Servizio Informazione Religiosa
Prima Pagina
 
Venerdì 28 Dicembre 2012
FIGLI CON UN SOLO GENITORE
Non è la stessa cosa
In Italia 2.400.000 bambini crescono senza padre e 400.000 senza madre

Francesco Belletti, presidente del Forum delle associazioni familiari (www.forumfamiglie.org), commenta al Sir il fenomeno dell’aumento del numero dei figli cresciuti da un solo genitore: negli Stati Uniti, secondo i dati raccolti dal Census Bureau e dall’American Community Survey, 15 milioni di bambini, addirittura uno su tre, cresce senza il padre e altri 5 milioni senza la madre. In Gran Bretagna, invece, avere un padre risulta nella top 10 dei regali chiesti a Babbo Natale: un dato che fa pensare. Anche in Italia sono oltre 2 milioni e 800 mila i bambini inseriti in famiglie monogenitoriali: 2 milioni e 400 mila circa vivono senza padre e altri 400 mila senza madre.

Quanto incide sulla vita di un bambino vivere con un solo genitore?
“Nell’educazione di un bambino sin dall’origine la differenza sessuale dei genitori è fondamentale, soprattutto essere genitori in coppia da padri e madri è un dato molto importante. Nell’alleanza di coppia si origina la cura per i bambini. Il dato di una crescente presenza di bambini costretti a vivere senza uno dei genitori deve allarmarci: può anche sembrare un dato di maggiore libertà e di possibilità di scelta per gli adulti, ma il bene dei bambini andrebbe messo al primo posto. Questo chiama a una maggiore responsabilità nel progetto di coppia, nell’impegno per sempre, tutti valori che attorno alla parola matrimonio un tempo trovavano una custodia anche sociale. È un po’ la crisi del matrimonio che si porta dietro insieme causa ed effetto di questa grande difficoltà”.

Crescere con un solo genitori è un fenomeno figlio dei nostri tempi?
“Nei secoli precedenti i bambini spesso sono stati orfani, ma per assenze traumatiche, perché le madri morivano molto più frequentemente per il parto e gli uomini morivano molto più giovani. Non è assolutamente nuova la situazione di essere senza genitori, la letteratura è piena di queste situazioni, ma segnalava anche l’impoverimento di questi bambini senza genitori. La società contemporanea, invece, vorrebbe raccontare che stare con un solo genitore è la stessa cosa che avere entrambi i genitori, stabili, fissi, sempre presenti e accessibili per il bambino. Ma non è vero: la stabilità della coppia è la prima risorsa per il benessere del bambino”.

L’aumento dei figli con un solo genitore dipende dall’incapacità di prendere un impegno per sempre come coppia?
“Da un lato, c’è questa illusione del fare famiglia senza matrimonio, del diventare genitori senza un vincolo, una stabilità e senza una forte alleanza tra genitori e comunità sociale. In passato l’assistenza e la cura dei figli era sia dei genitori sia della società nel suo complesso e il matrimonio era il luogo di quell’alleanza esplicita. Oggi i genitori sono abbandonati e questo è un cambiamento che impoverisce le famiglie, gli adulti e anche i bambini. Dall’altro lato, bisogna leggere diversamente questi dati. In molti casi di bambini che vivono solo con le madri o solo con i padri c’è il tentativo della coppia di restare genitori nonostante la separazione. Questa è una fatica che va guardata con grande simpatia e attenzione da parte della società, perché ormai le separazioni avvengono anche in Italia e bisogna aiutare padri e madri a restare genitori dei propri figli anche quando non si vive più nella stessa casa. Sicuramente la qualità di questa genitorialità a distanza dipende molto dal grado di conflittualità dei genitori. Credo che in Italia questa co-genitorialità a distanza sia più presente che negli Stati Uniti, dove ci sono moltissimi casi di gravidanze di adolescenti con un’oggettiva perdita assoluta di uno dei genitori. In Italia c’è questo nuovo laboratorio che dovrebbe essere assistito e accompagnato un po’ di più per non lasciare da soli i genitori”.

Per un bambino crescere con un solo genitore crea problemi affettivi e anche economici?
“La separazione è un grande stress dal punto di vista delle relazioni, dell’identità, del progetto di vita e anche dal punto di vista della situazione economica, perché è un oggettivo impoverimento di entrambi i genitori, ovunque stiano i figli. Per i bambini viene a mancare la quotidianità, la presenza, il tempo passato insieme. Questo tema ci ricorda la grande responsabilità dei genitori nei confronti dei figli, del dare un pezzo di vita per loro. A causa della crisi, poi, anche in Italia c’è il fenomeno della mobilità lavorativa, per cui è sempre più frequente che un genitore si allontani dal luogo dove vive la famiglia. Questo fenomeno negli Stati Uniti è molto più drammatico: quando una coppia separata si trova a mille chilometri di distanza l’accesso al figlio è praticamente impossibile. Al di là di una cattiva retorica che dice che basta separarsi civilmente perché ai bambini non succeda niente, bisognerebbe riaffermare che la separazione è una ferita per i partner ed è tanto più una ferita per i bambini. Le ferite si possono curare, si può continuare a vivere, ma non si può dire che il dolore non esiste. Forse è questo il messaggio che i dati ci dovrebbero costringere ad accogliere con più forza: la separazione è un fattore dannoso”.




