Servizio Informazione Religiosa
Prima Pagina
 
Venerdì 28 Dicembre 2012
FIGLI CON UN SOLO GENITORE
Non è la stessa cosa
In Italia 2.400.000 bambini crescono senza padre e 400.000 senza madre

Francesco Belletti, presidente del Forum delle associazioni familiari (www.forumfamiglie.org), commenta al Sir il fenomeno dell’aumento del numero dei figli cresciuti da un solo genitore: negli Stati Uniti, secondo i dati raccolti dal Census Bureau e dall’American Community Survey, 15 milioni di bambini, addirittura uno su tre, cresce senza il padre e altri 5 milioni senza la madre. In Gran Bretagna, invece, avere un padre risulta nella top 10 dei regali chiesti a Babbo Natale: un dato che fa pensare. Anche in Italia sono oltre 2 milioni e 800 mila i bambini inseriti in famiglie monogenitoriali: 2 milioni e 400 mila circa vivono senza padre e altri 400 mila senza madre.

Quanto incide sulla vita di un bambino vivere con un solo genitore?
“Nell’educazione di un bambino sin dall’origine la differenza sessuale dei genitori è fondamentale, soprattutto essere genitori in coppia da padri e madri è un dato molto importante. Nell’alleanza di coppia si origina la cura per i bambini. Il dato di una crescente presenza di bambini costretti a vivere senza uno dei genitori deve allarmarci: può anche sembrare un dato di maggiore libertà e di possibilità di scelta per gli adulti, ma il bene dei bambini andrebbe messo al primo posto. Questo chiama a una maggiore responsabilità nel progetto di coppia, nell’impegno per sempre, tutti valori che attorno alla parola matrimonio un tempo trovavano una custodia anche sociale. È un po’ la crisi del matrimonio che si porta dietro insieme causa ed effetto di questa grande difficoltà”.

Crescere con un solo genitori è un fenomeno figlio dei nostri tempi?
“Nei secoli precedenti i bambini spesso sono stati orfani, ma per assenze traumatiche, perché le madri morivano molto più frequentemente per il parto e gli uomini morivano molto più giovani. Non è assolutamente nuova la situazione di essere senza genitori, la letteratura è piena di queste situazioni, ma segnalava anche l’impoverimento di questi bambini senza genitori. La società contemporanea, invece, vorrebbe raccontare che stare con un solo genitore è la stessa cosa che avere entrambi i genitori, stabili, fissi, sempre presenti e accessibili per il bambino. Ma non è vero: la stabilità della coppia è la prima risorsa per il benessere del bambino”.

L’aumento dei figli con un solo genitore dipende dall’incapacità di prendere un impegno per sempre come coppia?
“Da un lato, c’è questa illusione del fare famiglia senza matrimonio, del diventare genitori senza un vincolo, una stabilità e senza una forte alleanza tra genitori e comunità sociale. In passato l’assistenza e la cura dei figli era sia dei genitori sia della società nel suo complesso e il matrimonio era il luogo di quell’alleanza esplicita. Oggi i genitori sono abbandonati e questo è un cambiamento che impoverisce le famiglie, gli adulti e anche i bambini. Dall’altro lato, bisogna leggere diversamente questi dati. In molti casi di bambini che vivono solo con le madri o solo con i padri c’è il tentativo della coppia di restare genitori nonostante la separazione. Questa è una fatica che va guardata con grande simpatia e attenzione da parte della società, perché ormai le separazioni avvengono anche in Italia e bisogna aiutare padri e madri a restare genitori dei propri figli anche quando non si vive più nella stessa casa. Sicuramente la qualità di questa genitorialità a distanza dipende molto dal grado di conflittualità dei genitori. Credo che in Italia questa co-genitorialità a distanza sia più presente che negli Stati Uniti, dove ci sono moltissimi casi di gravidanze di adolescenti con un’oggettiva perdita assoluta di uno dei genitori. In Italia c’è questo nuovo laboratorio che dovrebbe essere assistito e accompagnato un po’ di più per non lasciare da soli i genitori”.

Per un bambino crescere con un solo genitore crea problemi affettivi e anche economici?
“La separazione è un grande stress dal punto di vista delle relazioni, dell’identità, del progetto di vita e anche dal punto di vista della situazione economica, perché è un oggettivo impoverimento di entrambi i genitori, ovunque stiano i figli. Per i bambini viene a mancare la quotidianità, la presenza, il tempo passato insieme. Questo tema ci ricorda la grande responsabilità dei genitori nei confronti dei figli, del dare un pezzo di vita per loro. A causa della crisi, poi, anche in Italia c’è il fenomeno della mobilità lavorativa, per cui è sempre più frequente che un genitore si allontani dal luogo dove vive la famiglia. Questo fenomeno negli Stati Uniti è molto più drammatico: quando una coppia separata si trova a mille chilometri di distanza l’accesso al figlio è praticamente impossibile. Al di là di una cattiva retorica che dice che basta separarsi civilmente perché ai bambini non succeda niente, bisognerebbe riaffermare che la separazione è una ferita per i partner ed è tanto più una ferita per i bambini. Le ferite si possono curare, si può continuare a vivere, ma non si può dire che il dolore non esiste. Forse è questo il messaggio che i dati ci dovrebbero costringere ad accogliere con più forza: la separazione è un fattore dannoso”.




