Servizio Informazione Religiosa
Prima Pagina
 
Venerdì 28 Dicembre 2012
FIGLI CON UN SOLO GENITORE
Non è la stessa cosa
In Italia 2.400.000 bambini crescono senza padre e 400.000 senza madre

Francesco Belletti, presidente del Forum delle associazioni familiari (www.forumfamiglie.org), commenta al Sir il fenomeno dell’aumento del numero dei figli cresciuti da un solo genitore: negli Stati Uniti, secondo i dati raccolti dal Census Bureau e dall’American Community Survey, 15 milioni di bambini, addirittura uno su tre, cresce senza il padre e altri 5 milioni senza la madre. In Gran Bretagna, invece, avere un padre risulta nella top 10 dei regali chiesti a Babbo Natale: un dato che fa pensare. Anche in Italia sono oltre 2 milioni e 800 mila i bambini inseriti in famiglie monogenitoriali: 2 milioni e 400 mila circa vivono senza padre e altri 400 mila senza madre.

Quanto incide sulla vita di un bambino vivere con un solo genitore?
“Nell’educazione di un bambino sin dall’origine la differenza sessuale dei genitori è fondamentale, soprattutto essere genitori in coppia da padri e madri è un dato molto importante. Nell’alleanza di coppia si origina la cura per i bambini. Il dato di una crescente presenza di bambini costretti a vivere senza uno dei genitori deve allarmarci: può anche sembrare un dato di maggiore libertà e di possibilità di scelta per gli adulti, ma il bene dei bambini andrebbe messo al primo posto. Questo chiama a una maggiore responsabilità nel progetto di coppia, nell’impegno per sempre, tutti valori che attorno alla parola matrimonio un tempo trovavano una custodia anche sociale. È un po’ la crisi del matrimonio che si porta dietro insieme causa ed effetto di questa grande difficoltà”.

Crescere con un solo genitori è un fenomeno figlio dei nostri tempi?
“Nei secoli precedenti i bambini spesso sono stati orfani, ma per assenze traumatiche, perché le madri morivano molto più frequentemente per il parto e gli uomini morivano molto più giovani. Non è assolutamente nuova la situazione di essere senza genitori, la letteratura è piena di queste situazioni, ma segnalava anche l’impoverimento di questi bambini senza genitori. La società contemporanea, invece, vorrebbe raccontare che stare con un solo genitore è la stessa cosa che avere entrambi i genitori, stabili, fissi, sempre presenti e accessibili per il bambino. Ma non è vero: la stabilità della coppia è la prima risorsa per il benessere del bambino”.

L’aumento dei figli con un solo genitore dipende dall’incapacità di prendere un impegno per sempre come coppia?
“Da un lato, c’è questa illusione del fare famiglia senza matrimonio, del diventare genitori senza un vincolo, una stabilità e senza una forte alleanza tra genitori e comunità sociale. In passato l’assistenza e la cura dei figli era sia dei genitori sia della società nel suo complesso e il matrimonio era il luogo di quell’alleanza esplicita. Oggi i genitori sono abbandonati e questo è un cambiamento che impoverisce le famiglie, gli adulti e anche i bambini. Dall’altro lato, bisogna leggere diversamente questi dati. In molti casi di bambini che vivono solo con le madri o solo con i padri c’è il tentativo della coppia di restare genitori nonostante la separazione. Questa è una fatica che va guardata con grande simpatia e attenzione da parte della società, perché ormai le separazioni avvengono anche in Italia e bisogna aiutare padri e madri a restare genitori dei propri figli anche quando non si vive più nella stessa casa. Sicuramente la qualità di questa genitorialità a distanza dipende molto dal grado di conflittualità dei genitori. Credo che in Italia questa co-genitorialità a distanza sia più presente che negli Stati Uniti, dove ci sono moltissimi casi di gravidanze di adolescenti con un’oggettiva perdita assoluta di uno dei genitori. In Italia c’è questo nuovo laboratorio che dovrebbe essere assistito e accompagnato un po’ di più per non lasciare da soli i genitori”.