Tutti gli altri articoli della settimana

Venerdì 19/12
ANCORA NEGAZIONISMO
In campo 8 storici turchi
per contestare
il genocidio armeno
L'iniziativa in vista del centenario nel 2015. L'incarico è quello di fornire materiali e contributi utili a confutare gli argomenti che istituzioni legate al popolo armeno diffondono in merito al genocidio compiuto nel secolo scorso. Le condoglianze del premier Erdogan, rivolte ai discendenti il 23 aprile scorso, non cambiano la linea della Turchia moderna
Venerdì 19/12
L'OPINIONE DEL TERRITORIO
La gioia del Natale
Le prime pagine
dei giornali diocesani
I settimanali cattolici, in uscita in questi giorni, ricordano l'evento che ha cambiato il corso della storia: "Dio è venuto tra noi". "È questa la vera notizia che fa la differenza - rilevano le testate Fisc -. E da qui nasce la missione della Chiesa: uscire, andare, incontrare l'uomo, accoglierlo così com'è, condividere la sua storia per annunciargli l'Avvenimento della salvezza"
Venerdì 19/12
LA CRONACA INCALZA
Summit Ue: agenda
da riscrivere per il 2015
I ventotto capi di Stato e di governo sono interpellati dalla velocità dei cambiamenti di scenario politico ai confini, a cominciare dai rapporti con Putin ed Erdogan. Per non parlare del disgelo Usa-Cuba e del conflitto con il Califfato. Inevitabile una nuova definizione delle priorità, considerate anche le difficoltà e i tempi lunghi per far decollare il Piano Juncker
Venerdì 19/12
IN VIGORE DAL PRIMO GENNAIO
Meno spazio ai furbi
con il nuovo Isee
Ma le famiglie con figli?
Il presidente del Forum, Francesco Belletti: "Come associazioni familiari, dichiariamo la nostra disponibilità a collaborare con la pubblica amministrazione per un'analisi partecipata accanto alle istituzioni". Roberto Bolzonaro: "Abbiamo lottato per scale di equivalenza che pesassero i carichi familiari e il ministero anche stavolta sembra essere stato cieco e sordo". Pesanti criticità per i disabili
Giovedì 18/12
SENTENZA DELLA CORTE EUROPEA
Ovulo "manipolato"
Aperta la strada
alla brevettabilità
Un ovulo sottoposto al processo di attivazione per partenogesi è anche detto "partenote". Ovvero, "indotto a iniziare un processo di divisione e sviluppo per partenogenesi sperimentale", quindi senza bisogno di essere fecondato da uno spermatozoo. Il motivo per cui si vogliono brevettare i "partenoti" è che da essi si possono estrarre cellule staminali di tipo "embrionale" (pluripotenti), adatte per terapie sperimentali
Giovedì 18/12
DISGELO USA-CUBA/2
Ora i cattolici cubani
aspettano la visita
di Papa Francesco
Monsignor Josè Felix Pérez Riera, segretario aggiunto e portavoce della Conferenza episcopale cubana: "Si spera che la vita migliori. Questa notizia ha componenti di diverso valore: la liberazione dei detenuti, la possibilità di togliere l'embargo". Un pensiero alle sofferenze del popolo: "La divisione delle famiglie è stato un prezzo molto alto, con tutto quello che significa"
Giovedì 18/12
PROBLEMI DELL'AFFIDO
Via dalle comunità
a diciotto anni?
Accompagniamoli
L'associazione Agevolando onlus, nata nel 2010 grazie a persone che hanno sperimentato sulla propria pelle l'esperienza del passaggio alla maggiore età lontano dalla famiglia d'origine, ha elaborato un progetto di sostegno. "Neomaggiorete" ha lo scopo di "promuovere l'autonomia, il protagonismo, la partecipazione attiva" di questi giovani spesso travolti dalla nuova vita
Giovedì 18/12
GIÀ 1999 I MORTI
Voce dalla Sierra Leone
dove l'Ebola
continua a uccidere
Padre Carlo Di Sopra è missionario saveriano, vive a Makeni: "C’è tristezza. L’economia è bloccata. Le grosse compagnie minerarie hanno sospeso i lavori. I mercati sono proibiti. Le scuole sono chiuse e non si sa quando potranno riaprire. Gli ospedali sono alla paralisi perché molti medici sono rimasti infettati". La scelta coraggiosa dei missionari di rimanere accanto al popolo, come durante la guerra
Giovedì 18/12
UNA CHANCE PER L’ITALIA
Il petrolio ai minimi
ci rende competitivi
