Servizio Informazione Religiosa
Prima Pagina
 
Venerdì 28 Dicembre 2012
FIGLI CON UN SOLO GENITORE
Non è la stessa cosa
In Italia 2.400.000 bambini crescono senza padre e 400.000 senza madre

Francesco Belletti, presidente del Forum delle associazioni familiari (www.forumfamiglie.org), commenta al Sir il fenomeno dell’aumento del numero dei figli cresciuti da un solo genitore: negli Stati Uniti, secondo i dati raccolti dal Census Bureau e dall’American Community Survey, 15 milioni di bambini, addirittura uno su tre, cresce senza il padre e altri 5 milioni senza la madre. In Gran Bretagna, invece, avere un padre risulta nella top 10 dei regali chiesti a Babbo Natale: un dato che fa pensare. Anche in Italia sono oltre 2 milioni e 800 mila i bambini inseriti in famiglie monogenitoriali: 2 milioni e 400 mila circa vivono senza padre e altri 400 mila senza madre.

Quanto incide sulla vita di un bambino vivere con un solo genitore?
“Nell’educazione di un bambino sin dall’origine la differenza sessuale dei genitori è fondamentale, soprattutto essere genitori in coppia da padri e madri è un dato molto importante. Nell’alleanza di coppia si origina la cura per i bambini. Il dato di una crescente presenza di bambini costretti a vivere senza uno dei genitori deve allarmarci: può anche sembrare un dato di maggiore libertà e di possibilità di scelta per gli adulti, ma il bene dei bambini andrebbe messo al primo posto. Questo chiama a una maggiore responsabilità nel progetto di coppia, nell’impegno per sempre, tutti valori che attorno alla parola matrimonio un tempo trovavano una custodia anche sociale. È un po’ la crisi del matrimonio che si porta dietro insieme causa ed effetto di questa grande difficoltà”.

Crescere con un solo genitori è un fenomeno figlio dei nostri tempi?
“Nei secoli precedenti i bambini spesso sono stati orfani, ma per assenze traumatiche, perché le madri morivano molto più frequentemente per il parto e gli uomini morivano molto più giovani. Non è assolutamente nuova la situazione di essere senza genitori, la letteratura è piena di queste situazioni, ma segnalava anche l’impoverimento di questi bambini senza genitori. La società contemporanea, invece, vorrebbe raccontare che stare con un solo genitore è la stessa cosa che avere entrambi i genitori, stabili, fissi, sempre presenti e accessibili per il bambino. Ma non è vero: la stabilità della coppia è la prima risorsa per il benessere del bambino”.

L’aumento dei figli con un solo genitore dipende dall’incapacità di prendere un impegno per sempre come coppia?
“Da un lato, c’è questa illusione del fare famiglia senza matrimonio, del diventare genitori senza un vincolo, una stabilità e senza una forte alleanza tra genitori e comunità sociale. In passato l’assistenza e la cura dei figli era sia dei genitori sia della società nel suo complesso e il matrimonio era il luogo di quell’alleanza esplicita. Oggi i genitori sono abbandonati e questo è un cambiamento che impoverisce le famiglie, gli adulti e anche i bambini. Dall’altro lato, bisogna leggere diversamente questi dati. In molti casi di bambini che vivono solo con le madri o solo con i padri c’è il tentativo della coppia di restare genitori nonostante la separazione. Questa è una fatica che va guardata con grande simpatia e attenzione da parte della società, perché ormai le separazioni avvengono anche in Italia e bisogna aiutare padri e madri a restare genitori dei propri figli anche quando non si vive più nella stessa casa. Sicuramente la qualità di questa genitorialità a distanza dipende molto dal grado di conflittualità dei genitori. Credo che in Italia questa co-genitorialità a distanza sia più presente che negli Stati Uniti, dove ci sono moltissimi casi di gravidanze di adolescenti con un’oggettiva perdita assoluta di uno dei genitori. In Italia c’è questo nuovo laboratorio che dovrebbe essere assistito e accompagnato un po’ di più per non lasciare da soli i genitori”.