Per un bambino crescere con un solo genitore crea problemi affettivi e anche economici?
“La separazione è un grande stress dal punto di vista delle relazioni, dell’identità, del progetto di vita e anche dal punto di vista della situazione economica, perché è un oggettivo impoverimento di entrambi i genitori, ovunque stiano i figli. Per i bambini viene a mancare la quotidianità, la presenza, il tempo passato insieme. Questo tema ci ricorda la grande responsabilità dei genitori nei confronti dei figli, del dare un pezzo di vita per loro. A causa della crisi, poi, anche in Italia c’è il fenomeno della mobilità lavorativa, per cui è sempre più frequente che un genitore si allontani dal luogo dove vive la famiglia. Questo fenomeno negli Stati Uniti è molto più drammatico: quando una coppia separata si trova a mille chilometri di distanza l’accesso al figlio è praticamente impossibile. Al di là di una cattiva retorica che dice che basta separarsi civilmente perché ai bambini non succeda niente, bisognerebbe riaffermare che la separazione è una ferita per i partner ed è tanto più una ferita per i bambini. Le ferite si possono curare, si può continuare a vivere, ma non si può dire che il dolore non esiste. Forse è questo il messaggio che i dati ci dovrebbero costringere ad accogliere con più forza: la separazione è un fattore dannoso”.