Il 2015 si apre con due assi nella manica per l’economia italiana: costo del denaro quasi a zero (e costo degli interessi del debito pubblico ai minimi storici); prezzo del petrolio a livelli ideali. Si potrebbe aprire per noi una partita interessante, se la nostra politica non passerà il tempo a baloccarsi
Giovedì 18/12
DISGELO USA-CUBA/1
"Il ponte è lanciato"
Esplode la gioia
dei cattolici americani
Monsignor Oscar Cantù, presidente della commissione della Conferenza episcopale Usa per la Giustizia internazionale e la pace: "Spero che questo impegno possa favorire il dialogo, la riconciliazione, il commercio, la cooperazione". Alle critiche del leader repubblicano Marco Rubio ha risposto l’arcivescovo di Miami Thomas Wenski: "Papa Francesco ha agito come avrebbe fatto san Francesco d’Assisi"
Mercoledì 17/12
DOPO IL MASSACRO DI BAMBINI
"Da Trieste ad Agrigento
noi musulmani
contro vendetta e odio"
La vendetta è un comportamento ostile alla dottrina islamica che, al contrario, suggerisce il perdono e la giustizia. La vita, come precisa il Corano, è sacra e quando si tratta di quella dei bambini l'importanza diventa ancora maggiore. Dietro il terrorismo e la violenza di matrice religiosa c'è un'ideologia di odio e di esclusione. Ideologia deviata dell'Islam anche se si auto-riconosce nell'Islam
Mercoledì 17/12
LA VOCE DEI GIORNALISTI TURCHI
"Erdogan è popolare
ma noi protesteremo
per il cambiamento"
Mustafa Edib Yilmaz è responsabile della redazione Esteri del quotidiano più letto di Turchia, "Zaman", il cui direttore è stato arrestato domenica scorsa. Invito all'Europa: "Dovrebbe impegnare di più la Turchia sui campi dei diritti e delle libertà fondamentali. Sospendere i negoziati per l'adesione è una misura troppo forte, che sarebbe solo controproducente. Questa è un vera sfida per l'Ue"
Mercoledì 17/12
NEL VILLAGGIO DI KNAYEH
Il Natale in Siria
sotto il tallone brutale
dei miliziani dell'Isis
Il parroco, il francescano Hanna Jallouf, siriano, 62 anni, racconta: "Possiamo celebrare Messe e funzioni ma non possiamo uscire fuori dalla nostra chiesa. A Natale non possiamo abbellire l'esterno della chiesa, fare il presepe, allestire l'albero. Ma questo non ci impedirà di riunirci il 24 dicembre... In chiesa avremo un piccolo presepe, fatto solo di una piccola culla per deporre il Re della pace"
Mercoledì 17/12
DOPO ''MAFIA CAPITALE''
La Caritas non ci sta
alle generalizzazioni
"Noi siamo trasparenti"
Francesco Marsico, responsabile dell'area nazionale di Caritas italiana, interviene per evitare il rischio che si faccia di tutta l'erba un fascio: "Se fino ad ora il termine cooperazione evocava l'appartenenza ad un mondo di valori che di per sé garantivano dei risultati, la sfida dei prossimi anni è dimostrare questi valori con i fatti". Rivendicata la correttezza di procedure e bilanci. Chiarita la questione dell'Isee per accedere alle mense
Mercoledì 17/12
AI MINIMI DAL 2009
Il petrolio al ribasso
rende più fragili
le economie africane
I casi del Ciad e del Ghana sono significativi soprattutto in riferimento ai risvolti sulla vita quotidiana delle popolazioni. In entrambi i Paesi si può determinare uno stop alla crescita, sia pure accompagnata da profonde contraddizioni più volte denunciate dai vescovi
Martedì 16/12
DOMANDE PER IL SINODO
Tre storie vere
ci interrogano
A raccontarle non si vede una soluzione, eppure i protagonisti l'aspettano perché nutrono la speranza che una soluzione ci sia. Noi non l'abbiamo, ma il Sinodo sulla famiglia forse l'avrà. Del resto, il cammino di avvicinamento di questi mesi è stato ricco di discussioni e bello di confronti, nel segno della verità e della misericordia. Le domande non mancano, le risposte arriveranno. A Dio piacendo
Martedì 16/12
ASSALTO A UNA SCUOLA PUBBLICA
Vendetta dei talebani
in Pakistan:
strage di bambini