Tutti gli altri articoli della settimana

Mercoledì 22/10
CRISTIANI IN MEDIO ORIENTE
Né autoghettizzazioni
né ricorso alle effimere
protezioni dei ''prìncipi''
Dopo le parole molte ferme del Segretario di Stato vaticano, cardinale Pietro Parolin, la parola a monsignor David-Maria A. Jaeger Ofm, esperto di rapporti Chiesa-Stato in Terra Santa e nella regione: ''Particolarmente nelle situazioni di minoranza statistica, sarebbe meglio evitare che i cristiani confluissero tutti in una sola forza politica, il che solo ne accrescerebbe la vulnerabilità''
Mercoledì 22/10
LA NUOVA STAGIONE DI TV2000
''Non esiste solo
la Chiesa in uscita
ma anche la tv...''
Monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei: ''Perché un vescovo alla presentazione del palinsesto di Tv2000?''. Rappresentando l'editore, la presenza è segno del ''desiderio di sentirsi parte di una realtà'', che assieme alla Tv vede Avvenire, Agenzia Sir e Radio In Blu. A Tv2000 la richiesta di ''stare sulla strada, vedere cosa c'è di bello e di problematico, farlo nostro e presentarlo nella maniera dovuta''. Per essere ''luogo attivo, vivo, tv di tutti e per tutti''
Mercoledì 22/10
IL NUOVO PALINSESTO
Tv2000 è un cantiere
che parla a tutti
e trasmette senso
Il direttore di rete, Paolo Ruffini: "Vogliamo fare una televisione che racconti il mondo con gli occhi di chi crede". Tra le principali novità, il programma quotidiano del pomeriggio "Siamo noi" e il serale in diretta ogni mercoledì "Help". Lorenzo Serra, direttore generale, annuncia la collaborazione con le tv del circuito Corallo e con i settimanali diocesani della Fisc. Lucio Brunelli, direttore delle testate giornalistiche, presenta la nuova edizione delle 12 del tg
Mercoledì 22/10
COPPIE OMOSESSUALI
I tedeschi le chiamano
"unioni di vita"
Sono simil matrimoni
Si distingue tra le due dimensioni fondamentali del diritto di famiglia: il rapporto tra partner e la filiazione. Nel tempo si è assistito a una progressiva equiparazione tra unione di vita e matrimonio. Consentita l'adozione del figlio genetico o adottivo del partner. Consentita solo la fecondazione eterologa tramite donazione di gameti maschili. Esclusa quella mediante ovuli di una terza persona
Mercoledì 22/10
BUENOS AIRES
Restauri nella basilica
della vocazione
di Papa Francesco
Inaugurate le opere di restauro dell'altare dedicato a santa Teresa di Gesù nella chiesa di San Josè de Flores, meta di pellegrinaggio per pregare davanti al popolare Cristo de los Pobres. Per una richiesta di lavoro o soltanto un po' di pane
Martedì 21/10
SIERRA LEONE, LIBERIA, GUINEA
Sono già migliaia
in Africa occidentale
gli orfani dell'Ebola
La drammatica situazione sul campo ricostruita grazie a undici organizzazioni cattoliche. L'appello al governo italiano e alla comunità internazionale: impegnarsi maggiormente a costruire centri di trattamento specializzati e a rafforzare la risposta umanitaria dove necessario, piuttosto che preoccuparsi solo di una eventuale diffusione del virus in Europa
Martedì 21/10
LAVORI IN CORSO
"Salvini e Grillo
uniti contro i migranti
e dal vuoto a destra"
Il sociologo Paolo Feltrin, dell'Università di Trieste: "Non si tratta di dire 'dentro tutti' o 'fuori tutti', i due estremi degli atteggiamenti rispetto all'arrivo dei 'barconi'. La responsabilità della politica consiste nello stabilire delle regole, delle misure precise e condivise, che contemperino l’accoglienza umana e la capacità sociale di offrire risposte sostenibili e non demagogiche"
Martedì 21/10
LO SGUARDO LETTERARIO
Il Leopardi di Martone
lontano dagli stereotipi
Il film ha il grande pregio di non aver generalizzato e svilito il complesso pensiero del poeta, riportandolo alle sue coordinate storiche, culturali e private, senza ingabbiarlo in stereotipi superficiali. Non è Pasolini la figura più prossima a questo Leopardi, come da più parti è stato affermato, sebbene il senese Federigo Tozzi, vissuto cento anni dopo