Per un bambino crescere con un solo genitore crea problemi affettivi e anche economici?
“La separazione è un grande stress dal punto di vista delle relazioni, dell’identità, del progetto di vita e anche dal punto di vista della situazione economica, perché è un oggettivo impoverimento di entrambi i genitori, ovunque stiano i figli. Per i bambini viene a mancare la quotidianità, la presenza, il tempo passato insieme. Questo tema ci ricorda la grande responsabilità dei genitori nei confronti dei figli, del dare un pezzo di vita per loro. A causa della crisi, poi, anche in Italia c’è il fenomeno della mobilità lavorativa, per cui è sempre più frequente che un genitore si allontani dal luogo dove vive la famiglia. Questo fenomeno negli Stati Uniti è molto più drammatico: quando una coppia separata si trova a mille chilometri di distanza l’accesso al figlio è praticamente impossibile. Al di là di una cattiva retorica che dice che basta separarsi civilmente perché ai bambini non succeda niente, bisognerebbe riaffermare che la separazione è una ferita per i partner ed è tanto più una ferita per i bambini. Le ferite si possono curare, si può continuare a vivere, ma non si può dire che il dolore non esiste. Forse è questo il messaggio che i dati ci dovrebbero costringere ad accogliere con più forza: la separazione è un fattore dannoso”.