Il portavoce dei miliziani: "Il governo sta prendendo di mira le nostre famiglie e le nostre donne. Vogliamo che provino lo stesso dolore". L’arcivescovo di Karachi Joseph Coutts: "Quello che è successo a Peshawar è un brutto segno... Vogliono distruggere le basi della nostra società". Paul Bhatti, ex ministro pakistano, invita il governo a intervenire contro le scuole coraniche dove s'insegna l'odio
Martedì 16/12
PRETI DI STRADA/12
Don Luigi è già lì
Da sempre
nelle periferie
Incontrare don Ciotti anche solo per una giornata o per poche ore è un'impresa impossibile... Il percorso di Libera rispecchia il pensiero del suo leader carismatico: "La libertà è il bene più grande. Chi è povero non è libero, chi è senza lavoro, chi è vittima delle mafie e dell’usura non è libero. E la libertà è un diritto che Dio ha voluto per tutte le persone"
Martedì 16/12
GESTI DI PACIFICAZIONE
"I centrafricani invitati
a deporre nel presepe
l'odio e la vendetta"
Monsignor Dieudonné Nzapalainga, arcivescovo di Bangui e presidente della Conferenza episcopale centrafricana, nei giorni scorsi si è recato in visita nel campo Beal, che accoglie ex combattenti Seleka (circa 850). Successivamente l'arcivescovo ha visitato anche i Balaka: insieme ai Seleka costituiscono le principali forze belligeranti
Martedì 16/12
I DIECI COMANDAMENTI
Benigni in punta di piedi
in una casa che non era sua
In un momento in cui la libertà sembra essere quella di sparare alzo zero su tutto e su tutti, questa rilettura in tv è una dimostrazione di come si possa fare spettacolo vero senza scadere nella ricerca di consensi costi quel che costi, facendo leva solo sulla propria arte e sulla fedeltà a contenuti veri dopo tremila e passa anni
Lunedì 15/12
LOGO PER FIRENZE 2015
Ha vinto la semplicità
della Chiesa in uscita
di Papa Francesco
La parola ai vincitori (Zeno Pacciani, Andrea Tasso e Francesco Minari): dall’umano espresso con la scritta a mano in stampatello ai cinque colori delle frecce come quelli del calendario liturgico. E poi "il simbolo più forte è quello della Croce, posta sulla sommità del Logo… La forma curva delle frecce evoca inoltre la cupola del Brunelleschi, che per noi fiorentini è il simbolo stesso della Chiesa"
Lunedì 15/12
DOPO L'INVITO DEL PAPA
"Senza i bambini?
Sembreremmo
una parrocchia abortista"
Don Tonino Lasconi, scrittore, giornalista ed esperto di pastorale per i ragazzi, ma soprattutto parroco di san Giuseppe lavoratore a Fabriano: "Una parrocchia che si apre ai bambini, diventa più Chiesa perché diventa inevitabilmente più dialogica, più vicina alla gente, più comprensibile, con un linguaggio alla portata di tutti. Dobbiamo diventare sempre più una Chiesa dove i bambini vengono volentieri"
Lunedì 15/12
CONSUMO TELEVISIVO
Auditel inadeguato
alle trasformazioni
O cambia o muore
I cambiamenti profondi intervenuti nel consumo televisivo, vedi la diffusione degli "altri schermi", non trovano adeguato spazio nelle rilevazioni. Inevitabile la penalizzazione, anche a fini pubblicitari, delle paytv con le loro proposte innovative. Infine l'attuale sistema di rilevazione penalizza la certificazione del pluralismo informativo garantito dall'emittenza locale
Lunedì 15/12
GIORNATA DELLA PACE 2015
Per un mondo
senza catene
Oggi più che mai, la globalizzazione dell'indifferenza pesa sulle vite di tante sorelle e di tanti fratelli; per questo Papa Francesco chiede a tutti noi di farci artefici di una globalizzazione della solidarietà e della fraternità. Solo così anche noi potremo essere i nuovi samaritani del terzo millennio
Lunedì 15/12
PRIMO VESCOVO IN PATAGONIA
L'Argentina ricorda
"Don Jaime", pastore
alla fine del mondo
La sua vita fu un esempio di lotta per la giustizia e i diritti umani e di denuncia delle situazioni di povertà nella sua provincia e nelle comunità originarie "mapuches". A fianco degli operai in sciopero e delle mamme dei "desaparecidos" durante la dittatura. Morto nel 1995 a 80 anni, ha lasciato una traccia indelebile tra la sua gente: "Prima dell'arrivo di monsignore, in tante cose c'era ingiustizia"




Come Abbonarsi ?


Note e commenti
Photonotizie
Infografiche
Ultima Settimana
Commento al Vangelo