Tutti gli altri articoli della settimana

Mercoledì 01/10
STRANO DIBATTITO PUBBLICO
Padrone o imprenditore?
Conflitto superato
fin dai tempi di Pio XII
Flavio Felice, docente di dottrine economiche e politiche: "Anche il partito socialista tedesco (Spd) ci è arrivato nel 1954. Il problema era tutto della sinistra italiana che ora, forse, ha capito che l'imprenditore è un lavoratore come gli altri, solo con una mansione diversa. Basta prendere le encicliche di Giovanni Paolo II per cogliere nell'impresa una comunità di uomini che lavorano"
Mercoledì 01/10
HONG KONG IN BILICO
Il cardinale Tong
indica a tutti
la via del dialogo
Dopo l'ultimatum (dimissioni) lanciato da parte degli studenti al governo, l'arcivescovo invita alla calma i dimostranti e chiede alle autorità di "mettere la sicurezza personale dei cittadini al primo posto nella lista delle proprie preoccupazioni, esercitando moderazione nell'uso della forza e cercando di ascoltare la voce delle giovani generazioni e dei cittadini di tutti i ceti sociali"
Mercoledì 01/10
ADDIO GENERAZIONE DEI LAGER
Mario e Lidia...
Come i nostri nonni
memoria preziosa
Pochi giorni fa, a 91 anni, è morto Mario Limentani, sopravvissuto all'orrore di Mauthausen. Qualche tempo fa ci ha lasciati Lidia Rolfi Beccaria, reduce dal campo di concentramento di Ravensbrück. Per loro, ultimi testimoni, valgono le parole pronunciate da Papa Francesco celebrando i nonni: "Un popolo che non ha memoria non ha futuro"
Mercoledì 01/10
EUROPEI SENZA MEMORIA
La tentazione infinita
di tirar su nuovi Muri
Emerge nelle pieghe del secessionismo catalano che ha indetto il voto popolare per separarsi dalla Spagna proprio nel giorno (il 9 novembre) del 25° anniversario della caduta del Muro di Berlino. Sembra davvero che il voto di maggio non abbia insegnato nulla e che lo spavento scozzese non sia bastato. Intanto la Francia premia ancora Le Pen e incombe il voto in Bosnia-Erzegovina
Mercoledì 01/10
MILIZIE CRISTIANE IN IRAQ
"Non sono crociati
Difendono solo
le donne e i loro figli"
Il vescovo ausiliare caldeo di Baghdad, monsignor Shlemon Warduni: "Chi ha deciso di creare milizie o gruppi armati cristiani non ci ha chiesto pareri né tantomeno ci ha consultato per avere consigli". E precisa: "La difesa personale è legittima. Non difendersi in questi casi significa morire". In azione un centinaio di volontari nella Piana di Ninive per fronteggiare i miliziani dello Stato islamico
Mercoledì 01/10
C'È SEMPRE UN MISSIONARIO
Accanto a chi soffre
nell'indifferenza globale
Missio, organismo pastorale della Cei che rappresenta in Italia le Pontificie Opere Missionarie, ha scelto come slogan per la Giornata missionaria mondiale "Periferie, cuore della Missione". Richiamando l'attenzione dei fedeli sul tema della periferia, tanto caro al Vescovo di Roma
Martedì 30/09
TACCUINO DI VIAGGIO
Nella terra di Giorgio
calzolaio d'America
oggi arrivano i migranti
Da terra di emigranti, la Sicilia è diventata approdo e rifugio per i nuovi migranti. Oggi le coste italiane, in particolare quelle siciliane, sono prese d'assalto da barconi colmi di immigrati in cerca di aiuto. Come noi nel secolo scorso, gli immigrati di oggi cercano tutti, allo stesso modo, migliori condizioni di vita, in molti casi addirittura protezione come nel caso dei rifugiati di guerra
Martedì 30/09
TANTI BIMBI IN ATTESA
Adozioni al palo
Così l'Italia
non cambia verso
Serpeggia nel nostro Paese una logica strana e contraddittoria: da un lato si tenta di affermare e garantire un presunto diritto ad avere un figlio a tutti i costi, dall'altro si fa poco per garantire il sacrosanto diritto di ogni bambino ad avere dei genitori. Le posizioni di Marco Griffini (Aibi), Susanna Galuppo ("Adozioni senza frontiere"), Donata Nova Micucci (Anfaa)
Martedì 30/09
GIORNATA MONDIALE 2015
Sì, la famiglia ha bisogno
di una nuova narrazione
Sfuggendo da un lato alle rappresentazioni mortificanti della cultura contemporanea, che la vedono come una istituzione obsoleta e oppressiva, o negano la specificità della famiglia eterosessuale. Ma sfuggendo anche alle narrazioni puramente difensive, che trasformano la famiglia nella bandiera di una battaglia ideologica, che spesso con la vita vissuta delle famiglie ha ben poco a che fare
Martedì 30/09
PRETI DI STRADA/1
"Io porto addosso
l’odore della paura
di non farcela"
Padre Matteo Tagliaferri, religioso vincenziano, 69 anni, una vita spesa al servizio dei giovani che "si ingannano di trovare nelle droghe ogni genere di benessere della vita e che invece si ritrovano svuotati e spenti". La sua "Comunità in Dialogo" è nata quando lui era parroco a Casamaina, in provincia dell’Aquila. Poi a Trivigliano (Frosinone). E da lì in Perù, Colombia, Camerun e Ucraina
Martedì 30/09
OLTRE LA ''DITTATURA''
Pensare insieme?
Questione di comunità
Tutti respirano i miasmi del pensiero unico, il quale decide da solo "che cosa esiste e che cosa no, di che cosa si può parlare e di che cosa è proibito". Le comunità cristiane, dalle più piccole alle più grandi, devono diventare luoghi di pensiero. Con lo stesso impegno posto per la catechesi, per la celebrazione dei sacramenti e per la carità
Lunedì 29/09
CON ''OCCUPY CENTRAL''
Hong Kong, nella piazza
(democratica)
anche tanti cattolici
Fra i manifestanti anche il cardinale Joseph Zen, vescovo emerito di Hong Kong, 82 anni. Gli obiettivi della mobilitazione popolare: ottenere il suffragio universale in vista dell'elezione del nuovo presidente, prevista nel 2017 e quindi superare la previsione che i candidati possano essere solo 3, scelti da un comitato pro-Pechino; rilanciare il processo di riforma politica nel territorio
Lunedì 29/09
VERSO IL 4 OTTOBRE
Da Torino a Roma
Famiglie in piazza
Domenica scorsa la grande festa in piazza Carlo Alberto del Forum delle associazioni familiari per riaffermare la presenza nello spazio pubblico. Sabato prossimo a Roma invitati da Papa Francesco in un'altra piazza, ben più grande e impegnativa, quella piazza San Pietro in cui offrire ai lavori del Sinodo la testimonianza e la preghiera di famiglie
Lunedì 29/09
CON FRANCESCO E BENEDETTO
Un popolo di "alberi"
questi nonni del mondo
Continuano a portare frutto, nonostante la vecchiaia, che non toglie peso agli anni. In piazza San Pietro tre generazioni di famiglia (nonni, figli e nipoti) per vivere insieme un momento di gioia e di gratitudine. Teste bianche serenamente pazienti e partecipi, commosse da chi racconta storie simili alla loro e spesso chinate sui nipoti per rispondere alle loro domande
Lunedì 29/09
VERSO IL SINODO
"Parleremo di famiglia
senza paure e sospetti
Cercheremo la verità"
Il cardinale Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo, a proposito del dibattito sulla comunione ai divorziati: "Io mi domando perché non parlare anche della poligamia, dei matrimoni combinati, dei matrimoni misti, delle povertà di ogni tipo che creano spesso le condizioni per separazioni, divorzi, fallimenti?". Occorre "trasmettere ai giovani la bellezza del Vangelo della famiglia"
Lunedì 29/09
TRANSIZIONE DEMOCRATICA
In Guinea Bissau
rimosso
il generale golpista
Il presidente della Repubblica, José Mario Vaz, ha deciso la rimozione del capo di stato maggiore, Antonio Indjai, con un passato da golpista e pesanti accuse legate al narcotraffico. Ora la popolazione dell’ex colonia portoghese chiede al governo di assicurare lo sviluppo. Un compito che, per monsignor Lampra Cà, ausiliare di Bissau, va svolto guardando innanzitutto "alla dignità dell’uomo"




Come Abbonarsi ?


Note e commenti
Photonotizie
Infografiche
Ultima Settimana
Commento al Vangelo