cristiani d'Oriente: "Deve essere condannata con forza ogni forma di persecuzione. Chiedere ai governi di agire per fermare questo massacro perché se si lascia fare, si rischia di arrivare al genocidio"
Lunedì 20/04
DOPO IL CONVEGNO FISC
L'Aquila non è sola
nella ricostruzione
materiale e sociale
Gratitudine per i suggerimenti del presidente dell'Ordine nazionale dei giornalisti, Enzo Iacopino, e di monsignor Domenico Pompili, su una diversa responsabilità sul fronte della narrazione. Agli aquilani che hanno avuto la gioia di accogliere i tanti amici della bella e vivace famiglia Fisc rimane la gioia di una presenza confortante e rassicurante
Lunedì 20/04
IL SINDACO DI TORINO
"Per me laico
la Sindone è un invito
a liberare l'uomo"
Piero Fassino analizza il valore dell'Ostensione come grande evento religioso e civile che si aggiunge al bicentenario della nascita di don Bosco e fa del 2015 un anno straordinario per il capoluogo piemontese. Attesi due milioni fra pellegrini e turisti. Molta attenzione alle misure di sicurezza. Grande interesse per la visita del Papa: "Segnerà la vita della città e resterà nella memoria"
Lunedì 20/04
GIORNALISMO
Il buono, il brutto
e il cattivo
nell’uso dei social
Giornalisti, studenti di giornalismo e operatori della comunicazione si sono interrogati durante il IX Festival internazionale di giornalismo (Perugia, 15-19 aprile) sugli scenari ancora incerti posti dalle nuove tecnologie. I benefici e i rischi dei social network: "Un costante contatto con i lettori, che cominciano ad affidarsi a quel determinato giornalista o redazione"; "la propagazione dell'errore o della 'bufala'"; "i discorsi d'incitazione all’odio nei forum"
Lunedì 20/04
GIOVANI E FEDE
Under35 a Friburgo
per la prima Gmg
"made in Svizzera"
Concerti rock e reggae, momenti di preghiera nelle chiese cittadine, testimonianze di ritorno alla religione cattolica. È intenso il programma della tre-giorni, dal 1° al 3 maggio, che si terrà nella città elvetica, sede della diocesi di Losanna, Ginevra e Friburgo. Atteso un migliaio di giovani per la prima edizione nazionale della Giornata della gioventù. Con loro cinque vescovi
Lunedì 20/04
VERSO LE REGIONALI
Effetto sfarinamento
e derive neo-notabilari
Chiusa la partita delle Province, sarà necessario un ripensamento dell'istituzione Regione che sta per compiere cinquant'anni. Oggetto di scandali a ripetizione, molto diverse nella taglia e dunque nella sostenibilità, le Regioni italiane non hanno dato una prova brillante. Dopo l'infinita questione della definizione delle candidature, ci sarà spazio anche per i programmi?




Come Abbonarsi ?


Note e commenti
Photonotizie
Infografiche
Ultima Settimana
Commento al Vangelo