Tutti gli altri articoli della settimana

Venerdì 06/03
I MONACI DI DEIR MAR MUSA
Nella Siria del terrore
c'è un'oasi di pace
per chi resta e spera
Padre Jihad Youssef, 38 anni da compiere, monaco dal 1999 e prete dal 2008. Siriano di rito maronita è uno dei 10 religiosi che abitano a Deir Mar Musa, la comunità monastica fondata negli anni '80 da padre Paolo dall'Oglio. Adesso è in Italia per studiare, ma è pronto a rientrare. Nel suo racconto il coraggio di chi mette in conto il martirio di sangue. Sotto le bombe cristiani e musulmani
Venerdì 06/03
LA FONDAZIONE DI BARI
Vent'anni di solidarietà
a fianco delle persone
strangolate dall’usura
Un libro ripercorre la vita di un organismo impegnato nel sociale, nato nel 1994 dall'intuizione dell'arcivescovo Mariano Magrassi. Il forte incoraggiamento dell'arcivescovo Francesco Cacucci. La denuncia del presidente, monsignor Alberto D'Urso: "E un fenomeno ancora oggi molto sommerso, legato anche alla malavita organizzata, con un fatturato incredibile che può 'mettere in ginocchio' lo Stato"
Venerdì 06/03
SORRIDERE AL FEMMINILE
Il primo paio di scarpe
non si scorda mai...
Nel nostro Paese si vendono ottanta milioni di scarpe da donna, mentre gli uomini ne comprano solo 16milioni l’anno. Non ne hanno bisogno? Non avendo ancora assistito a un aumento esponenziale di monaci scalzi, evidentemente i maschi ci fanno davvero meno caso a certe cose. Oppure, lettura maliziosa, sono così impegnati a far le scarpe agli altri che non hanno tempo da dedicare alle proprie
Venerdì 06/03
NEGLI STATI UNITI
"Musulmani americani"
più chance sociali
fanno la differenza
Differiscono da quelli europei sia in termini di quantità che di provenienza. Non c’è un gruppo etnico dominante e si calcola che siano ben 77 i Paesi di origine. Sono in media più benestanti di quelli europei e possono progredire economicamente. Non mancano, però, sacche di malcontento e zone di confine con il mondo violento della jahidismo. Numerose denunce di discriminazioni razziali
Venerdì 06/03
A FIANCO DI CHI SOFFRE
Servizio civile
all’Unitalsi
storia di successo
Il presidente nazionale Salvatore Pagliuca: "Attualmente abbiamo in servizio 304 giovani, in maggioranza ragazze, tra i 18 e i 26 anni. Ma la loro presenza, accanto ai 100mila soci dei quali 30-40mila ‘attivi’, si sta rivelando tutt’altro che trascurabile". Una straordinaria esperienza formativa, umana e professionale, di cui si avvalgono soprattutto i giovani del Sud
Giovedì 05/03
GRANDE OPERA DISCUSSA
Il Kenya scommette
sulla città del petrolio
per crescere del 3%
Sorgerà di fronte all'isola di Lamu, patrimonio dell'Umanità. Preoccupano le conseguenze sulle popolazioni locali, ma si prevedono anche benefici. La Chiesa vigila. Padre Albert Bujis, vicario generale della diocesi di Malindi: "Attraverso la Caritas e la commissione Giustizia e pace - spiega - cercheremo di monitorare quel che verrà fatto e di darne notizia, di far sì che ognuno possa averne vantaggi"
Giovedì 05/03
DIARIO FIORENTINO/3
Abitare la città
è palestra politica
La "Traccia" invita a vivere immersi nel territorio "attraverso una presenza solidale, gomito a gomito con tutte le persone, specie le più fragili". È la "via popolare"... Da questo tessuto cittadino e da questi presupposti, come con La Pira, può rinascere l'impegno dei cattolici. Ma c'è bisogno che anche le parrocchie, grazie soprattutto all'impegno dei laici, tornino ad essere luoghi in cui "abitare"
Giovedì 05/03
LE DOMANDE DEI BAMBINI
Per i piccoli ebrei
la memoria si intreccia
con le ansie di oggi
Sara Cividalli, presidente della Comunità ebraica di Firenze, di professione pediatra, racconta "dal di dentro" i timori e le speranze. Sottolinea il peso dell’informazione, soprattutto televisiva e ribadisce: "Dipende moltissimo dalle famiglie. L’importante è che l’informazione che si dà, sia sempre veritiera ma adatta all’età e in modo che si possa integrare nel tempo. Non si possono raccontare bugie"
Giovedì 05/03
METER METTE IN GUARDIA
Pedofilia, tra gli "orchi"
in aumento le donne
E tante foto di neonati
L’associazione fondata da don Fortunato Di Noto ha individuato su Internet 574.116 foto, rilevato 95.882 video pedofili di minori da 3 a 13 anni, 621 immagini di neonati. Dietro i numeri, bambini abusati, "in molti casi anche sodomizzati e torturati". In "aumento vertiginoso" i neonati violati da donne (70%). 7.712 i siti web monitorati e segnalati alle autorità, 180 le comunità sui social network
