Servizio Informazione Religiosa
Prima Pagina
 
Venerdì 28 Dicembre 2012
FIGLI CON UN SOLO GENITORE
Non è la stessa cosa
In Italia 2.400.000 bambini crescono senza padre e 400.000 senza madre

Francesco Belletti, presidente del Forum delle associazioni familiari (www.forumfamiglie.org), commenta al Sir il fenomeno dell’aumento del numero dei figli cresciuti da un solo genitore: negli Stati Uniti, secondo i dati raccolti dal Census Bureau e dall’American Community Survey, 15 milioni di bambini, addirittura uno su tre, cresce senza il padre e altri 5 milioni senza la madre. In Gran Bretagna, invece, avere un padre risulta nella top 10 dei regali chiesti a Babbo Natale: un dato che fa pensare. Anche in Italia sono oltre 2 milioni e 800 mila i bambini inseriti in famiglie monogenitoriali: 2 milioni e 400 mila circa vivono senza padre e altri 400 mila senza madre.

Quanto incide sulla vita di un bambino vivere con un solo genitore?
“Nell’educazione di un bambino sin dall’origine la differenza sessuale dei genitori è fondamentale, soprattutto essere genitori in coppia da padri e madri è un dato molto importante. Nell’alleanza di coppia si origina la cura per i bambini. Il dato di una crescente presenza di bambini costretti a vivere senza uno dei genitori deve allarmarci: può anche sembrare un dato di maggiore libertà e di possibilità di scelta per gli adulti, ma il bene dei bambini andrebbe messo al primo posto. Questo chiama a una maggiore responsabilità nel progetto di coppia, nell’impegno per sempre, tutti valori che attorno alla parola matrimonio un tempo trovavano una custodia anche sociale. È un po’ la crisi del matrimonio che si porta dietro insieme causa ed effetto di questa grande difficoltà”.

Crescere con un solo genitori è un fenomeno figlio dei nostri tempi?
“Nei secoli precedenti i bambini spesso sono stati orfani, ma per assenze traumatiche, perché le madri morivano molto più frequentemente per il parto e gli uomini morivano molto più giovani. Non è assolutamente nuova la situazione di essere senza genitori, la letteratura è piena di queste situazioni, ma segnalava anche l’impoverimento di questi bambini senza genitori. La società contemporanea, invece, vorrebbe raccontare che stare con un solo genitore è la stessa cosa che avere entrambi i genitori, stabili, fissi, sempre presenti e accessibili per il bambino. Ma non è vero: la stabilità della coppia è la prima risorsa per il benessere del bambino”.

L’aumento dei figli con un solo genitore dipende dall’incapacità di prendere un impegno per sempre come coppia?
“Da un lato, c’è questa illusione del fare famiglia senza matrimonio, del diventare genitori senza un vincolo, una stabilità e senza una forte alleanza tra genitori e comunità sociale. In passato l’assistenza e la cura dei figli era sia dei genitori sia della società nel suo complesso e il matrimonio era il luogo di quell’alleanza esplicita. Oggi i genitori sono abbandonati e questo è un cambiamento che impoverisce le famiglie, gli adulti e anche i bambini. Dall’altro lato, bisogna leggere diversamente questi dati. In molti casi di bambini che vivono solo con le madri o solo con i padri c’è il tentativo della coppia di restare genitori nonostante la separazione. Questa è una fatica che va guardata con grande simpatia e attenzione da parte della società, perché ormai le separazioni avvengono anche in Italia e bisogna aiutare padri e madri a restare genitori dei propri figli anche quando non si vive più nella stessa casa. Sicuramente la qualità di questa genitorialità a distanza dipende molto dal grado di conflittualità dei genitori. Credo che in Italia questa co-genitorialità a distanza sia più presente che negli Stati Uniti, dove ci sono moltissimi casi di gravidanze di adolescenti con un’oggettiva perdita assoluta di uno dei genitori. In Italia c’è questo nuovo laboratorio che dovrebbe essere assistito e accompagnato un po’ di più per non lasciare da soli i genitori”.

