Servizio Informazione Religiosa
 Home Page 
 Prima Pagina 
 Prima Pagina 
Prima Pagina
 
Venerdì 28 Dicembre 2012
FIGLI CON UN SOLO GENITORE
Non è la stessa cosa
In Italia 2.400.000 bambini crescono senza padre e 400.000 senza madre

Francesco Belletti, presidente del Forum delle associazioni familiari (www.forumfamiglie.org), commenta al Sir il fenomeno dell’aumento del numero dei figli cresciuti da un solo genitore: negli Stati Uniti, secondo i dati raccolti dal Census Bureau e dall’American Community Survey, 15 milioni di bambini, addirittura uno su tre, cresce senza il padre e altri 5 milioni senza la madre. In Gran Bretagna, invece, avere un padre risulta nella top 10 dei regali chiesti a Babbo Natale: un dato che fa pensare. Anche in Italia sono oltre 2 milioni e 800 mila i bambini inseriti in famiglie monogenitoriali: 2 milioni e 400 mila circa vivono senza padre e altri 400 mila senza madre.

Quanto incide sulla vita di un bambino vivere con un solo genitore?
“Nell’educazione di un bambino sin dall’origine la differenza sessuale dei genitori è fondamentale, soprattutto essere genitori in coppia da padri e madri è un dato molto importante. Nell’alleanza di coppia si origina la cura per i bambini. Il dato di una crescente presenza di bambini costretti a vivere senza uno dei genitori deve allarmarci: può anche sembrare un dato di maggiore libertà e di possibilità di scelta per gli adulti, ma il bene dei bambini andrebbe messo al primo posto. Questo chiama a una maggiore responsabilità nel progetto di coppia, nell’impegno per sempre, tutti valori che attorno alla parola matrimonio un tempo trovavano una custodia anche sociale. È un po’ la crisi del matrimonio che si porta dietro insieme causa ed effetto di questa grande difficoltà”.

Crescere con un solo genitori è un fenomeno figlio dei nostri tempi?
“Nei secoli precedenti i bambini spesso sono stati orfani, ma per assenze traumatiche, perché le madri morivano molto più frequentemente per il parto e gli uomini morivano molto più giovani. Non è assolutamente nuova la situazione di essere senza genitori, la letteratura è piena di queste situazioni, ma segnalava anche l’impoverimento di questi bambini senza genitori. La società contemporanea, invece, vorrebbe raccontare che stare con un solo genitore è la stessa cosa che avere entrambi i genitori, stabili, fissi, sempre presenti e accessibili per il bambino. Ma non è vero: la stabilità della coppia è la prima risorsa per il benessere del bambino”.

L’aumento dei figli con un solo genitore dipende dall’incapacità di prendere un impegno per sempre come coppia?
“Da un lato, c’è questa illusione del fare famiglia senza matrimonio, del diventare genitori senza un vincolo, una stabilità e senza una forte alleanza tra genitori e comunità sociale. In passato l’assistenza e la cura dei figli era sia dei genitori sia della società nel suo complesso e il matrimonio era il luogo di quell’alleanza esplicita. Oggi i genitori sono abbandonati e questo è un cambiamento che impoverisce le famiglie, gli adulti e anche i bambini. Dall’altro lato, bisogna leggere diversamente questi dati. In molti casi di bambini che vivono solo con le madri o solo con i padri c’è il tentativo della coppia di restare genitori nonostante la separazione. Questa è una fatica che va guardata con grande simpatia e attenzione da parte della società, perché ormai le separazioni avvengono anche in Italia e bisogna aiutare padri e madri a restare genitori dei propri figli anche quando non si vive più nella stessa casa. Sicuramente la qualità di questa genitorialità a distanza dipende molto dal grado di conflittualità dei genitori. Credo che in Italia questa co-genitorialità a distanza sia più presente che negli Stati Uniti, dove ci sono moltissimi casi di gravidanze di adolescenti con un’oggettiva perdita assoluta di uno dei genitori. In Italia c’è questo nuovo laboratorio che dovrebbe essere assistito e accompagnato un po’ di più per non lasciare da soli i genitori”.