Giovedì 05/03
DIVERSA PASTORALE
Giovani cattolici inglesi
alla conquista
del mitico Wembley
L’arena di Londra ospita il 7 marzo oltre 7mila giovani dai 15 ai 30 anni. Don Dermott Donnelly, responsabile della pastorale giovanile nella diocesi di Hexham e Newcastle è l’organizzatore del grande raduno tra spiritualità, amicizia e condivisione: "Tendiamo a pensare che la fede cattolica sia partecipare alla messa della domenica, ma dobbiamo anche inventare nuovi spazi di preghiera per i giovani"
Mercoledì 04/03
IL CASO DI FIRENZE
Eutanasia per scoop
La realtà ci piega
alla giusta prudenza
La vicenda "confessata" da un Caposala a "Repubblica" sembra piuttosto rientrare nella semplice, legittima e moralmente ineccepibile, strategia di rifiuto concordato dell'accanimento da parte dei sanitari in perfetto accordo con i familiari. Resta il dubbio: perché insinuare una pratica eutanasica? Pura e facile propaganda? Il cardinale Giuseppe Betori ha evocato la cultura dello scarto
Mercoledì 04/03
QUESTIONE DI PLURALISMO
Incombe il ritiro
delle frequenze
Tv locali a rischio
Molte emittenti potrebbero scomparire perché trasmettono su frequenze ritenute interferenti con i Paesi confinanti con l’Italia. Luigi Bardelli, presidente del Corallo (300 tra radio e tv d’ispirazione cattolica), propone di "verificare l’effettiva interferenza" e chiede di salvare quelle che non disturbano. Sarebbe un colpo durissimo, economico e occupazionale per decine di emittenti cattoliche
Mercoledì 04/03
CRISTIANI DIMENTICATI
Montagnard senza pace
nel loro Vietnam
E pure in Cambogia
Molti di loro si sono rifugiati nelle foreste, provincia nord-orientale di Ratanakiri, senza cibo e con il rischio di contrarre la malaria, per sfuggire alle persecuzioni che subiscono nel loro Paese d’origine e per evitare che il Governo cambogiano adotti nei loro confronti provvedimenti di rimpatrio forzato, com’è accaduto nel recente passato ed accade ancora oggi
Mercoledì 04/03
NUOVA FRONTIERA SOCIAL
Facebook si fa vivo
con chi presenta
tendenze al suicidio
La direzione del socialnetwork, dopo aver ricevuto una segnalazione di pericolo, si metterà in contatto con la persona in questione, comunicherà che qualcuno è preoccupato per lui, chiederà se vuol essere contattato da un servizio di assistenza o da un amico, e offrirà infine "semplici suggerimenti" per affrontare la situazione. Tutto rigorosamente anonimo e nella tutela della privacy
Mercoledì 04/03
SCARTATA LA VIA DEL DECRETO
Riforma della scuola
Ci pensa il Parlamento
Scelta dal governo la strada del disegno di legge, con tutti i passaggi parlamentari del caso - commissioni, aula, Montecitorio e Palazzo Madama - con il coinvolgimento di maggioranza e opposizioni, fino allo stesso presidente della Repubblica. Oltre al tema dei precari, forse assunti con un apposito decreto, entra nel dibattito anche la possibilità delle detrazioni fiscali per le rette delle paritarie
Martedì 03/03
POVERI FRA I POVERI
Anziani di Betlemme
vivere oggi
è una scommessa
Soli, malati e senza accesso ai servizi di assistenza, si ritrovano a vivere isolati nelle proprie case o in centri di accoglienza con livelli minimi nei bisogni primari e nelle cure mediche di base. Spesso capita di ritrovare anziani morti in casa dopo molti giorni. Se non si ha un figlio maschio che lavori, l’abbandono è quasi certo. Meno male che ci sono la Caritas e le parrocchie
Martedì 03/03
INDAGINE DELLA CATTOLICA
Fare tv per bambini
nel segno dell'Italia:
cultura e informazione
Piermarco Aroldi, direttore del Centro di ricerca sui media e la comunicazione (OssCOm) mette in luce il nesso fra consumo televisivo e alfabetizzazione alla rete. Il digitale ha portato con sé la frammentazione dell'audience e un'offerta sproporzionata rispetto alla platea dei giovani utenti. Posizione dominante dei prodotti esteri. La necessità di recupero per il sistema Italia
Martedì 03/03
VIOLENZA IN VENEZUELA
Contro gli studenti
il regime chavista
ordina la repressione