Per un bambino crescere con un solo genitore crea problemi affettivi e anche economici?
“La separazione è un grande stress dal punto di vista delle relazioni, dell’identità, del progetto di vita e anche dal punto di vista della situazione economica, perché è un oggettivo impoverimento di entrambi i genitori, ovunque stiano i figli. Per i bambini viene a mancare la quotidianità, la presenza, il tempo passato insieme. Questo tema ci ricorda la grande responsabilità dei genitori nei confronti dei figli, del dare un pezzo di vita per loro. A causa della crisi, poi, anche in Italia c’è il fenomeno della mobilità lavorativa, per cui è sempre più frequente che un genitore si allontani dal luogo dove vive la famiglia. Questo fenomeno negli Stati Uniti è molto più drammatico: quando una coppia separata si trova a mille chilometri di distanza l’accesso al figlio è praticamente impossibile. Al di là di una cattiva retorica che dice che basta separarsi civilmente perché ai bambini non succeda niente, bisognerebbe riaffermare che la separazione è una ferita per i partner ed è tanto più una ferita per i bambini. Le ferite si possono curare, si può continuare a vivere, ma non si può dire che il dolore non esiste. Forse è questo il messaggio che i dati ci dovrebbero costringere ad accogliere con più forza: la separazione è un fattore dannoso”.