Per un bambino crescere con un solo genitore crea problemi affettivi e anche economici?
“La separazione è un grande stress dal punto di vista delle relazioni, dell’identità, del progetto di vita e anche dal punto di vista della situazione economica, perché è un oggettivo impoverimento di entrambi i genitori, ovunque stiano i figli. Per i bambini viene a mancare la quotidianità, la presenza, il tempo passato insieme. Questo tema ci ricorda la grande responsabilità dei genitori nei confronti dei figli, del dare un pezzo di vita per loro. A causa della crisi, poi, anche in Italia c’è il fenomeno della mobilità lavorativa, per cui è sempre più frequente che un genitore si allontani dal luogo dove vive la famiglia. Questo fenomeno negli Stati Uniti è molto più drammatico: quando una coppia separata si trova a mille chilometri di distanza l’accesso al figlio è praticamente impossibile. Al di là di una cattiva retorica che dice che basta separarsi civilmente perché ai bambini non succeda niente, bisognerebbe riaffermare che la separazione è una ferita per i partner ed è tanto più una ferita per i bambini. Le ferite si possono curare, si può continuare a vivere, ma non si può dire che il dolore non esiste. Forse è questo il messaggio che i dati ci dovrebbero costringere ad accogliere con più forza: la separazione è un fattore dannoso”.