Martedì 21/10
SPAGNA (23-25 OTTOBRE)
Settimane sociali
crescono. In Europa
Sorte per lo più nel Novecento con l'intento di mettere a confronto le profonde trasformazioni dell'epoca con la Dottrina sociale della Chiesa, rappresentano un vivace patrimonio in Italia, Francia, Germania (Katholikentag), Spagna. Esperienze simili, più o meno recenti, si riscontrano anche in Austria, Polonia, Slovenia, Portogallo, Ucraina... In qualche caso si tratta di incontri a carattere ecumenico
Martedì 21/10
CITTÀ METROPOLITANE/1
Un avvio in sordina
con le elezioni
di secondo livello
Dieci le città metropolitane: Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli e Reggio Calabria, più Roma Capitale che avrà una disciplina speciale. Eletti i ''consigli metropolitani'', la tappa successiva è quella della stesura e approvazione degli statuti. Segnalati limiti nella rappresentanza delle minoranze. Il ''sindaco metropolitano'' è il primo cittadino del comune capoluogo
Martedì 21/10
ELEZIONI REGOLARI
Mozambico, il Frelimo
vince ancora
ma perde consensi
Il partito di governo, con Filipe Nyussi, è accreditato del 61,67% dei voti. Quasi 15 punti in meno del suo predecessore Armando Guebuza nel 2009, ma il doppio del suo avversario più vicino, l'ex leader ribelle Afonso Dhlakama, della Resistencia nacional moçambicana (Renamo), fermo al 30,89%. La delusione di Daviz Simango, fondatore del Movimento democratico de Moçambique (Mdm) fermo al 7,44%
Lunedì 20/10
INSOSTENIBILE LEGGEREZZA
La versione di Grisham
sulla pedopornografia
Le dichiarazioni dello scrittore americano a difesa dei consumatori occasionali via Internet hanno fatto il giro del mondo e sollevato un'ondata di indignazione. Le sue parole, poi ritrattate, nascondono il tentativo di cambiare la legge e di attenuare le sanzioni. Era successo anche in Italia, alcuni anni fa. Meglio alzare la guardia
Lunedì 20/10
DIVARICAZIONI SOCIALI
''Difficile farsi largo
nel mondo
degli ultra-ricchi''
Il direttore generale della Fondazione Censis, Giuseppe Roma, analizza i dati sulla ricchezza globale cresciuta del 40% dal 2008 ad oggi. In questo contesto i giovani fanno sempre più fatica a emergere e a fare impresa. Il caso italiano con la sua burocrazia costosa e autoreferenziale. La necessità di ''un modello sociale che sappia mettere al centro non il denaro ma la persona''
Lunedì 20/10
IL SINODO IN CAMMINO
Quelle "tentazioni"
ci interpellano...
Le parole che il Papa ha voluto pronunciare a chiusura dei lavori, valgono per tutti i credenti. Non solo, dunque, per tutti i vescovi e per tutti i pastori. Francesco ci ha offerto la strumentazione spirituale, ancor prima che metodologica, per vivere con purezza d'animo e onestà intellettuale il percorso che ci aspetta
Lunedì 20/10
19 OTTOBRE 2014
"Il timoniere
del Concilio"
ora è Beato
Sei mesi dopo la doppia canonizzazione di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II, passata alla storia come la canonizzazione "dei quattro Papi", nella stessa piazza Paolo VI - il Papa che ha traghettato la Chiesa nella modernità con una sapiente e profetica rotta di navigazione - viene indicato al culto della Chiesa universale. L'abbraccio sotto lo sguardo del mondo di Francesco e Benedetto
Lunedì 20/10
CONCLUSA LA PRIMA TAPPA
Il Sinodo rilancia
"una Chiesa
che non ha paura"
Tre i punti - i numeri 52, 53 e 55, relativi all'accesso dei divorziati risposati all'Eucaristia, alla proposta della "comunione spirituale" e alle unioni omosessuali - che non hanno ricevuto la maggioranza qualificata. L'attenzione ai matrimoni civili e "fatte le debite differenze, anche alle convivenze". Dal Papa l'incoraggiamento a proseguire nel discernimento spirituale in vista del Sinodo ordinario




Come Abbonarsi ?


Note e commenti
Photonotizie
Infografiche
Ultima Settimana
Commento al Vangelo