Tutti gli altri articoli della settimana

Giovedì 18/09
BELGIO, CATTOLICI DIVISI
La domanda vera:
''Chi sono io
per causare la morte?''
Catherine Dopchie, oncologa, è responsabile di una unità ospedaliera di cure palliative in Belgio. Anche lei è cattolica come la collega Corinne Van Oost, autrice del libro ''Medico e cattolico, pratico l'eutanasia''. Ecco la sua posizione: ''La tentazione eutanasica esiste. A volte è intensa, violenta, oppressiva. Ma il rischio che prendiamo nel soccombervi è mortale. Non si può impunemente prendere il ruolo del creatore''
Giovedì 18/09
SINODO, BUONE PRATICHE/2
Primo: accogliere
le famiglie ferite
E senza giudicare
Don Sandro Dalle Fratte, responsabile della pastorale familiare della diocesi di Treviso ci tiene a sfatare due miti: che la questione dell'accesso all'Eucaristia sia ''il problema'' principale per i divorziati risposati e la convinzione diffusa che i figli dei separati o divorziati non vivano una condizione diversa rispetto a quella dei loro coetanei che hanno alle spalle famiglie stabili
Giovedì 18/09
DOPO L'APPELLO DEL PAPA
Calma apparente
in Lesotho...
Vescovi mediatori?
Prosegue il braccio di ferro politico tra i due esponenti più importanti della fragile coalizione di governo, il premier in carica Thomas Thabane e il suo vice Mothetjoa Metsing, sostenuti rispettivamente dalla polizia e dall'esercito. Intanto la popolazione è spaventata e teme che il conflitto possa degenerare in violenze e scontri armati
Mercoledì 17/09
FECONDAZIONE
Eterologa inattuabile:
in Italia mancano
donatori e donatrici
Eleonora Porcu, ginecologa e ricercatrice a Bologna: ''Non è un problema sanitario, ma antropologico. Questa tecnica chiede ai potenziali donatori di considerare, accettare e quindi accantonare l'immaginario e il ricordo di un potenziale bambino nato dai propri gameti ma che non potrà mai essere un figlio. Entrano in gioco sensibilità e vissuti personali, un dilemma/conflitto più che legittimo''
Mercoledì 17/09
L'ALBANIA CHE ATTENDE IL PAPA
Quel fazzoletto di terra
non smette di stupire
Qui le "periferie esistenziali" così care a Bergoglio, nonostante una dimensione multietnica che da secoli affronta un equilibrio precario, tentano, ogni giorno, di difendere la propria dignità, la propria identità. E affrontano con coraggio il futuro. Le comunità cristiane sono tornate a fiorire, là dove il comunismo ha provato a distruggerne la memoria
Mercoledì 17/09
SEMINARIO CEI AD ASSISI
A fianco dei disabili
anche quando
la malattia graffia
Il direttore dell'Ufficio nazionale per la pastorale della salute, Carmine Arice: "La disabilità di per sé non è una malattia ma è una situazione di vita. Però anche la persona disabile si ammala e a un certo punto deve affrontare la morte. Ci interrogheremo su quale tipo di attenzione pastorale siamo chiamati a dare a queste persone. È l'inizio di un percorso"
Mercoledì 17/09
REFERENDUM PER L'INDIPENDENZA
In Scozia si gioca
un derby pericoloso
Domani gli scozzesi sono chiamati alle urne per dire sì o no alla nascita di uno Stato indipendente da Londra. Pur nella comprensibile sottolineatura delle differenze storiche e culturali, geografiche e produttive, nonché di un sano "orgoglio patriottico", occorre ammettere che inglesi e scozzesi hanno ben più in comune di quanto non li separi
Mercoledì 17/09
TORINO FA FESTA
Il Sermig compie 50 anni
e lo Statuto suggella
la fedeltà alla Chiesa
Così la creatura di Ernesto Olivero (rimarrà a vita "padre" della Fraternità) viene dotata degli strumenti giuridici per operare a pieno titolo nella Chiesa, torinese e universale. Monsignor Cesare Nosiglia, nel consegnare il documento, ha sottolineato come il gruppo dell'Arsenale sia punto di riferimento per l'animazione caritativa e missionaria di tanti gruppi giovanili, in Italia e non solo
Martedì 16/09
UNO SU QUATTRO
Gli studenti scelgono
agricoltura e turismo
Vittoria del realismo
Autentico boom degli istituti agrari (+12%) e alberghieri (+9,3%). Maria Letizia Gardoni, responsabile nazionale per Coldiretti di "Giovani Impresa": "Abbiamo 60mila giovani che investono energie e risorse nell’agro-alimentare. Hanno capito che lì possono costruire un futuro solido e ricco di prospettive". Già oggi oltre 40mila imprese, su un totale di 600mila, sono condotte da under-35
Martedì 16/09
L'IMPATTO DELLO SBLOCCA ITALIA
Sì alla nuova viabilità
Ma dalla Sardegna
dubbi sulle trivellazioni
Lo stanziamento di 224 milioni di euro si aggiunge ai 400 del Fondo di sviluppo e coesione per il completamento della statale "Sassari-Alghero" e la messa in sicurezza degli svincoli della statale 131. Riserve sulle estrazioni d'idrocarburi in mare e in terraferma. Le opinioni del professor Luciano Cau, di Maria Giuseppa Sechi (Mlac) e dell'arcivescovo di Oristano Ignazio Sanna
Martedì 16/09
GIORNATE SOCIALI
Ripartono da Madrid
i cattolici per l'Europa