Tutti gli altri articoli della settimana

Mercoledì 23/07
COREA DEL SUD
"Qui il gregge
ha preceduto
i suoi pastori"
Cristian Martini Grimaldi, autore del libro "Cristiani in Corea": "Quando il primo missionario, un sacerdote cinese, entrò in Corea nel 1794 trovò già quattromila battezzati". Papa Francesco incontrerà una chiesa al femminile. Forte oggi la presenza delle donne perché "il cristianesimo ha dato loro la forza di reclamare pari dignità e uguaglianza" in una società confuciana suddivisa in classi
Mercoledì 23/07
DEDICATO AI GIOVANI
A caccia di idee
per il lavoro
che ancora non c'è
Dalle tecnologie emergenti (per biotecnologi e informatici) all'imprenditoria sociale (management, amministrazione delle "imprese sociali", finanza e fundraising), non mancano gli spazi di azione. Sorprende la capacità di iniziativa degli immigrati divenuti imprenditori grazie a forti iniezioni di creatività. Hanno dato lavoro, prodotto reddito e si distinguono per innovazione e responsabilità sociale
Mercoledì 23/07
DOPO LA CONSULTA
L'eterologa è business
e antropologia
merita una legge
Il giurista Alberto Gambino: "Se al compimento del diciottesimo anno di età i nascituri volessero conoscere le proprie origini biologiche, verrebbe applicata la normativa sulla donazione dei tessuti (anonimato assoluto del donatore), o quanto affermato dalla Consulta nel caso di parto in anonimato (diritto inalienabile del nascituro di identità genetica)? Non possiamo ritenere che bastino delle linee guida"
Martedì 22/07
DIARIO DI GIORNALISTA
"Da quel giorno
a Lampedusa
la mia vita è cambiata"
Sul Molo Favarolo una distesa di uomini, donne e bambini seduti o sdraiati per terra, stanchi, affamati e assetati. L'incontro con i bambini: "Ciccio, Totò, Lillo, Nicuzzo e Giuiuzzu (li ho battezzati con i nomi della mia terra che, da quel momento, è anche la loro) sono sporchi, puzzolenti di pipì…" E ancora: "Ritornata ad Agrigento, mi chiedo... se incontrerò mai la bambina con gli occhi che ridono"
Martedì 22/07
NEL 1914 NACQUE CHARLOT
Un vagabondo
di cento anni
Se il personaggio creato da Charles Spencer Chaplin è stato il padre di molti comici a venire, quel saltabeccante quasi gentiluomo consegnato a cocenti ma inevitabili delusioni d'amore, ha radici letterarie remote. Ma rimane più vicino ai poveri dell'America di primo Novecento, e a quelli moltiplicati dalla Grande Depressione, gente che aveva fame realmente
Martedì 22/07
7/VITE DI PERIFERIA
Ex camionista in miseria:
''Ho smesso di guidare
perché potevo uccidere''
Ultraquarantenne barese decide di abbandonare l'impiego per sottrarsi allo sfruttamento e al rischio connesso con i turni di lavoro massacranti (anche due consecutivi). Con il pericolo di investire qualcuno per un colpo di sonno. Così Marco (nome di fantasia) si è autocondannato alla povertà. Ha venduto tutto quello che aveva. Oggi fa la fila alla Caritas e si vergogna, ma non smette di sperare
Martedì 22/07
FESTIVAL A RIMINI
Con Cartoon Club
si fa spazio
il fumetto religioso
Un profugo africano arriva in Italia col miraggio del pallone e dopo tante vicissitudini riesce a salvarsi grazie alla Bibbia: è la trama di ''Sogni. Liberamente tratto da una storia vera''. È questa l'opera vincitrice dell'edizione 2014 del Premio ''Fede a Strisce''. Menzione speciale per un manga: protagonisti Gesù e Buddha visti come due ragazzotti che insieme cercano di sbarcare il lunario
Martedì 22/07
REVISIONE COSTITUZIONALE
Tokyo abbandona
il pacifismo
Cattolici preoccupati
Con la revisione dell'art 9 della Costituzione, il governo liberal-democratico guidato da Shinzo Abe sposa una politica di riarmo, di sicurezza nazionale e di competizione nel grande scenario asiatico su cui si muovono la Cina e la Corea del Nord. Ferma opposizione espressa dalla Conferenza episcopale giapponese. Sbiadito il ricordo della disfatta nipponica nella Seconda Guerra mondiale
Lunedì 21/07
POLVERIERA SOCIALE
A Castel Volturno
il pericolo vero
è una guerra tra poveri
Dopo gli scontri tra immigrati e italiani, parla Antonio Casale, direttore del Centro di accoglienza immigrati Fernandes (diocesi di Capua): "Non si tratta solo di controllo o repressione, è un problema sociale di ambiente, di degrado". E ancora: "La separazione tra bianchi e neri non deve esserci... occorre far incontrare cittadini, parrocchiani e immigrati per far sì che dialoghino sui problemi reali"
Lunedì 21/07
MENTRE A GAZA SI MUORE
I cattolici d'Israele
tenacemente
pregano per la pace
Accade a Be'erSheva, nella comunità cattolica di espressione ebraica, guidata dal parroco don Gioele Salvaterra: "La gente è molto addolorata e sconvolta dalle tante vittime sui due fronti. Ieri sera, nella messa, li abbiamo ricordati e abbiamo pregato per tutti coloro che soffrono". Per Salma e Habib, fratelli adolescenti, questa è già la terza guerra che vivono negli ultimi sei anni
Lunedì 21/07
L’ALLARME DELLA CARITAS
Il Nord del Mali
è una "zona franca"
Il popolo soffre
Il segretario locale, Theodore Togo, racconta le paure per le violenze delle formazioni fondamentaliste. I problemi più gravi riguardano "le questioni sanitarie, l’acqua, il cibo". La crisi "ha più dimensioni", non solo quella umanitaria. Avverte: "Gli accordi di pace rischiano di rimanere sulla carta". Per la riconciliazione nazionale, al centro dei colloqui di Algeri, "occorre ascoltare tutti"
Lunedì 21/07
STAMPA AL CAPOLINEA?
Etica e crossmedialità
per reagire alla crisi
I repentini cambiamenti tecnologici e l'inadeguatezza culturale non bastano a spiegare un arretramento costante. C'è un gap generazionale che colpisce anche i giornalisti, i quali sanno bene di soffrire una crisi di credibilità e di autorevolezza. Hanno torto gli italiani nel ritenere i giornalisti poco autonomi, troppo compromessi coi sistemi di potere, poco veritieri?
Lunedì 21/07
DOPO SOLI SEDICI MESI
La "rivoluzione"
di Bergoglio?
Una Chiesa aperta
È la risposta che dà Marco Politi, vaticanista di lungo corso, nel suo libro "Francesco tra i lupi. Il segreto di una rivoluzione" (Laterza). Ripercorre lo scorcio storico a cavallo tra i due Pontefici, i segreti del Conclave che ha portato all'elezione di Francesco, le sue "origini", le resistenze al cambiamento, lo spinoso tema delle finanze e, in modo particolare, "il programma della rivoluzione"
Lunedì 21/07
CRISI INTERNAZIONALE
Ucraina, la sveglia
da un grande dolore
La Russia, che fino a questo momento stava vincendo ai punti la partita, si trova in difficoltà perché sembra ci siano solide basi per ritenere che il missile sia stato lanciato dai ribelli filo-russi. È necessaria, adesso, un'azione diplomatica europea che sia lungimirante, seria, decisa ma non arrogante. E gli Stati Uniti evitino di proporre ora l'ingresso dell'Ucraina nella Nato




Come Abbonarsi ?


Note e commenti
Photonotizie
Infografiche
Ultima Settimana
Commento al Vangelo