La morte dello studente Kluiverth Roa, un giovane scout di appena 14 anni, colpito da una raffica partita dall'arma di un agente della Polizia nazionale bolivariana, ha provocato la reazione dell'intera opposizione. Universitari hanno chiesto aiuto al nunzio apostolico Aldo Giordano per gli studenti "detenuti, torturati e perseguitati dalla dittatura del regime di Maduro". Il nunzio ha subito minacce
Martedì 03/03
CARDINALE DI PERIFERIA/3
"È sempre don Franco"
In giro con la Vespa
e la sua croce di legno
"L'unica cosa che so fare è voler bene e amare", afferma il cardinale di Agrigento, senza cattedrale ormai inagibile da anni. Cita don Tonino Bello, don Primo Mazzolari, e sua madre, dama di carità che lo portava nelle case dei poveri e gli diceva sempre: "Ama i poveri". E ancora: "Il Vangelo va preso senza sconti". Un piccolo cruccio: "La nostalgia di aver lavorato molto per i poveri e meno con i poveri"
Martedì 03/03
ACCADE NEI BALCANI
Bosnia, donne coraggio
(e in cooperativa)
nel luogo dell'odio
Serbo-bosniache e bosniaco-musulmane lavorano all'interno della Cooperativa Insieme. "L'obiettivo - spiega la presidentessa Rada Zarkovic - era creare le condizioni per il ritorno dei profughi, in particolare di donne sole che nel corso del conflitto erano scappate o avevano perso figli e mariti". Ora i soci sono 500. L'8 marzo un gruppo sarà a Roma, per la Festa della donna alla Camera dei Deputati
Lunedì 02/03
DOPO L’INCONTRO CON IL PAPA
"Le cooperative
servono
a dare speranza"
Maurizio Gardini, presidente di Confcooperative, ripercorre l’incontro con Papa Francesco sabato scorso in Vaticano. Dal Pontefice è giunto un forte monito contro "le false cooperative": "Sono una patologia grave, che fa un doppio danno. Tutti dobbiamo combatterle". Sulla riforma del credito cooperativo: "Un processo inevitabile" con alcuni punti, però, che siano ben chiari. L’invio all’unione e alla collaborazione tra varie coop
Lunedì 02/03
GOMORRA È LONTANA
La vera rivoluzione
a Scampia
comincia in classe
Da cinque anni studenti romani incontrano i napoletani. Sono gli alunni del liceo San Giuseppe De Merode e gli alunni speciali di "Casa Arcobaleno". Le due strutture sono gestite dai Fratelli delle scuole cristiane. Qui sul territorio (con poveri e rom) si lavora insieme: lasalliani, suore e gesuiti. Vedi "Il giardino dai mille colori", dove ogni mattina vanno all'asilo bimbi rom e napoletani
Lunedì 02/03
CREMLINO SOTTO ANALISI
"L'omicidio Nemtsov
rivela che Putin
è pronto a tutto"
Maria Przelomiec, docente dell'Università di Varsavia, opinionista della stampa cattolica: "In Russia non esiste l'opposizione democratica e non c'è libertà di stampa. Coloro che osano criticare le autorità vengono additati come nemici del popolo che mettono in pericolo la Santa Rus', la quale ha da svolgere una missione speciale poiché rimane l'unico baluardo contro la putredine dell'Unione europea"
Lunedì 02/03
ROTTO L'INCANTESIMO
Responsabilità civile
Un riformismo possibile
Gli effetti sono piuttosto modesti e le modifiche si limitano ad inasprire le sanzioni per i magistrati, che potranno arrivare alla metà dello stipendio, e ad allargare i casi sollevando l’ipotesi di negligenza grave e travisamento del fatto e delle prove. Nessuna rivoluzione, dunque: si tratta, come si legge nel primo articolo, "di rendere effettiva la disciplina", anche alla luce delle norme europee
Lunedì 02/03
PRIMA MESSA IN ITALIANO
Il 7 marzo 1965
la nostra vita cambiò
La prima celebrazione nella parrocchia di Ognissanti sull'Appia Nuova a Roma. Sull'altare Paolo VI, oggi beato. Così, nella continuità della tradizione della Chiesa, il Concilio ecumenico Vaticano II si proponeva di rinnovare le forme del dialogo degli uomini con Dio. Non mutava la fede, cambiava la forma
Lunedì 02/03
LA RIFORMA LITURGICA
"L'italiano per favorire
un dialogo più profondo
tra fede e cultura"
Don Giorgio Bonaccorso, monaco benedettino, docente di liturgia all'Istituto S. Giustina di Padova, fa il punto sui cambiamenti intercorsi e sui traguardi da raggiungere. "L'uomo di oggi è profondamente diverso, basti pensare all'avvento dell'era digitale. Nonostante ciò, la sfida di sempre, per la liturgia, è far entrare i nostri contemporanei nell'orizzonte della speranza...". Bisognerebbe saper utilizzare anche le emozioni




Come Abbonarsi ?


Note e commenti
Photonotizie
Infografiche
Ultima Settimana
Commento al Vangelo