Attraverso il prisma della dottrina sociale della Chiesa, i cristiani cercano una comprensione più profonda della crisi socio-economica che continua a colpire il nostro continente e vogliono approfondire insieme, come una famiglia della Chiesa, il cammino verso una società plasmata dai valori autentici
Martedì 16/09
NECESSARIO UNO SHOCK?
Paese addormentato
Sarà meglio svegliarsi
Che ci vuole allora per suonare una potentissima sveglia che ci faccia uscire da questo torpore, che risvegli la voglia di investire, di intraprendere, di rischiare, di credere nel futuro e non solo di vivere un agiato presente (finché dura)? Che almeno ci tolga di dosso quell’infinità di lacci e laccioli che ci inchiodano a terra, ci impediscono di rialzarci e correre?
Martedì 16/09
CONTROCULTURA
Nei campus americani
una campagna contro
le relazioni ''usa e getta''
L'organizzazione cattolica ''Love and fidelity network'' ha lanciato lo slogan ''Sei in buone mani? Non accontentarti''. Si contesta la cultura dello ''hook-up'' che è addirittura diventata parte integrante dei programmi di orientamento universitario. Le indagini mettono in luce che queste liaison ''durano lo spazio d’un mattino e lasciano i protagonisti vuoti e spesso più insicuri di prima''
Martedì 16/09
LEGGE MORALE NATURALE/2
In principio fu per tutti
''Fai il bene, evita il male''
È in sostanza l'esperienza morale originaria di ciascuno di noi, in quanto soggetti di scelte libere che determinano la propria storia. Non un elenco prefissato di codici e codicilli etici, ma la capacità razionale dell'uomo di conoscere e comprendere il bene e il male, nell'operare le sue libere scelte concrete, secondo ragione e in coerenza con la sua natura umana (che è l'essenza globale dell'uomo)
Martedì 16/09
FARE CHIAREZZA
''Gli esorcismi?
La Chiesa accoglie
ascolta e discerne''
Con il documento, ''Esorcismi e preghiere di guarigione'', i vescovi toscani hanno aggiornato la Nota pastorale pubblicata 20 anni fa, dal titolo ''A proposito di magia e demonologia''. Il sociologo Massimo Introvigne: ''Per il Papa il demonio e il maligno sono una presenza reale, ma mai vittoriosa''. E mette in guardia dai pseudoesorcisti, spesso maghi a pagamento. Fondamentale la presenza del sacerdote
Lunedì 15/09
NAUFRAGI NEL MEDITERRANEO
Settecento immigrati
morti in pochi giorni:
guai a farci l'abitudine
Francesco Montenegro, presidente della Commissione episcopale per le migrazioni: "Qui ci vuole una organizzazione diversa, scelte politiche diverse, una Europa diversa. Non bastano solo le navi che pattugliano. Frontex plus avrà o no il ruolo di salvare vite umane? E se non lo avrà, cosa succederà? Guarderà e filmerà?". E ancora: "Quando i popoli si muovono la storia è sempre cambiata"
Lunedì 15/09
VERSO IL SINODO
"L'Europa del Nord
vive male la distanza
tra realtà e norma"
Il vescovo di Anversa Johan Bonny ha scritto un testo per delineare le sue attese, soprattutto per le coppie irregolari con le quali ha intessuto un dialogo. E spera che per loro si possa "vedere come Gesù combinava legge e misericordia, verità e misericordia". E ricorda la tradizione giuridica dell'Oriente cristiano: "La possibilità cioè di un regolamento eccezionale in nome della misericordia"
Lunedì 15/09
IL PAPA A REDIPUGLIA
Per nove volte
''A me che importa?''
A Redipuglia e a Fogliano, nei luoghi dove centinaia di migliaia di uomini trovarono la morte in quella che un altro pontefice definì inascoltato ''l'inutile strage'', Papa Bergoglio, sabato scorso, ha assestato una nuova picconata al muro della ''globalizzazione dell’indifferenza'' che avvolge il nostro tempo
Lunedì 15/09
COMUNICAZIONE IN PANNE
Se i terroristi dettano
la scaletta dei telegiornali
Il giornalismo televisivo non ha ancora imparato la durissima lezione dell’11 settembre. Il pubblico televisivo rimane affascinato dalle sequenze girate, con i telefonini, da ragazzini poco più che analfabeti nei deserti più lontani del mondo. Come le immagini oscene del linciaggio di Gheddafi o come i terribili video delle decapitazioni selvagge messe in scena dall’Isis
Lunedì 15/09
LA VISITA IL 21 SETTEMBRE
Forte del coraggio
dei suoi martiri
l’Albania attende il Papa
Angelo Massafra, arcivescovo di Scutari-Pult e presidente della Conferenza episcopale albanese: "La nostra è una Chiesa giovane, come giovane è la sua popolazione. Pertanto, è una Chiesa in cammino, esposta alla tensione dialettica tra passato e futuro e con un gap da colmare: gli anni del comunismo". Tre aspetti fondamentali: missionarietà, dialogo tra le religioni, carità dalle altre Chiese
Lunedì 15/09
SEMINARIO NAZIONALE MCL
"Ma Renzi sbaglia
se chiude la porta
al dialogo sociale"
Carlo Costalli, presidente nazionale del Movimento cristiano lavoratori: "La sensazione è che questa rete che sta 'nel mezzo' sia d’impiccio. È vero che anche le organizzazioni - soprattutto alcune sigle sindacali - devono modernizzarsi e adeguarsi ai nuovi tempi, ma è una follia escludere questo mondo… È una follia dal punto di vista economico-strategico ed è un grave errore politico"




Come Abbonarsi ?


Note e commenti
Photonotizie
Infografiche
Ultima Settimana
Commento al Vangelo